Preview Calcio Estero: Il Leicester saluta Ranieri, in Spagna c’è Atletico-Barcellona

In Inghilterra lo United si gioca la Coppa di Lega. In Spagna occhi puntati su Atletico-Barcellona

PREMIER LEAGUE. Dopo la pausa emozionante e avvincente della FA Cup la settimana scorsa, questo weekend torna prepotentemente la Premier League, e con tantissimi temi aperti. Nonostante questo le parentesi di Coppa non sono finite, infatti domenica alle 17.30, nel santuario di Wembley, andrà in scena la finale di Coppa di Lega: Manchester United – Southampton. Due squadre a metà classifica ma con ambizioni importanti a cui farebbe sicuramente utile vincere un trofeo: i Red Devils fanno affidamento sul solito Ibra, mentre i Saints hanno scoperto il talento di Gabbiadini che non vede l’ora di mettersi nuovamente in mostra. L’ultimo atto della Coppa di Lega fa sì che City e Arsenal, impegnate rispettivamente con United e Southampton nel 26° turno di Campionato, dopo i costanti impegni delle ultime settimane, possono tirare il fiato in vista delle seguenti, altrettanto fitte. Come detto, per quanto concerne la Premier, tanti temi: anzitutto la capolista Chelsea, che vola a +8 sulle concorrenti e dovrà limitarsi a gestire questo ampio vantaggio, giocherà a Stamford sabato alle 16 contro lo Swansea, squadra che, dopo il cambio di mister, ha infilato due mesi di risultati molto positivi uscendo dalla pericolosa zona retrocessione. A quell’ora altre quattro partite: cominciando da Liverpool, dove l’Everton attende il Sunderland, compagine per la quale il discorso salvezza si è riaperto del tutto nelle ultime uscite. Altre due squadre invischiate nelle parti infernali della classifica, sono Crystal Palace e Middlesbrough – che si scontreranno l’un l’altra – e l’Hull City che ospiterà il Burnely, reduce da una clamorosa quanto storica eliminazione in FA Cup contro il Lincoln City, squadra di ‘non-league’. Chiude il filotto delle 16 una gara senza troppo da dire in ambito graduatoria: West Bromwich – Bournemouth. Domenica, dato il rinvio del Derby di Manchester, in programma solo un match: quello di White Hart Lane delle 14.30 tra Tottenham e Stoke City. Per gli Spurs, oltre al fronte FA Cup, rimane aperto solo quello del Campionato, dopo che ieri sono stati eliminati un po’ a sorpresa in Europa League. La giornata di Premier si concluderà lunedì alle 21, quando al King Power Stadium si sfideranno Leicester e Liverpool. Fa strano pensare che un anno fa, di questi tempi, lo stesso match veniva deciso da una pirotecnica doppietta di Jamie Vardy che lanciava le Foxes in orbita, e fa strano che non ci sarà più Claudio Ranieri in panchina: il sogno pare essersi trasformato in incubo, i tifosi del Leicester e il mondo del calcio intero si è rivoltato contro chi ha tagliato fuori Sir Claudio, scrittore di una favola troppo bella ma finita così presto.

GERMANIA. Il Campionato tedesco è giunto alla sua ventiduesima giornata, e il Bayern Monaco non sembra voler mollare la presa là davanti. Il Lipsia sta alla finestra, consapevole che già sta compiendo un mezzo miracolo. Dietro c’è grande bagarre e le partite e i punti iniziano a farsi davvero pesanti. Si parte stasera alle 20.30 con un’inedita sfida salvezza che vedrà opporsi Wolfsburg e Werder: gli ospiti sono terzultimi in classifica – che al momento vorrebbe dire spareggio salvezza con la terza della 2.Bundesliga – e hanno tre punti di ritardo dai padroni di casa. Sabato in calendario le solite cinque partite delle 15.30, che si preannunciano caldissime. Il Bayern ospita l’Amburgo quartultimo, in una gara che non dovrebbe presentare un grosso ostacolo per i super campioni in carica. Diverso è il discorso per il Lipsia che fronteggerà, davanti ai propri tifosi, il competitivo Colonia guidato dalle reti di Anthony Modeste e distante solo 4 punti dal preliminare di Champions. Il Borussia Dortmund, terzo, vola a Friburgo dove, soprattutto visto lo stato di forma non eccellente dei gialloneri, superare i noni in classifica sarà più difficile del previsto. Il Leverkusen, dopo la vana prova di cuore nella gara di andata degli ottavi di Champions, riparte dal Campionato contro i Mainz. Chiude il programma pomeridiano la sfida tra il Darmstadt, ultimissimo ma con qualche segnale di ripresa, e l’Augsburg. Alle 18.30 il sipario sul sabato calerà con Hertha Berlino contro Eintracht Francoforte. Le due squadre, entrambe rivelazione quest’anno, cercano punti fondamentali per rimanere aggrappate al sogno Europa che potrebbe addirittura chiamarsi Champions League. Domenica si riparte alle 15.30 dal campo della penultima, ma non così spacciata come si pensasse, Ingolstadt che ospiterà il Moenchengladbach, reduce da una folle qualificazione agli ottavi di Europa League ai danni della Fiorentina. Chiude la giornata la sfida di Gelsenkirchen tra Schalke e Hoffenheim: gli ospiti sono a pari punti con il Dortmund e il sogno che li sta accompagnando in questa stagione non vuole finire.

