Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf
Serie A

Juventus-Napoli, l’ultima di Carrera: “Con Mazzarri abbiamo scherzato”

Di Leonardo FRANCESCHINI

 Alla vigilia della sfida scudetto Juventus-Napoli parla Carrera, per l’ultima volta: domani andrà in panchina Alessio, il vice di Conte. Vucinic è in dubbio, ha accusato un’influenza intestinale. Inoltre Carrera stempera i toni spegnendo le polemiche in riferimento alle quali dice “abbiamo scherzato”.

Juve-Napoli: Conferenza stampa Carrera

“Domani in panchina andrà Alessio, ci sono delle gerarchie. Io tornerò a ricoprire il mio ruolo e a fare il collaboratore tecnico”. Così Massimo Carrera esordisce mettendo da subito in chiaro quali siano i ruoli. L’ex difensore bianconero dichiara anche di aspettare notizie riguardo la seduta di rifinitura utile a valutare le condizioni di Buffon e Vucinic. Carrera torna poi sulle schermaglie dialettiche avute con Mazzarri e spiega: “Non devo mandare nessun messaggio distensivo. Ci siamo divertiti, abbiamo scherzato, voi avete raccontato le nostre battute ma finisce qua. A chi stringerò la mano tra Mazzarri e Frustalupi? Penso che saluterò sia uno che l’altro”. Infine, l’allenatore in terza della Juve ridimensiona le aspettative nate e cresciute intorno al big match di domani e spiega: “Il campionato è ancora lungo, lo scudetto non è solo una questione Juve-Napoli, altre squadre potranno divertirsi”.

Non ci sono favoriti in questa sfida, i numeri son uguali e non saremo soltanto noi e il Napoli a giocarci lo scudetto.” In chiusura solo elogi per i partenopei: “Il Napoli sta puntando decisamente allo scudetto, lo si capisce anche dal fatto che sta trascurando le coppe europee. Abbiamo due modi diversi di vedere il calcio, noi più propositivi, loro molto abili nelle ripartenze, dalle quali dovremo stare molto attenti”. Apparentemente un clima disteso, dalle parole di Carrera si evince grande stima e rispetto. Vedremo domani sul campo; l’impressione è che la Supercoppa di Agosto sia un’episodio ancora troppo vicino affinché questa sfida possa essere considerata una partita come le altre.

Walter Mazzarri

MAZZARRI – Quella di domani sarà una partita importante ma non decisiva per lo scudetto”. Walter Mazzarri getta acqua sul fuoco dell’attenzione, soprattutto perché, e lo dice espressamente, non vuole che i suoi giocatori diano a questa partita più significati di quanti non ne abbia in realtà. “E’ una partita che come tale vale al massimo tre punti – dice il tecnico – per cui il peggio che ci possa accadere è avere un tale distacco dalla Juventus in caso di sconfitta. Con un campionato quasi intero da giocare un tale vantaggio per i nostri avversari non significherebbe nulla. Non dimentichiamo che al ritorno devono venire a giocare al San Paolo dove dovremmo essere un pochino favoriti noi. Perciò dico che non cambia nulla – conclude Mazzarri – a prescindere da come si concluderà la sfida di domani”.

“Da tre anni a questa parte il gioco del Napoli è stato considerato uno dei migliori, non soltanto in Italia ma in tutta l’Europa”. Walter Mazzarri risponde così alle osservazioni di Carrera secondo il quale il gioco della sua squadra sarebbe più propositivo e quello del Napoli più attendista. “Ognuno – commenta Mazzarri – è libero di fare le sue valutazioni però penso che sia anche importante valutare gli organici che ogni allenatore ha a disposizione”. “Ogni squadra – aggiunge Mazzarri – fa un tipo di gioco che è consentito in base alle caratteristiche degli uomini. E’ chiaro che la vedo in modo diverso dal tecnico della Juventus”.

Potrebbe interessarti