Liga: Il titolo è cosa per due! Il Siviglia abdica, vince l’Atletico

Vince il Real e il Barça replica allo stesso modo: la corsa al titolo è solo affare loro. L’Atlético vince lo scontro diretto dei piani alti contro il Siviglia, portandosi a -2 proprio dalla banda Sampaoli, che dice addio al titolo. Subito dietro perdono Villarreal, Real Sociedad e Athletic Bilbao, concedendo una possibile rimonta alle loro inseguitrici, e infiammando quindi la lotta per un posto in Europa League. In coda, importante successo dello Sporting Gijón, che si aggrappa alle ultime speranze di permanenza in Primera División.

LA PARTITA DEL VENERDÌ
LAS PALMAS-VILLARREAL 1-0 Si ferma la corsa del Villarreal, dopo le recenti tre vittorie consecutive. L’incubo del sottomarino giallo è Kevin Prince Boateng: prima sblocca il match di testa, poi fa espellere Víctor Ruiz, che lascia in 10 i suoi compagni per più di un’ora. La zona Champions si allontana, ma nella bagarre per l’Europa League, almeno, perdono tutte.

LE PARTITE DEL SABATO
EIBAR-ESPANYOL 1-1 Lo spareggio per l’Europa rimane insoluto: fra Eibar ed Espanyol regna l’equilibrio, dettato dai gol di Kike nel primo tempo e Jurado nella ripresa. Per l’attaccante di casa si tratta del secondo gol consecutivo, il primo da titolare dopo il rientro dal lungo infortunio.

ATHLETIC BILBAO-REAL MADRID 1-2 Cade il San Mamés dopo le 19 partite di imbattibilità dei padroni di casa. E non poteva che cadere al cospetto della capolista. Il Real vince una partita chiave nella corsa al titolo, grazie alle zampate di Benzema e Casemiro, entrambe ispirate da Cristiano Ronaldo, ancora a secco in questo stadio, e infastidito con Zidane al momento della sua sostituzione. Non basta il gol del momentaneo pareggio di Aduriz all’Athletic, che in virtù dell’1-1 dello stadio Ipurúa, perde però un solo punto sulle due inseguitrici.

ALAVES-REAL SOCIEDAD 1-0 Seconda sconfitta consecutiva per la Real Sociedad, che in un soffio vede allontanarsi il quarto posto da un punto a sette. Inciampa ancora in un derby basco (una sola vittoria negli ultimi sette disputati), contro un Alavés ora nuovo candidato alla zona Europa League. Il gol vittoria arriva a fine primo tempo e porta la firma di Deyverson. Nella ripresa Granero colleziona due ammonizioni in 5 minuti, rischiando di far aumentare il passivo, tenuto sotto controllo solo grazie alle parate di Rulli.

BETIS-OSASUNA 2-0 Basta un tempo al Betis per mettere in ghiaccio la partita e, praticamente, la permanenza in Primera División. Rafa Navarro e Rubén Castro fanno il loro gioco dinanzi alle enormi lacune difensive degli ospiti, che incassano le reti numeri 66 e 67 in stagione; nell’ultimo mese e mezzo addirittura 24, con lo spesso incolpevole Sirigu fra i pali.

LE PARTITE DELLA DOMENICA
LEGANES-MALAGA 0-0 Primo punto per il neo-tecnico del Málaga, Michel, subentrato a Romero che nel solo 2017 aveva collezionato appena cinque punti. Lo scontro salvezza non restituisce il bottino pieno a nessuna delle due squadre, che sentono ora la pressione dello Sporting Gijón, la più accreditata delle ultime tre a salvarsi.

ATLETICO MADRID-SIVIGLIA 3-1 Momento nero per il Siviglia: 2 punti nelle ultime tre uscite di Liga con annessa eliminazione dalla Champions. Il discorso titolo si chiude definitivamente, con il Real che scappa a +8, e ora c’è da guardarsi le spalle proprio dall’Atlético: la quarta posizione è vicina due soli punti. A segno Godín, Griezmann e Koke (5 gol al Siviglia, sua vittima preferita), prima del gol bandiera di Correa, sempre in “zona Sampaoli”, ma questa volta inutile alla causa.

DEPORTIVO-CELTA VIGO 0-1 Il derby galiziano va al Celta Vigo, grazie al solito Iago Aspas. Il 10 del Celta sigla il suo quindicesimo centro stagionale, restituendo ai suoi una piccola speranza per un posto in Europa. In realtà c’è ancora speranza per quella che conta, perché l’eventuale vittoria dell’Europa League varrebbe il pass automatico per la Champions. Si interrompe la striscia di imbattibilità del Deportivo, ancora pericolosamente vicino alla zona retrocessione.

SPORTING GIJON-GRANADA 3-1 Lo Sporting Gijón si aggiudica lo scontro salvezza più importante, ribaltando il gol subito dal Granada in apertura di ripresa, e sorpassando proprio gli andalusi in classifica. Ingason illude gli ospiti, prima dei terrificanti sette minuti in cui i biancorossi invertono l’inerzia del match, grazie a Traoré, Babin e Carmona. Migliore in campo il portiere del Granada, Ochoa, che nel finale si toglie pure la soddisfazione del rigore parato a Traoré.

BARCELLONA-VALENCIA 4-2 Il Barça risponde al Real e torna a vincere dopo lo stop di settimana scorsa. Suárez, Messi su rigore, Messi su azione e André Gomes nel finale fanno esplodere il Camp Nou, ammutolito al momentaneo vantaggio di Mangala e al momentaneo pareggio di Munir. L’espulsione dello stesso Mangala ha però messo in discesa la partita, essendosi giocata per metà in 11 contro 10. Per il Valencia la zona retrocessione dista ancora 9 punti; i blaugrana si riavvicinano ancora alla vetta, ma il Real ha sempre una partita da recuperare.

Carlo Pignataro