Serie B: Palermo nuova capolista, Parma e Venezia ko! Poker Spezia

La decide Galano. A tempo scaduto, l’attaccante foggiano del Bari fa esplodere il San Nicola. Un Perugia in dieci uomini pareggia a Terni nel derby umbro.

Giornata di derby. Il sedicesimo turno è decisivo per la testa della classifica che vede una nuova capolista. È il Bari di Fabio Grosso. Derby combattuto quello pugliese contro il Foggia. I Satanelli vendono cara la pelle al San Nicola ed anzi si rendono pericolosi già prima della mezz’ora con Beretta che di testa impegna Micai. Improta e Galano sono costanti spine nel fianco della difesa ospite ma è Cisse a divorare una splendida occasione su assist di Petriccione. Risponde prima dell’intervallo Fedato che spedisce a lato un fendente. Gli ospiti spingono anche ad inizio ripresa e così Grosso gioca la carta Brienza per dare maggior verve all’attacco biancorosso. Proprio l’ex Palermo sfiora il gol appena entrato su assist di Galano. La gara sembra scivolar via così quando però a dieci dal termine Coletti viene ammonito per la secinda volta dopo aver atterrato Floro Flores. È l’episodio decisivo. Tempo scaduto, Brienza imbecca Floro Florea che dalla destra trova Galano. Tocco facile davanti la porta foggiana e decimo gol stagionale per il bomber pugliese. Match point e vetta della classifica. Fabio Grosso può sorridere.

Due rigori decidono il derby umbro. Se c’è una squadra che può recriminare, questa è la Ternana. Le Fere hanno avuto sempre in pugno la gara fino al 36′ quando, per un tocco di mano di Del Prete, hanno usufruito di un penalty trasformato in rete da Montalto. Nella ripresa Breda toglie lo spento Bonaiuto ed inserisce la torre Cerri. Di Carmine spoata il suo raggio di azione più avanti servito alle spalle dal giovane Han. L’azione del Grifo resta però inconcludente ed anzi a dieci dalla fine arriva persino l’espulsione di Volta. L’episodio chiave, contestato da Pochesci e dai suoi, arriva però soltanto al 90′. Ancora una palla lunga in area e l’arbitro vede un contatto falloso tra Vitiello e Terrani. Per il direttore di gara è rigore. Dal dischetto Di Carmine infallibile, 1-1 e Ternana costretta ancora una volta a rimandare l’appuntamento con la vittoria nel derby.

Fabio Paris