Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf
Inter

Conte:”La Juve è ancora la migliore, dobbiamo imparare da loro”🎙

Le parole di Conte alla vigilai di #InterSassuolo

Vigilia di campionato per l’Inter, attesa dalla sfida di San Siro di mercoledì alle 21:45 contro la Fiorentina, match valido per la 35.a giornata di Serie A:”Una delle cose più importanti è senza dubbio che l’Inter sia stata nelle prime quattro posizioni dall’inizio del campionato fino alla fine. Questa è la zona che compete a un club come l’Inter. Aver raggiunto questo traguardo è positivo perché era una delle richieste del club: quella di migliorare i risultati degli anni passati e di dare più stabilità, andando a giocare la fase finale del campionato con più serenità”.

LA JUVE – “Sicuramente il campionato italiano è diventato più competitivo, basta vedere i numeri delle altre squadre. Sarà sempre più duro, ha alzato di molto il livello della competizione. Noi dobbiamo cercare di migliorare, l’ambizione del Club è ottenere la qualificazione in Champions League ogni anno, ma anche essere sempre più competitivi per poi puntare allo Scudetto. In questo momento la squadra migliore è ancora la Juventus, che va per il suo nono Scudetto consecutivo. Noi guardiamo a loro e cerchiamo di migliorare”.

LA FIORENTINA – “Incredibile che la Fiorentina si sia trovata in quella posizione di classifica. Ha una rosa di ottimi calciatori, sono una buonissima squadra e Iachini come tecnico fa un buon lavoro. Saranno tranquilli, ma quando affronti l’Inter hai sempre motivazioni che ti fanno dare il massimo. Saremo tranquilli anche noi e, per forza di cose, faremo delle valutazioni: abbiamo giocato tanto, alcuni calciatori hanno bisogno di riposare. Ci sarà qualche rotazione”.

FORMAZIONE – “L’introduzione del trequartista in questa fase ci ha dato la possibilità di essere più imprevedibili in fase offensiva. I tanti gol segnati ne sono una dimostrazione. Forse concediamo ancora qualcosa dietro, ma questo perché tanti uomini sono coinvolti nella manovra offensiva. Il trequartista si muove tra le linee, ha libertà d’azione e ci dà molte soluzioni offensive”.

Potrebbe interessarti