Bundesliga: Heynckes, buona la prima! Primo ko per il Dortmund

di Stefano Lillo

Le Vespe riscoprono il brivido della sconfitta in campionato dopo 41 risultati utili consecutivi; solo un pareggio per l’Hoffenheim fermato sul 2-2 da un ottimo Augsburg. Bene Schalke e Francoforte.

Jupp ricomincia così come aveva iniziato: vincendo. La manita calata al Friburgo permette di dimenticare il periodo Ancelottiano e la transizione vissuta con Sagnol. Apre la festa una deviazione maldestra di Schuster che beffa Schwolow; raddoppia Coman sul finire di primo tempo. Nella ripresa i gol di Thiago, Lewandowski e Kimmich fissano il risultato sul 5-0.

Continua il periodo nero del Colonia, alla nona sconfitta nelle ultime dieci partite tra campionato e coppa. La terza marcatura stagionale di Akolo arrivata al 94’ permette allo Stoccarda di allontanarsi dalla zona retrocessione, vanificando così il pareggio ospite di Heintz.

Termina in parità il match tra Hoffenheim e Augsburg: i padroni di casa riescono a passare due volte in vantaggio, prima con Hubner poi con Uth, ma Gregoritsch l’autorete di Vogt al minuto 89 garantiscono un preziosissimo punto alla squadra ospite che sale così a quota 12 punti portandosi a un solo punto dalla sesta posizione.

Decisivi gli ultimi minuti di gioco anche in Hannover-Eintracht: lo scavetto di Sebastien Haller al decimo vale il vantaggio per il Francoforte, fino al pareggio neroverde di Sane. La partita è decisa dall’ex Viola Rebic, caparbio nello sfruttare l’assist di Haller a un minuto dal triplice fischio finale.

Vittoria esterna anche per lo Schalke 04 che sbanca così l’Olympiastadion di Berlino. L’espulsione di Haraguchi spiana la strada ai ragazzi di Domenico Tedesco che grazie a Burgstaller e al rigore di Goretzka riescono ad ottenere la quarta vittoria in stagione.

Partita quantomeno vivace quella giocatasi tra Magonza e Amburgo. Il festival del gol è inaugurato al 2’ da Maxim, imbeccato dal Giulio Donati, per continuare appena 7 minuti più tardi con l’1-1 del 22enne brasiliano Wallace.
Nella ripresa Bell e una papera di Mathenia, sfruttata da Danny Latza, regalano il tris al Mainz. Il gol del definitivo 3-2 porta la firma di Salihovic.

Prima sconfitta stagionale per il Borussia Dortmund che non riesce a capitalizzare al meglio la supremazia mostrata in campo, finendo addirittura per incassare ben 3 reti da un Lipsia privo della sua punta di diamante Timo Werner, a causa del possibile acutizzarsi dei problemi all’apparato uditivo sorti nel match di Champions contro il Basiktas. Nonostante il vantaggio iniziale messo a segno da Aubameyang, gli ospiti riescono nell’impresa di ribaltare il risultato per merito del trio d’attacco Augustin-Poulsen-Sabitzer, capace di annichilire le Vespe tra le mura amiche del Westfalenstadion. Utile solo a fini statistici la rete del 2-3 di Aubameyang, al decimo sigillo in campionato.

Si dividono la posta in palio con due reti per parte Leverkusen e Wolfsburg: i padroni di casa, tra primo e secondo tempo, passano per ben due volte in vantaggio facendosi però altrettante volte agguantare da Arnold e compagni. Al 44’ Origi risponde all’1-0 di Lars Bender, poi Kuba pareggia i conti dopo il 2-1 di Alario.

Chiude l’ottava giornata la vittoria del M’gladbach che grazie alle reti di Stindl e Vesteergard supera lo Schalke, portandosi a quota 14 punti ad una sola lunghezza dall’Hoffenheim quarto.