Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf

Champions League: Il City rimonta il PSG e vince 2-1 in Francia. Finale vicina

Guardiola rimonta Pochettino e vince 2-1 in casa del Psg. La decide Mahrez

La sfida più attesa dell’anno, la battaglia tra i paperoni d’Europa. Le semifinali di Champions ci regalano il confronto tra gli sceicchi. Al Parco dei Principi, va in scena il primo atto di Psg-Manchester City. Pochettino ritrova Marquinhos in difesa. Formazione tipo per i parigini. Guardiola si affida ancora una volta al talento di Foden. Fuori Aguero, Bernardo Silva scelto come falso 9. Stones vince il ballottaggio con Laporte al centro della difesa. Out anche Fernandinho, al suo posto Rodri. Al 2’ minuto Di Maria ruba palla proprio a Rodri e lancia in contropiede Mbappé. Il francese serve Neymar che tira ma trova la parata facile di Ederson. Lo spartito del match è ben chiaro nei primi minuti. I padroni di casa lasciano il pallino del gioco al City per poi provare a colpire in contropiede. Ancora Neymar pericoloso al 14’, quando liberatosi facilmente in area di rigore, trova la conclusione, respinta ancora da Ederson.

Al 16’ arriva il vantaggio del Paris. Di Maria, dipinge una traiettoria perfetta da corner, trovando la spizzata del capitano Marquinhos. 1-0 meritato. Prova a reagire il City, fin qui sottotono. Cancelo cerca una sventagliata per Bernardo Silva. Il portoghese raggiunge il difficile pallone e impensierisce Navas, bravo nel non farsi sorprendere. Al 28’ ancora un pericolo per il City, nuovamente da azione di calcio d’angolo. Il solito Di Maria batte bene e trova Paredes, dimenticato da Ruben Dias. L’argentino non è uno specialista e si vede. Solo al limite dell’area piccola spreca l’occasione mandando a lato. La prima vera occasione da gol per gli ospiti arriva al 44’, quando Foden si fa ipnotizzare da Navas. Dopo aver recuperato palla, gli uomini di Pep provano in velocità a sorprendere gli avversari. Bernardo Silva libera il talentino inglese al centro dell’area ma il tiro è innocuo. Finisce con il risultato di 1-0 la prima frazione di gioco.

La ripresa si apre senza cambi da parte dei due allenatori. Il City prova subito ad aumentare i ritmi senza però riuscire ad impensierire il Psg. La prima occasione del secondo tempo è per i padroni di casa. Mbappé supera in area Stones e cerca un compagno al centro. Nessuno riesce ad intervenire e Walker libera in angolo. Al 61’ si vede per la prima volta De Bruyne. Il belga viene servito in area e in mezza rovesciata, prova a sorprendere Navas. La conclusione finisce alta, buona la copertura di Florenzi. Al 65’ arriva la svolta del match. De Bruyne riceve sulla sinistra e prova il cross. Il passaggio è lento ma nessuno riesce ad intervenire. Navas si fa sorprendere e la palla finisce incredibilmente in rete. Il Psg subisce emotivamente la rete e fatica. Al 71’ l’episodio che può decidere le sorti della qualificazione. Paredes atterra al limite dell’area Foden, concedendo una pericolosa punizione agli ospiti. Mahrez si incarica della battuta e va in gol. Il sinistro non è fortissimo ma la barriera si apre e lascia passare il pallone, imparabile per Navas.

Il City senza troppi sforzi si ritrova in vantaggio per 2-1 in trasferta. E’ il colpo che affossa definitivamente il Psg, che esce dalla partita. Gueye ci aggiunge la ciliegina, entrando con il piede a martello su Gundogan. Rosso inevitabile. La partita viaggia spedita verso la fine, senza particolari emozioni. Foden ci prova di testa a due minuti dalla fine ma trova la facile risposta di Navas. Finisce 1-2. City ad un passo dalla prima finale di Champions della sua storia. Rimpianto Psg, dominante nei primi 45’ e inesistente nella seconda parte. Bene a metà Neymar, condizionato nella ripresa da un colpo al braccio ma autore della solita, immensa partita nel primo tempo. In ombra Mbappé. Bene Foden e Mahrez per la squadra di Guardiola. Promossi i due italiani, Florenzi e Verratti. Specialmente il terzino ex Roma, autore di una buona prestazione in entrambe le fasi.

Potrebbe interessarti