LIGA. La clamorosa sconfitta di mercoledì del Real nel recupero contro il Valencia, ha riaperto ogni discussione sulla Primera Division spagnola: i Blancos, che hanno comunque un altro match da recuperare, rimangono con un solo punto di vantaggio sul Barcellona e con tre sul Siviglia. La giornata numero ventiquattro si apre stasera alle 20.45 quando il Las Palmas ospiterà la Real Sociedad, squadra piena di ambizioni europee. Sabato si parte alle 13 con la sfida tra Alaves e Valencia: i giallorossi pare che siano riusciti a riemergere dall’inizio drammatico di stagione. Alle 16.15 prima sfida importante per la vetta, ed è un Deby: al Benito Villamarìn di Siviglia si sfidano Betis e Siviglia appunto: non c’è ambizione più bella per i biancoverdi di frenare la corsa dei rivali cittadini che nelle gambe avranno anche la partita di Champions con il Leicester. Alle 18.30 il Leganes attende nella propria tana il Deportivo la Coruña, in quella che sarà un’importante gara in ottica salvezza. Alle 20.45 il sabato spagnolo termina con Eibar – Malaga: il match non ha molto da dire in ottica classifica, per questo si potrebbe rivelare ben più avvincente di quanto i presupposti facciano pensare. Domenica i battenti riaprono alle 12 quando a Barcelona, l’Espanyol ospiterà l’Osasuna: per gli ospiti, ultimissimi, iniziano a essere un po’ troppo le ‘ultime chiamate’ e sembrano destinati alla retrocessione. Alle 16.15 va in scena il big match di giornata: l’Atletico Madrid attende nella bolgia del Calderòn il Barcellona, reduce da settimane difficilissime, illuminate dall’improvvisa vittoria del Valencia sul Real. Alle 18.30 il Bilbao ospita il Granada, penultimo, dopo la cocente e clamorosa eliminazione in Europa League contro l’APOEL. Chi invece proseguirà il suo cammino in Europa League – e come ultimo baluardo spagnolo nella competizione – è il Celta Vigo, squadra divertente e molto organizzata che scenderà sul campo dello Sporting Gijon alle 18.30: i padroni di casa, dal canto loro, vedono possibile ancora una salvezza che fino a qualche settimana fa sembrava insperata. Chiude la giornata un’altra partita molto interessante, quella che si disputerà tra Villareal e Real Madrid: gli uomini di Zidane scenderanno sul terreno di gioco agguerriti per far capire che, no, il campionato e tutt’altro che riaperto.

LIGUE ONE. La lotta a tre teste per il titolo comincia a farsi veramente avvincente: il Monaco continua a guidare la classifica con 59 punti e dietro, di tre lunghezze solamente, sono appaiate Nizza e PSG. Un solo mezzo passo falso per una di queste squadre potrebbe mandare all’aria un’intera stagione. Stasera si parte e, a sorpresa, in calendario sono segnate ben due partite: alle 19 il Nantes e il Digione, daranno vita a uno scontro salvezza, mentre alle 20.45 scenderà già in campo il Nizza in casa contro il Montpellier. Gli ospiti hanno scalato la classifica fino alla metà e si stanno rivelando avversario ostico per tutti nelle ultime settimane. Nell’anticipo di sabato delle 17, poi, dentro anche il Monaco che volerà sul campo dell’imprevedibile Guingamp che cerca posto in Europa. Alle 20 quattro partite in programma, tutte hanno a che fare in qualche modo con la questione irrisolta della salvezza: a partire da Rennes, dove i padroni di casa attendono il Lorient ultimo. Il Bastia, penultimo, giocherà invece sul campo dell’Angers, mentre il Lille è chiamato a un impegno proibitivo in casa contro il Bourdeaux. Infine il Nancy, terzultimo, giocherà in casa contro il Tolosa. Domenica si ricomincia alle 15 da Saint Etienne, dove i padroni di casa biancoverdi ospiteranno il Caen in piena lotta per non retrocedere. Quindi il Lione, dopo aver schiantato la sua avversaria nel sedicesimo di Europa League anche al ritorno (7-1), sfiderà in Campionato il Metz. Infine si chiuderà alle 21 con il botto, già perchè il Marsiglia, davanti ai propri tifosi, non vede l’ora di rovinare i piani del PSG che dovrà essere in uno dei suoi migliori formati per portarsi a casa i tre punti.

Francesco Finulli