Champions League: Ronaldo show! Il Real vola in semifinale. Leicester, sogno infranto

Il Real con fatica e l’Atletico sul velluto, staccano il pass per le semifinali, niente da fare per Bayer e Leicester che pur giocando due grandi partite, vedono i club della Capitale spagnola volare nuovamente in semifinale, ed ora a Madrid in molti sognano il terzo derby di Champions

Real Madrid – Bayern Monaco
Dopo una settimana di attesa, al Bernabeu va di scena il big match di ritorno tra Real Madrid e Bayern Monaco,gara da tutti definita come un’autentica finale anticipata. Il Real a tale match arriva con il vantaggio conquistato nella gara di andata giocata in Baviera, in cui uno strepitoso e Cristiano Ronaldo non solo ha permesso ai blancos di vincere il match, ma ha anche centrato un altro importante record personale,diventando il miglior marcatore a livello europeo grazie alle 100 reti realizzate. Dal canto suo il Bayern arriva a tale match con la voglia di dover per forza di cose far bene,e con la consapevolezza di poterlo fare. Ad impreziosire una gara già di suo stellare, ci pensa l’interessante scontro tra Ancelotti e Zidane,entrambi vincitori di una Champions a testa proprio sulla panchina del Real, entrambi un tempo colleghi, ed ora avversari. Nonostante il pronostico sfavorevole, dopo ben nove minuti dal calcio d’inizio la formazione bavarese cerca subito la rete che possa sbloccare il risultato, Ribery dalla sinistra mette in mezzo una deliziosa palla per Lewandowski, il giocatore polacco che calcia, Marcelo miracolosamente però devia,sulla respinta arriva Robben, ma l’olandese spara sull’esterno della rete da posizione favorevole. Il Real non ci sta ed al 25’ con Ramos potrebbe pareggiare, ma il destro del difensore non trova buona sorte, al 35’ Kroos servito da Carvajal, spara alto sulla traversa. L’offensiva dei blancos non accenna ad arrestarsi ed al 41’ Marcelo serve, ma Ronaldo da posizione favorevole non inquadra il bersaglio, mandando cosi il primo tempo agli archivi. Nella ripresa in molti pensano che il copione possa essere lo stesso del primo tempo, ma al 51’ Robben in piena area viene steso da Casemiro, per il direttore di gara non ci sono dubbi ed assegna alla formazione tedesca il calcio di rigore, sul dischetto va Lewandowski che senza esitare fulmina Navas riaprendo cosi il discorso qualificazione. Con il ritrovato pareggio il Bayern torna a crederci, tanto che al 69’Lewandowski sfonda per vie centrali, ma ad arrestare l’ariete polacco ci pensa Navas, dal canto suo il Real non ci sta e reagisce con Ronaldo che al 75’ sfrutta bene un assist di Casemiro, firmando cosi il momentaneo 1-1 e salendo a quota 101 un gol. Il Bernabeu esplode ed il Real sogna già le semifinali, ma al 76’ su di un cross di Robben, una mancata comunicazione tra Ramos e Navas, fa si che i blancos da soli regalino al Bayern la rete del 2-1, portando il match ai tempi supplementari dove cambia relativamente poco, perché al 105’ Ronaldo servito da Ramos firma la rete del 2-2, trascorrono 5 minuti ed al 110’ il portoghese sfruttando bene l’assist fornitogli da Marcelo,autografa il 3-2. Il Bayer va alle corde ed al 112’ Asensio realizza il 4-2 che regala al Real le semifinali ed il sogno di poter mettere in bacheca la dodicesima Champions League della propria storia. Discorso diverso per il Bayer, che nonostante il risultato esce a testa alta, ma con la consapevolezza di aver fatto troppo poco tra le mura amiche,vantaggio che a questo Real non si può concedere.

Leicester – Atletico Madrid
Dopo aver realizzato l’impresa di aver vinto il campionato di Premier League nella scorsa stagione, ed essere arrivati fino ai quarti di finale, il Leicester tra le mura amiche sogna di compiere ancora un’impresa: ossia raggiungere per la prima volta nella sua storia, le semifinali di Champions League, vista la sola rete di svantaggio rimedita nella gara di andata giocata a Madrid. Dal canto suo il ben più blasonato ed esperto Atletico, cerca il pass per la terza semifinale in quattro anni,le premesse per assistere ad un grande match sembrano buone, ma le volpi nella prima frazione di gioco, non si rendono quasi mai pericolose ed il primo tempo sta tutto in una combinazione tra Vardy ed Okazaki, con il giapponese che manda alle stelle il pallone. L’Atletico non si scompone gioca una partita fatta di difesa e ripartenze ed al 26’ Felipe Luis serve, Niguez di testa firma il momentaneo 1-0 che manda agli archivi la prima frazione di gioco. Nella ripresa il copione cambia, il Leicester alza i ritmi ed al 61’ pareggia i conti con Vardy,che quasi fosse posseduto sfiora anche la rete del 2-1, l’Atletico incassa, resiste ai colpi e chiude il match sul definitivo 1-1 che consente al team di Madrid di raggiungere la terza semifinale dell’epoca Simeone, ponendo cosi fine alla bellissima favola del Leicester.

Davide Piteo