Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf

Eredivisie: Twente schiacciasassi, 5 su 5

di Leonardo FRANCESCHINI

Il Twente di McClaren continua la sua marcia trionfale infilando la quinta vittoria consecutiva in campionato. Solo il Vitesse sembra in grado di tenere il passo, rimanendo a -2. L’Ajax vince ma è indietro di quattro lunghezze. Feyenoord in scioltezza, goleada dell’Az, il PSV crolla ad Utrecht.

In Eredivisie si segna. Un dato di fatto, non una semplice frase di circostanza visti i 31 goal dell’ultimo turno giocato: in media, più di 3 reti per campo.

TWENTE DA LACCARSI I BAFFI: 6 GOAL IN TRASFERTA ! IL VITESSE NON E’ DA MENO: 3-0 A GRONINGEN. L’AJAX FERMA IL WAALWIJK. – I Reds di Enschede questa volta vanno in trasferta, a Tilburg, in casa del Willem II. Brutte notizie per i padroni di casa già fanalino di coda della Eredivisie che quindi si trovano davanti gli invincibili rossi di McClaren che, finora, quando sono scesi in campo hanno sempre fatto bottino pieno. E cosi è stato anche Sabato. Gutierrez e Castaignos nel primo tempo; Schilder per due volte, Janssen ed un autorete di Haastrup nella seconda frazione, con in mezzo le due inutili reti del Willem segnate da Hocher al 70′ e da Lumu all’84’, hanno propiziato il punteggio finale di 6-2 in favore dell’indiscussa capolista. Nel pomeriggio di Domenica il Vitesse ha risposto puntualmente alla sonora vittoria del Twente dominando il Groningen a domicilio. Il club di Arnhem si è imposto con grande autorità per 3-0 nonostante Van der Heijden, imponente centrocampista dello stesso Vitesse, fosse stato allontanato dal campo dopo 30′ minuti di gioco. Havenaar, Kalas e Bony hanno messo il sigillo sul successo delle aquile a due teste. L’Ajax era sceso in campo Sabato, alle 18.45, aprendo la quinta giornata di campionato. I lanceri di Amsterdam, impegnati tra le mura amiche dell’Amsterdam Arena, hanno ospitato la ormai ex sorpresa di questo inizio stagione: il Waalwijk. Un secco 2-0 è bastato per archiviare la pratica Waalwijk con buona pace di Koeman, allenatore dei gialloblu. Schone al 52′ e Lukoki al 68′ sono stati gli autori delle reti in grado di portare l’Ajax a quota 11 in campionato, al terzo posto in solitaria.

FEYENOORD SENZA PROBLEMI CON IL PEC, CAPITOMBOLO DEL PSV A UTRECHT. ALTIDORE TRASCINA L’AZ. Subito dietro l’Ajax, in quarta posizione, troviamo il Feyenoord di Koeman e del nostro italiano Graziano Pellé tornato in Olanda dopo le brevi esperienze con Parma e Sampdoria. La squadra di Rotterdam si è tranquillamente sbarazzata del Pec Zwolle per 2-0 grazie alle marcature di Broerse e Immers. Il Psv Eindhoven che tanto bene aveva fatto nell’ultimo mettendo in ginocchio l’Az con uno spettacolare 5-1, cade in casa dell’Utrecht. I padroni di casa hanno dato prova di grande carattere conducendo in porto una vittoria nata in 10 (espulso Kali al 69′ per doppia ammonizione) e conclusasi con la doppia inferiorità numerica in seguito all’espulsione di Gerndt all’81’. Merito dell’Utrecht o demerito del Psv incapace di sfruttare un simile vantaggio ? Al 72′ minuto di gioco Bulthuis ha messo tutti d’accordo mettendo in rete il goal partita. La prova di forza più evidente del quinto turno della Eredivise arriva però da Alkmaar. Parliamo chiaramente dell’Az sempre più di Altidore, autore di una tripletta Domenica contro il Roda, ed indiscusso capocannoniere del campionato d’Olanda con 7 centri in 5 gare. Al tris dell’attaccante del New Jersey va aggiunto il goal di Falkenburg che ha sancito il definitivo 4-0. Roda da rivedere.

L’ADO DEN HAAG AVVICINA LE GRANDI. BALZO IN AVANTI DELL’HERACLES; PARI INUTILE TRA VENLO E NEC. Lo “Abe Lenstra Stadion” di Heerenveen, presidiato dai ragazzi di Van Basten, è ormai terra di conquista per molti, questo è vero, ma pochi finora avevano convinto sul campo dei bianco-blu quanto l’Ado Den Haag. Ai cigni gialloverdi sono bastati 8′ minuti, dal 20′ al 28′ per spezzare le redini di un Heerenveen in bambola. Poepon al 20′, Toornstra al 24′ e Chery al 28′: giochi fatti e vittoria in tasca. Dieci minuti circa dopo l’inizio della seconda frazione Gouweleeuw ha cercato di indicare ai suoi la strada della rimonta, con scarso successo. Una rimonta che, dopo il 70′, quando gli avversari sono rimasti in dieci per il rosso ad indirizzo di Meijers, sembrava se non probabile quantomeno possibile. Niente da fare. Perfetto l’Ado nel chiudersi e portare a casa i tre punti che consentono alla squadra della capitale di salire al sesto posto in classifica, a -3 dall’Ajax. L’Heracles ha messo in cascina tre punti fondamentali che, a fine campionato, potrebbero davvero fare la differenza visto che sono arrivati in uno scontro-salvezza contro il Nac Breda. Una vittoria, tra l’altro, altamente spettacolare, in rimonta, all’ultimo respiro, consumatasi negli ultimi dieci minuti di gara. Il Nac, dopo un quarto d’ora dal via, si era portato in avanti con Schalk mettendo la gara sui binari giusti. Il pari dell’Heracles è arrivato soltanto all’81’ in seguito alla rete di Overtoom. Ma l’eroe di giornata è sicuramente Everton Ramos Da Silva, ala brasiliana di 28 anni, autore del goal-partita segnato nel terzo minuto di recupero oltre il novantesimo. VVV-Venlo e Nec Nijmegen, pareggiando, non hanno fatto altro che penalizzarsi a vicenda. La partita, tutto sommato, è stata divertente, ricca di capovolgimenti di fronte, occasioni ed errori, tanti errori. Il 2-2 finale rispecchia senz’altro i valori espressi in campo dalle due squadre. Il Nec ha avuto il demerito di farsi rimontare dopo esser andato in vantaggio per 2-0 con Breuer, dopo due minuti di gioco, e Platje, ad inizio ripresa. La reazione del Venlo accesa dalla rete dell’1-2 di Nwofor non si è fatta attendere. Lo stesso Nwofor, dieci minuti dopo aver punito gli ospiti, ha fatto 2-2 siglando la doppietta personale. Occasione sprecata per il Nec che, con due punti in più, sarebbe salito a 10 punti, valevoli la quarta posizione, a pari merito con il Feyenoord.

Potrebbe interessarti