Europa League: Questa Roma può sognare in grande, Dzeko affonda il sottomarino giallo!

Ricomincia stasera l’Europa League con i sedicesimi di finale. Delle quattro squadre italiane sono rimaste in corsa solo Fiorentina e Roma, che nonostante la qualifica come prime del girone si trovano davanti due difficili sfide, rispettivamente contro Borussia Monchengladbach e Villareal. I Viola ottengono una importante vittoria in Germania, nonostante una partita sofferta. Anche la Roma vince 4-0, con tripletta di Dzeko, una delle sue migliori partite a livello europeo. Bilancio insomma molto positivo per l’Italia in questa andata dei sedicesimi.

MONCHENGLADBACH – FIORENTINA, 0-1. Sousa ha dichiarato che chi vincerà questa sfida “ha davvero la possibilità di andare fino in fondo”. E’ infatti questa una delle partite più dure di questo turno, ma i viola arrivano da un periodo di ottima forma e sono determinati a conquistare gli ottavi. Tuttavia, a inizio partita, la Fiorentina soffre l’aggressività del Gladbach, che galvanizzato dalla spinta del pubblico, si porta subito in attacco. Sousa presagiva questo atteggiamento, ma la sua squadra non riesce a trovare la ripartenza e la prima mezz’ora di gioco passa senza neanche un tiro in porta. La svolta della partita porta, ancora una volta, la firma di Bernardeschi, che segna allo scadere del primo tempo un gol meraviglioso su una punizione dai 25 metri: le statistiche dicono un tiro in porta e un gol per la Fiorentina, contro i 7 del Gladbach, che però non riesce a concretizzare, nonostante abbia espresso un calcio migliore. Il gol di Bernardeschi dà fiducia alla squadra, che nel secondo tempo riesce a gestire il vantaggio, anche se non riesce a trovare il secondo gol, che pure sarebbe potuto arrivare. La vittoria in Germania, alla luce di una partita non giocata bene, è un ottimo segnale per il passaggio del turno, ma a Firenze la squadra non può comunque permettersi distrazioni.

VILLAREAL -ROMA, 0-4. Quella di stasera è già una partita da quarti o semifinale, è un peccato, comunque vada, che una di queste squadre debba abbandonare la competizione prima degli ottavi e ciò potrebbe fare pensare che forse sarebbe meglio, come già alcuni propongono per la Champions, dividere anche per le sfide dirette la squadre in testa di serie. Il primo tempo è molto equilibrato con occasioni da entrambe le parti, ma presto la Roma inizia a mostrare la sua superiorità e trova il vantaggio per con un gol di Emerson, che calcia con il sinistro (non il suo piede) dando al pallone una traiettoria imprendibile. La Roma ha più occasioni per raddoppiare, ma il primo tempo si chiude sull’1-0. All’inizio del secondo i giallorossi perdono un po’ le redini del gioco, spesso non riescono a gestire il pallone, ma il Villareal non ne approfitta e al 62’ Salah, appena entrato al posto di El Shaarawy, serve uno splendido assist a Dzeko, che segna il 2-0. La partita viene poi chiusa, come probabilmente anche la qualificazione, da altri due gol ancora del bosniaco, sempre più determinate per la squadra. La Roma si conferma così una delle favorite a vincere il torneo, per il bel gioco, la solidità mostrata e soprattutto grazie a un giocatore mostruoso come Dzeko, capocannoniere dell’Europa League.

Cecilia Fiora