Major League Soccer: Toronto e Seattle vedono la finale

Toronto e Seattle pronte per darsi nuovamente battaglia nella finale nazionale, ma per far questo dovranno prima superare due ostici ostacoli rappresentati da Columbus e Houston

Ancora qualche settimana di attesa e poi sapremo chi sarà la vincitrice del titolo 2017 in MLS, in tanto ci sarà da attendere il prossimo 22 novembre, giorno in cui andranno in scena le gare di andata delle semifinali di conference, che ad est vedranno Columbus e Toronto, affrontarsi per staccare il pass valido per la finale, mentre ad ovest i campioni in carica di Seattle, per arrivare in finale e cercare di mantenere il titolo dovranno prima superare gli Houston, pratica non proprio agevole da archiviare. Tutte formazioni in grado di poter vincere, tutti club costruirti per lottare fino in fondo, e questo fa chiaramente capire quanto tirate saranno le finali, su tutti ovviamente spicca il Toronto. La formazione dell’Ontario dopo aver vinto ben sei coppe canadesi, un titolo di conference lo scorso anno, ed il Supporters ‘shield al termine della regular season 2017, va a caccia di quel titolo che sogna ormai da diversi anni. Infatti il New York Red Bulls, pur se armato di un buon roster e tante buone intenzioni, contro il Toronto pur dicendo la sua, ha potuto far poco o nulla, a condannare il team della Grande Mela, il 2-1 subito in casa, al quale ha risposto imponendosi per 1-0 in Ontario, ma le due reti realizzate in esterna hanno promosso per il secondo anno consecutivo il Toronto alla finale di Conference dove incrocerà il Columbus.

Il team dell’Ohio in tale match poterà in campo dal canto suo una bacheca di tutto rispetto, composta da un titolo di MLS vinto nel 2008, 1 Open Cup conquistata nel 2002, e ben 3 Supportes’Shield, vinti al termine delle regular season 2004,08,09 . Tra le due formazioni ci sono ben 21 precedenti, 8 le vittorie per parte con nel mezzo 5 pareggi, segno che quando entrambe le compagini si affrontano lo fanno senza paura ed a viso aperto, finale dunque che si preannuncia decisamente interessante ed arroventata, soprattutto perché in tanti attendo lo scontro tra Gionvico ed Higuain, duello però che non ci sarà nel match di andata, gara in cui la formica atomica non scenderà in campo per via di un turno di squalifica, rinviando il tutto al return match. Non meno interessante sarà la finale di Wetern conference, da un lato il Seattle campione in carica e vincitore di ben 4 coppe nazionali e del Supportes’shield nel 2004, cercherà di conquistare il pass per la seconda e consecutiva finale nazionale, dove cercherà di mantenere il titolo conquistato lo scorso anno. Per far questo però dovrà superare un ostico Houston, che fino ad oggi ha messo in bacheca la bellezza di ben 2 campionati, tra le due formazioni ci sono ben 14 precedenti, 4 le vittorie per la formazione texana, 5 quelle per il Seattle, nel mezzo ben 5 pareggi, finale anche questa che si preannuncia combattuta e tutta da seguire. Play off amari per Chicago ,San Jose,Atlanta e Kansas, tutte eliminate nei quarti di finale, ma su tutte l’unica a ricavarne applausi è stata solo la formazione della Georgia, autrice di un campionato fantastico, cosa mai successa ad una matricola. Non sorride neanche la città di New York vista l’eliminazione in semifinale sia dei Red Bulls che del City, al tempo stesso l’intera città ha saluto Andrea Pirlo, che al termine delle semifinale di ritorno contro il Columbus ha chiuso la sua carriera nel calcio giocato. Stesso discorso per Kakà,la stella brasiliana dopo tre stagioni trascorse ad Orlando, dove ha collezionato 74 presenze, realizzando 24 reti e 22 assist, senza mai condurre la sua squadra alla disputa dei playoff, ha lasciato la Florida per far ritorno al San Paolo e chiudere in Brasile la sua carriera. Dunque archiviate le semifinali ora la concentrazione del popolo nord-americano è tutto rivolto alle due finali di conferece, che dati alla mano si preannunciano molto spettacolari e combattute.

Davide Piteo