Global Discovery: Svezia, talenti crescono, ecco Simon Gustafsson

Ai più la parola “Allsvenskan” potrebbe sembrare una parolaccia di matrice scandinava ma per un osservatore questa parola ha un significato diverso, parliamo infatti del massimo campionato svedese che ormai rappresenta una realtà importante dello scout internazionale.

Il giovane Matteo Fittavoilini, con un passato nel Siena come team manager prima e co-direttore sportivo poi, oggi titolare della Princeconsulting con la quale offre a società e agenti servizi di consulenza su tutti i campionati europei, ci  offre l’occasione di conoscere quello che considera il miglior talento del campionato svedese nonché uno dei prospetti più interessanti a livello europeo: Il centrocampista della rappresentativa svedese Under 19 Simon Gustafsson che lo scorso 26 maggio, con due gol e un assist per il romanista Berisha, ha inflitto una pesante sconfitta per 3-1 ai pari età della selezione Italiana guidata da Mr. Pane.

Questa la sua scheda:

“Alto 185 centimetri per 77 di chili di peso, Simon Gustafsson è un calciatore svedese, classe 95, in forza al BK Hacken. Longilineo, dotato di buona struttura fisica, dal punto di vista atletico presenta una completezza impressionante: resistente, forte, rapido e veloce, è il prototipo del giocatore moderno.

Mancino, dotato di una tecnica notevolissima, ha nella protezione di palla e nell’ultima giocata le sue caratteristiche principali. La sua velocità d’esecuzione ricorda quella del Belga De Bruyne, mentre la sua postura del corpo fa venire in mente Strootman. Le sue statistiche in campionato sono davvero impressionanti, infatti in 26 presenze, 15 delle quali da titolare, ha totalizzato uno score di 6 reti e 4 assist, numeri insoliti  per un centrocampista. Tatticamente è ancora in fase embrionale e viene spesso utilizzato come mezzala con compiti difensivi abbastanza ridotti, ma ha tutto per diventare un centrocampista assolutamente completo. Probabilmente il miglior prospetto dell’intero panorama calcistico svedese”.

La sua attuale situazione contrattuale può essere un fattore favorevole per quei club che volessero tentare un offensiva in quanto va a scadenza nel gennaio 2015. Il suo entourage fa sapere di  volerlo trattenere ancora un anno in Svezia per maturare ma Simon ha le stigmate del predestinato e diventerà presto protagonista fuori dall’Allsvenkan, in una grande squadra dell’Europa che conta.

Scheda di Matteo Fittavolini

VIDEO

I fokus: Simon Gustafson from BK Häcken on Vimeo.