Ronaldo conferma:”Lascio il Real”. United e Psg le squadre alla finestra

Prima la “bomba” lanciata da “A bola” poi la conferma direttamente dalla sua bocca

“Lascio il Real, la decisione è presa e non torno indietro”. Cristiano Ronaldo avrebbe confermato, con queste parole e ai suoi compagni della nazionale portoghese, la notizia lanciata ieri mattina da “A Bola” e ripresa oggi dai giornali di tutto il mondo. Un’ulteriore conferma di un’autentica bomba di mercato che potrebbe deflagrare nelle prossime settimane, anche se dalle parti della “casa blanca” sperano che, dopo la Confederations Cup al via oggi in Russia, CR7 smaltisca la rabbia per la vicenda giudiziaria con il fisco spagnolo e torni sui suoi passi. Ovviamente, però, il Real Madrid deve prepararsi al peggio.

Del resto, se addio sarà, nelle casse madridiste entrerà un’enorme quantità di denaro da poter investire. Secondo il sito del quotidiano spagnolo “Marca” l’operazione si aggirerebbe intorno ai 200 milioni di euro soltanto per il cartellino. La clausola rescissoria è inavvicinabile (mille milioni), ma Florentino Perez sa bene che non è conveniente tenere un giocatore che non ha alcuna intenzione di restare. I possibili acquirenti? Secondo gli spagnoli sono due: Manchester United e Paris Saint Germain, poi ci sono anche i club cinesi, ma Cristiano Ronaldo vuole continuare a giocare ai massimi livelli almeno per i prossimi 3-4 anni.

Oltre ai 200 milioni per il cartellino, ne servono altri 200, ovvero quelli che CR7 porterebbe a casa rimanendo fino al 2021 (ha un ingaggio da 50 mln a stagione), ovvero fino alla scadenza del contratto. E il Real Madrid come investirebbe i 200 che incasserebbe? Marca si concentra su cinque nomi: Neymar (il fuoriclasse del Barcellona che secondo la stampa madrilena sarebbe il sogno proibito di Florentino Perez), Mbappè (Monaco), Dybala (Juventus), Griezmann (Atletico Madrid) e Lewandowski (Bayern Monaco).