Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf

I Campioni Di Domani: 5° puntata

Di Leonardo FRANCESCHINI

Ed eccoci al consueto appuntamento con la rubrica del Giovedì sui piccoli campioncini di oggi che, a detta nostra (e non solo!), saranno i campioni di domani. Facendo un riepilogo delle scorse puntate, possiamo dire di aver presentato unicamente stranieri, indipendentemente dal ruolo. Stavolta no. Stavolta bandiremo quell’esotismo tipico nel nostro calcio soprattutto quando si va in cerca di talenti: meglio setacciare l’ignoto, terre lontane, esotiche per l’appunto, che abbeverarsi alla fonte dei nostri fertili settori giovanili. Vuoi mettere ? E’ più chic, più “ad effetto”. Ma lui invece, Nicola Leali, è nato qui, in Italia, in provincia di Mantova, alla luce del sole. 

Nicola Leali

NICOLA LEALI                                      17/02/1993  Castiglione delle Stiviere (Ita)

CLUB: SS Virtus Lanciano (in prestito dalla Juventus)

NAZIONALE: Italia Under 20

RUOLO: Portiere

VALUTAZIONE SUL MERCATO: 4.000.000 €

CARATTERISTICHE FISICHE: Dato per assodato che, in quanto portiere, Leali, sia alto (1,88mt), sono da notare nella struttura fisica del portierino azzurro delle leve notevoli, caratteristica tipica degli estremi difensori italiani, soprattutto di quelli provenienti dalle scuole calcistiche settentrionali. Per somiglianza fisica, e non solo, Leali si è guadagnato da tempo la pesante nomea di “nuovo Buffon”.

CARATTERISTICHE TECNICHE: Fenomenale sulle palle alte, che siano tiri o cross, dotato di un gran senso della posizione, provare la conclusione da distanze considerevoli quando c’é Leali a difesa dei pali provoca scarsi risultati per attaccanti e centrocampisti. Deve invece migliorare in uscita, tende spesso ad andare giù prima del tempo, e nelle palle basse, rasoterra, spesso respinte e raramente bloccate. Un fattore da non sottovalutare è la leadership dimostrata e conquistata da Leali prima al Brescia e poi, quest’anno, nel Lanciano. Effettivamente, a pensarci, si contano sulle dita di una mano i casi in cui un portiere così giovane, appena maggiorenne, fosse già titolare e punto di riferimento nel proprio club. Nella passata stagione con il Brescia, fu promosso primo portiere già da Settembre; a pagarne le spese fu Arcari, tutt’ora a difesa dei pali delle rondinelle. Al giro di boa della stagione 2011/2012 della Bwin, dopo 18 presenze, fu messo ai box dai dirigenti bresciani che già fiutavano la puzza di addio; la Juve tramava…e la Juve fece un’offerta, a Giugno, 3,8 milioni di € per assicurarsi l’erede di Buffon, un’affare. Al Brescia lo sapevano, la cifra, era bassa, ma la volontà del giocatore di vestire bianconero, al contrario, era alta. Il matrimonio si fece, la trattativa andò in porto e Leali, dopo una buona parte di ritiro estivo alla corte di Conte, venne girato in prestito alla Virtus Lanciano, neopromossa in Bwin. Attualmente veste la maglia 32 dei rossoneri d’Abruzzo ed ha incassato 14 goal in 10 presenze, complice l’avvio di campionato non proprio dei migliori per il Lanciano, terzultimo in classifica con 8 punti.

 

Potrebbe interessarti