Wimbledon: Sarà Federer v Cilic la finalissima maschile

Roger batte Berdych e conquista per l’undicesima volta l’atto finale. Il croato batte in quattro set Querrey

Roger Federer si sbarazza in soli tre set di Tomas Berdych e domenica pomeriggio sul centrale dell’All England Club affronterà Marin Cilic per l’ottavo sigillo nel più celebre torneo sull’erba. In un Wimbledon che ha visto cadere uno dopo l’altro gli altri grandi favoriti: Nadal, Murray e Djokovic, in ordine d’uscita, lui, è apparso integro, concentrato e voglioso di raggiungere questa undicesima finale in carriera sui prati di Church Road e, per farlo, non ha guardato in faccia nessuno, non regalando nemmeno un set ai suoi avversari. Berdych ha provato a resistergli, ma dopo due set in cui è arrivato al tiebreak, poi, persi entrambi a quattro, ha concesso un break al settimo gioco e per il ceko, numero 15 del ranking Atp e 11 del seeding londinese, non c’è più stato nulla da fare. King Rogerg ha chiuso il set 6-4, aggiudicandosi la partita tra l’ovazione del pubblico che applaudiva in piedi. Federer domenica proverà a portarsi a casa il 19esimo titolo in uno Slam, dopo l’ultimo vinto ad inizio stagione agli Australian Open e aver “riposato” saltando la terra del Roland Garros. Forte delle sue undici partecipazioni all’atto finale di “The Championships”, il campionissimo di Basilea saprà gestire al meglio la tensione che, invece, potrebbe sentire un debuttante come Marin Cilic.

Il croato, sesto della classifica mondiale e settimo favorito del tabellone, ha vinto la sfida con Sam Querrey. Lo statunitense, 24a testa di serie, non è riuscito a ripetere il colpaccio messo a segno contro Andy Murray e questa volta ha dovuto piegarsi in quattro set al suo avversario, cedendo 6-7(6) 6-4 7-6(3) 7-5 in poco meno di tre ore di gioco. Cilic, diventa così il secondo croato a disputare una finale sui prati londinesi dopo Goran Ivanisevic che, giocò l’ultima delle sue quattro ben 16 anni addietro. Per il 28enne di Medjugorie, domenica ci vorrà un vero miracolo per cercare di aggiungere il secondo sucecsso in uno slam dopo la vittoria negli US Open del 2014.