Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf
CHAMP

Inzaghi:”Non sbagliamo l’approccio, lo Zenit è forte”

Le parole di Inzaghi alla vigilia di Lazio-Zenit

La Lazio prepara la partita in Champions League contro lo Zenit. Alla vigilia è intervenuto in conferenza stampa il tecnico biancoceleste Simone Inzaghi, con al suo fianco Joaquin Correa. Prima le domande al mister.

Sentite più pressioni nell’affrontare gare così?

“Sappiamo dell’importanza della partita di domani, era un nostro obiettivo passare il girone, mancano 3 partite, ne abbiamo fatte 3 nel migliore dei modi. Affrontiamo una squadra forte, di qualità, che recupererà giocatori importanti. Ci vorrà una gara di carattere e di continue scelte giuste. Dobbiamo recuperare energie, sabato a Crotone è stata dispendiosa”.

Situazione tamponi per domani? Sa già a chi dovrà rinunciare e chi invece recupererà?

“Per questa domanda, in questo momento, non ho ancora notizie ufficiali. Sto aspettando la comunicazione dei responsabili sanitari. L’unica notizia certa è che ci sarà di nuovo Luiz Felipe, un giocatore importante, ma che è fermo da più di 10 giorni. Deciderò tra oggi e domani se impiegarlo dall’inizio”.

Con la fascia da capitano a Luis Alberto stop definitivo alle polemiche?

“Penso di sì, l’ha dimostrato negli anni cosa rappresenta per la Lazio. Ha dato una grandissima risposta in campo, per quello che ha fatto tecnicamente e il sacrificio dimostrato. Normale che ci aspettiamo conferme anche fuori dal campo, ma non ho dubbi su questo. Ho parlato con lui, è sereno e motivato per far sì che le cose vadano sempre meglio”.

La Lazio è sottovalutata?

“Non ci danno mai per favoriti, siamo abituati. In questi anni siamo cresciuti sempre, abbiamo portato a casa trofei, all’inizio di questa stagione abbiamo avuto qualche difficoltà dovuta al calendario tosto e alle tantissime defezioni. Il mio augurio è poter recuperare giocatori. Domani avremo qualche problematica, soprattutto a metà campo. Se non parlano di noi, comunque, non mi dispiace. Siamo consapevoli di poter competere e dire la nostra con tutti a disposizione”.

Torna Strakosha? Domani si aspetta di vedere Peruzzi in tribuna?

“Su Peruzzi si sa che in tutte le famiglie e società ci possono essere incomprensioni. Sono convinto che si possano risolvere come successo in passato. Strakosha stamattina ha fatto un lavoro supplementare con Grigioni e Zappalà, è il titolare ma è fuori da tempo. Reina sta facendo bene, giocherà lui”.

Borussia-Bruges: preferirebbe togliere di mezzo una squadra e avere più chance di qualificazione o tentare il primo posto nel girone?

“Una domanda che mi sono posto pure io da solo ieri sera. Difficile dare una risposta, io devo cercare di battere lo Zenit, poi quello che succede a Dortmund deve interessarci relativamente. Noi non dobbiamo sbagliare l’approccio, non dimentichiamo che lo Zenit nel gruppo era la testa di serie numero uno”.

La parola passa poi a Correa.

Ora sei diventato un vero attaccante?

“In questi anni ho giocato più da attaccante o da seconda punta rispetto al passato. Non sono uno da area di rigore, mi piace però stare vicino alla porta. Mi sento migliorato, posso farlo ancora tanto. Lavoro per questo tutti i giorni”.

Che emozione allenarsi con Messi in nazionale? Ti ha dato consigli?

“Una sensazione bellissima, un sogno di tutti gli argentini che giocano a calcio fin da piccoli. Stare lì insieme a lui e agli altri è importante, sono molto felice. Messi parla con tutti, è molto tranquillo ed educato, ma impari soprattutto vedendolo giocare, non a parole. Cerco anche io di migliorare così”.

Il tuo obiettivo?

“Il mio primo obiettivo è domani, penso di partita in partita. Questa è stata la mia forza, pensare di giorno in giorno, se faccio bene le cose arrivano di conseguenza”.

Il segreto del gruppo?

“Siamo uniti, il mister ci conosce benissimo, lavoriamo tanto ogni giorno per fare il nostro gioco ed essere protagonisti in partita. La nostra forza è questa, siamo tanti amici in campo”.

Ti aspettavi una Lazio a questi livelli?

“Non è una sorpresa per me vedere la Lazio a questo livello contro squadre forti, lo siamo anche noi. Abbiamo giocatori esperti, siamo pronti a tutto, in primis a vincere domani per continuare su questa squadra”.

Le polemiche vi hanno condizionato?

“No, da quando sono qua si parla sempre di noi, si dicono certe cose… La nostra forza è la concentrazione in campo, è quello che ci chiede Inzaghi, di non pensarci e di fare il nostro lavoro. Lo stiamo facendo bene, se continuiamo così potremo dire la nostra”.

Bilancio del tuo percorso alla Lazio? In cosa puoi migliorare?

“Il percorso è stato molto bello, abbiamo avuto momenti di difficoltà, ma abbiamo vinto coppe importanti. Ho imparato ogni giorno. C’è sempre da migliorare, è quello che penso e faccio ogni allenamento, il mister mi aiuta tanto con lo staff. Sono sulla strada giusta, voglio continuare così e i risultati arriveranno”.

Potrebbe interessarti