Tutto il calcio di Serie A, B, Champions League, Europa League e calciomercato. Le notizie su MotoGP, Formula 1. Foto e video di sport

Serie A: Il Torino espugna l’Olimpico 1-3 tra le proteste. Immobile espulso

Una buona Lazio, costretta a giocare poco più di un tempo in 10, non riesce a raddrizzare il match che chiude in 9 per l’infortunio di Luis Alberto. Il Torino si gode il talentino Edera che mette il sigillo alla gara segnando il suo primo goal in Serie A

Allo stadio Olimpico la Lazio di Simone Inzaghi ospita il Torino di Sinisa Mihajlovic. Il serbo, che da calciatore ha vestito la maglia biancoceleste dal 1998 al 20004 e da sempre legato alla società e alla città, si aspetta una prestazione importante dai suoi per restare aggrappato alla panchina granata. Per fermare gli aquilotti il tecnico del Torino punta su una coppia di centrale difensivi inedita con Lyanco e N’koulou. Partita da ex per De Silvestri mentre “aria di derby” per Burdisso e Iago Falque. Non respirerà la stessa aria invece Ljajic costretto a dare forfait all’ultimo per problemi intestinali. Aria che invece respirerà invece Iago Falque. Nessuna novità invece nella formazione titolare dei padroni di casa con l’allenatore laziale che può sorridere per la presenza, seppur in panchina, di Felipe Anderson recuperato dall’infortunio. In caso di vittoria la Lazio raggiungerebbe quota 35 agguantando i cugini giallorossi. Per i granata invece una vittoria permetterebbe alla squadra di scalare almeno 4 posizioni in classifica portandosi a 23 punti, tallonando il Milan e rilanciando le proprie ambizioni europee. Ma la gara di stasera è anche Immobile contro Belotti. Continua la ricerca della rete per i due bomber con il laziale a secco da due partite e senza goal su azione da oltre un mese e mezzo. Per il granata, condizionato anche dal grave infortunio al ginocchio, il digiuno è più lungo con l’ultima rete che risale a fine settembre. E la voglia di segnare per i due è davvero forte: Belotti colpisce il palo dopo solo 4 minuti con un gran tiro mentre la battuta a rete di Immobile è deviata in calcio d’angolo da una provvidenziale chiusura di N’Koulou. E se gli attaccanti non trovano ancora la porta, ci pensa Marusic ad impensierire Sirigu costretto a deviare in corner per mantenere inviolata la propria rete. E se per la Lazio a prendersi gli applausi è un centrocampista per il Torino invece ci pensa Molinaro a sfiorare il goal del vantaggio con un tiro che si spegne sul fondo sfiorando il palo. E dopo il difensore è il turno di Rincon ma anche il suo tiro non centra lo specchio della porta. Ci prova anche Milinkovic Savic ma ancora una volta la difesa granata si salva in angolo. Tenta la fortuna anche Luis Alberto su punizione ma ancora una volta Sirigu risponde presente. Pareggia il conto dei legni Immobile che, a tu per tu con l’estremo difensore del Torino, colpisce il palo esterno. Litigio tra Immobile e Burdisso con l’arbitro che, dopo aver consultato lo schermo a bordo campo, rientra ed estrae il rosso per l’attaccante biancoceleste. Ma prima dell’azione incriminata i padroni di casa avevano richiesto a gran voce un calcio di rigore per un tocco di mano in area granata. Sorprende la decisione di Giacomelli dopo il consulto Var visto che tutto lo stadio si aspettava una revisione del fallo da rigore. Finisce così la sfida tra i due attaccanti e termina in 10 la Lazio il primo tempo che sarà costretta ad affrontare la ripresa con un uomo in meno.

La ripresa inizia con un nuovo tentativo del El General ma ancora una volta la mira è imprecisa. In mancanza della punta si inserisce in area Leiva ma a negargli la gioia della prima rete in Serie A è l’intervento provvidenziale di un difensore granata. Trova invece il primo goal nel campionato Italiano Berenguer che porta in vantaggio il Torino. Corre ai ripari Inzaghi con un doppio cambio: fuori Bastos e Marusic per far posto a Basta e Felipe Anderson. Si gioca anche l’ultima sostituzione l’allenatore della Lazio che inserisce Caicedo, l’autore del goal vittoria contro la Sampdoria, per Leiva. Biancocelesti a trazione super anteriore. E al terzo tentativo fa centro Rincon abile a sfruttare un disimpegno sbagliato di Luis Alberto. Reagiscono i bianocelesti al doppio svantaggio con Basta prima e De Vrij poi. Continua a crederci la Lazio che dimezza lo svantaggio con una grande giocata di Luis Alberto che con un tocco sotto di destro supera Sirigu. Azzecca la mossa Mihajlovic che fa entrare Edera al posto di Iago Falque con il giovane talento del vivaio che fulmina Strakosha e festeggia il suo primo goal tra i grandi. Va ancora vicino alla rete che riaprirebbe il finale di partita la Lazio con Lulic ma Sirigu, in serata di grazia, dice ancora una volta no. Una buona Lazio, anche in inferiorità numerica, non riesce a raddrizzare la partita. Vorrebbe rinunciare anche al recupero Inzaghi decisamente arrabbiato per l’arbitraggio ma Giacomelli non ci sta e aggiunge due minuti al match. Il Torino salva la panchina del suo allenatore ma resta ancora in attesa della rete del suo capitano.

Diletta Barilla