Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf

Champions League: Guardiola spezza il tabù quarti. Zidane in semifinale, fuori Klopp

Il Real Madrid elimina il Liverpool grazie al risultato dell’andata. City ok in rimonta

Atto conclusivo dei quarti di finale di Champions. Real Madrid e City per evitare la rimonta, Liverpool e Dortmund in cerca dell’impresa. Ad Anfield Klopp prova la remuntada contro Zidane, dopo il 3-1 per i blancos dell’andata. Partono fortissimo i reds, con Salah vicinissimo al gol dopo soli 2’. L’egiziano calcia di prima intenzione trovando la risposta di Courtois. Ritmi alti e tanta qualità, con la partita resa divertente dalle due squadre. Courtois salva il Real dopo una splendida conclusione di Milner. Benzema spaventa il Liverpool colpendo il palo, dopo aver rubato palla alla difesa. I padroni di casa provano a riaprire il discorso qualificazione e vanno vicini alla rete con Wijnaldum. Alexander-Arnold va via sulla destra, servendo l’olandese. Il centrocampista dosa male la potenza della conclusione e spreca una ghiotta occasione. Finisce 0-0 un bel primo tempo.

La ripresa si apre con due occasioni per Firmino. Il Liverpool non riesce a trovare in nessun modo la via del gol. Il Real difende bene e prova le ripartenze. Spazi chiusi per gli uomini di Klopp che provano con orgoglio a battere Courtois. Diogo Jota al 70’ va via nello stretto ma il tiro viene deviato in angolo. Il Liverpool insiste ma non trova mai la zampata decisiva e il risultato non si sblocca. Finisce 0-0. Real Madrid in semifinale, dove affronterà il Chelsea. Amara delusione per Klopp, battuto ancora una volta da Zidane. Stagione fallimentare per il Liverpool, condizionata dalle troppe assenze.

L’altra sfida di serata vede impegnato il City di Guardiola in casa del Borussia Dortmund. Il 2-1 dell’andata lascia aperto ogni tipo di scenario. Ottima partenza per i gialloneri che provano a sorprendere subito il Manchester. Bellingham porta in vantaggio il Dortmund al 15’. Bravissimo Haaland a difendere palla spalle alla porta e a servire Dahoud. Il centrocampista prova il tiro ma viene respinto. Sulla ribattuta il più lesto di tutti è Bellingham che si libera al tiro battendo Ederson. Lo svantaggio mette paura al City e i padroni di casa provano ad approfittarne. Prima Reus, poi Akanji sfiorano il raddoppio. Vecchi fantasmi per Guardiola, che con gli inglesi non è mai riuscito a superare lo scoglio dei quarti di finale. De Bruyne prova svegliare i suoi con una bella azione personale. La conclusione centra in pieno la traversa. Il belga ha il merito di ridare energie nervose ai compagni che decidono finalmente di presentarsi in campo. Rodri prima, Mahrez poi sfiorano il pari.

Prima frazione di gioco che si conclude sul 1-0 e il Manchester City momentaneamente eliminato. Guardiola non cambia all’intervallo, dimostrando fiducia nell’11 titolare. Al 52’ l’episodio che cambia la storia della partita. Dopo un cross innocuo di Zinchenko, Emre Can colpisce il pallone con il braccio, dopo un goffo movimento del corpo. Rigore ineccepibile. Mahrez non sbaglia dagli 11 metri e firma il gol del pareggio. Il pari da fiducia al City che diventa padrone del campo, grazie alle qualità dei suoi palleggiatori. Rodri colpisce la traversa dopo gli sviluppi di un calcio d’angolo. Il Borussia fatica a reagire. Foden chiude i giochi al 75’. Il talentino inglese scaglia una bordata da fuori area di sinistro, battendo Hitz. Il match finisce con il 2-1 del City e l’accesso alle semifinali, per la prima volta nella gestione Guardiola. Sarà sfida tra sceicchi, con i “cugini” francesi del Psg.

 

 

Potrebbe interessarti