Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf

I Campioni di Domani: 9° puntata

Di Leonardo FRANCESCHINI

Oggi andremo a caccia nella terra promessa, in quell’esteso continente sudamericano affacciato sull’oceano Atlantico noto al mondo per i costumi folcloristici e gioiosi, per le sue meravigliose spiagge ma soprattutto per il calcio. Brasile: la mecca ed il punto di partenza per ogni scout/Ds/agente che si rispetti. L’odierno “campione di domani” sta emergendo adesso, in questi ultimi mesi, anche se forse nel Campeonato Brasileiro, per quello che sta facendo vedere, rischia già oggi di meritarsi l’etichetta di campione. Felipe Anderson Pereira Gomes, meglio noto come Felipe Anderson, trequartista del Santos classe ’93 con indosso, chiaramente, la numero dez.

FELIPE ANDERSON                                           15/04/1993 Brasilia (Bra)

CLUB: Santos Futebol Clube

NAZIONALE: Brasile U20

RUOLO: Trequartista

VALUTAZIONE SUL MERCATO: 5.000.000 €

CARATTERISTICHE FISICHE: Felipe è una forza della natura: veloce, infaticabile ed esplosivo grazie ad un fisico (1,78mt x 66kg) che gli permette cambi di direzione repentini ed altrettanto fulminei. Poderoso anche nello stacco di testa, vanta una notevole elevazione nonostante la non eccessiva altezza.

CARATTERISTICHE TECNICHE: La particolarità di Felipe Anderson, ultimo gioiello del calcio verdeoro, è l’interpretazione che riesce a dare ad uno dei ruoli più antichi ed ambiti del mondo. Un perfetto mix di inserimenti con e senza palla insieme ad altrettanto frequenti inimmaginabili imbucate a tagliare in due la difesa per mettere in porta i compagni. Ah, dimenticavo: per chi non lo sapesse, davanti a lui, c’è Neymar, il compagno con il quale, capirete, Felipe si “diverte” di più. Inoltre il numero 10 del “Peixe” ha un destro terrificante, ma non sfigura nemmeno quando carica il sinistro. Nella stagione in corso il “craque” da Brasilia ha già raggiunto quota 33 presenze in campionato andando a segno cinque volte (quarto miglior marcatore della squadra dopo Neymar, Miralles e Andrè, i tre attaccanti centrali più utilizzati) regalando anche la bellezza di sette assist decisivi. Felipe Anderson, all’età di diciannove anni, ha già messo al sicuro in bacheca una Libertadores e due vittorie del campionato Paulista. Il suo esordio in prima squadra avvenne il 2 Ottobre 2010, quando “l’Oca di Villa Belmiro”, Paulo Henrique Ganso, iniziava a farsi conoscere in tutto il mondo per i suoi piedi vellutati e le eleganti movenze. Una coincidenza ? No, assolutamente. Al Santos, con i giovani, ci sanno fare, è indubbio e questo lo dimostrano i fatti. Proprio per questo, non appena Ganso ha iniziato a puntare i piedi, a “lagnare”, a manifestare un “mal di pancia” , per intenderci, alla Ibra, i dirigenti bianconeri non si sono fatti scrupoli: vuoi andare ? Vai pure. Ganso venduto al San Paolo ed avanti il prossimo, ovvero Felipe Anderson. L’eredità è stata raccolta, ve lo assicuriamo, ma non solo noi, la fila è lunga ! Ad esempio, su di lui ha già puntato la più importante società al mondo d’agenti sportivi legata al calcio, la tedesca Beratung  durch Familienangehorigen che ha le procure di calciatori del calibro di Messi, Ozil, Ramos, Mata, Dzeko, Robben, Chicharito Hernandez, Lloris ed altri. Nove volte su dieci siglare un contratto con la Beratung è garanzia di successo. In ottica mercato invece, si vocifera di un’interessamento crescente del Milan. I rossoneri, oltretutto potrebbe giocarsi la carta Robinho, giocatore assai gradito da Ramalho, l’allenatore del Santos che con la stampa non ha mai nascosto la volontà di riportare Robinho a casa dopo la sua deludente “tournèe europea” tra Madrid, Manchester e Milano.

PARAGONE: Premettendo che in Europa, a causa di più fattori, non esiste in nessun campionato calciatore che possa anche soltanto pensare di muoversi e giocare come Anderson, in alcuni aspetti il ragazzo mi ha ricordato l’Arturo Vidal di Leverkusen.

Nel frattempo però, sperando prima o poi di vedere Felipe Anderson “dal vivo”, in Italia, godetevi tocchi di classe e staffilate da distanze siderali di uno dei “Campioni di Domani”

[vsw id=”E-OGWDj7PZE” source=”youtube” width=”550″ height=”344″ autoplay=”no”]

Potrebbe interessarti