Europei Under 21: La Slovacchia fa il colpaccio, pari tra Svezia e Inghilterra

La Slovacchia guida la classifica del gruppo A dell’Europeo Under 21 dopo la prima giornata grazie al successo sulla Polonia, 2-1 in rimonta

Svezia-Inghilterra 0-0
Il fischio d’inizio tra Svezia – Inghilterra, alle ore 18 allo stadio di Kielce, segna anche l’inizio di una nuova edizione degli Europei U21 in Polonia. A contendersi la vittoria la squadra vincitrice del titolo nel 2015 ed una delle favorite del torneo. Gli inglesi, allenati da Boothroyd, sono scesi in campo con l’intenzione di avere un atteggiamento molto offensivo, mentre gli scandinavi di Ericson hanno subito tentato di contenere gli anglosassoni. Entrambi gli allenatori hanno studiato molto la partita. Le punte inglesi, Backer ed Abraham, su cui si puntava molto, non sono parsi totalmente in partita. Inoltre, gli svedesi hanno saputo contenere in modo efficace Chalobah. Se all’inizio la Svezia sembra soffrire l’attacco dei sudditi della regina, in seguito gli scandinavi sono parsi subito più organizzati e sono riusciti a tenere a bada gli inglesi, poi impossibilitati a penetrare nell’area avversaria. La fine del primo tempo si è risolta, dunque, in un nulla di fatto, con 0 reti ciascuno. Il secondo tempo, inizialmente, sembra confermare l’ottima prestazione contenitiva degli scandinavi. L’obiettivo di entrambe le squadre sembra quello di non fallire quest’appuntamento e di evitare di perdere. Al 49’ una palla schizza nell’aria svedese, creando un brivido nei tifosi inglesi. Abraham, però, non coglie l’occasione e manca una potenziale occasione da goal. In area, pare che gli inglesi non riescano del tutto a sfruttare la loro fisicità e, quindi, a mettere in seria difficoltà gli avversari. L’imprevedibilità che ha sempre contraddistinto gli inglesi sembra mancare in questo match contro i nordeuropei. Brivido al 56’ per i britannici, grazie alla grande giocata di Cibiski che finisce in traversa, dando l’impressione che la Svezia possa sbloccare il risultato e portando gli scandinavi a crederci e a pressare di più la metà campo avversaria. Al 79’, ingenuità degli inglesi che concedono un calcio di rigore alla Svezia, ma l’Inghilterra si salva per via di un tiro calciato malissimo da Walhqvist e della pronta parata di Pickford. La Svezia subito tenta di reagire, nonostante l’Inghilterra si confermi una brutta gatta da pelare per qualsiasi squadra. Nulla di fatto. Svezia – Inghilterra si chiude con un pareggio a porte inviolate.

Polonia-Slovacchia 1-2
Alle 20,45, invece, da Lublin, chiamata la Oxford d’oriente per la grande concentrazione di studenti universitari, la padrona di casa, la Polonia, incontra la Slovacchia dopo la cerimonia d’apertura degli Europei. L’esibizione è ispirata a “Il mago di Lublino”, romanzo tradotto in moltissime lingue. Grandi assenti per la squadra locale Milik e Zielinski, non autorizzati dal Napoli a presenziare al torneo. In meno di un minuto, la Polonia si porta in vantaggio con un goal di Lipski, che va per la prima volta in rete con la maglia della nazionale dopo 13 presenze. Diversi i tentativi di replicare della Polonia nella prima metà del primo tempo, tuttavia senza successo. Arriva quindi l’azione della Slovacchia che, con un assist di Chrien al 20’, porta Valjent a segnare il goal del pareggio. Nonostante una partenza difficile che l’ha vista subito in svantaggio, la Slovacchia tenta di risollevare la testa e di concedere meno spazi possibili alla squadra di casa, supportata dal pubblico. Il primo tempo si chiude in pari, senza ulteriore recupero. Alla ripresa, al 48′ la Polonia è di nuovo pericolosa con un tentativo di Frankowski, bloccato però dal portiere slovacco. Anche Linetty, con un tiro forte ma poco preciso, al 76’ sfiora il vantaggio polacco non centrando di poco la porta. Solo due minuti dopo, per un clamoroso errore in fase difensiva, è la Slovacchia a portarsi in vantaggio con un goal di Safranko. Il portiere slovacco Chovan riesce a salvare il 2 a 1 parando un tiro di Dawidowicz all’80’, che sarebbe finito all’incrocio dei pali. Dopo 4 minuti e mezzo di recupero, la squadra di casa esce sconfitta davanti al suo pubblico, tra le mura amiche. La Slovacchia mette in tasca tre punti e si porta in testa al gruppo A, con alle spalle Inghilterra, Svezia e Polonia.

Clara Caiola