Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf

Liga Portugal: Il Porto batte il Benfica e torna al comando

di Marco SIMONELLI
Twitter: @marsimonelli

La supersfida che decide la stagione termina in favore dei campioni del Porto che, battendo il Benfica, riconquistano la testa della classifica compiendo una rimonta che sembrava impossibile fino a due giornate fa. Subito dietro il Pacostermina la sua favola conquistando una qualificazione storica in Champions e relegando il Braga a disputare l’Europa League. In coda cinque squadre sono in lotta per la sopravvivenza nella massima serie portoghese.

Porto-Benfica-2-1
Porto-Benfica-2-1

IL PORTO PASSA IN TESTA AL 91’ – La rimonta è completa. Se fino a poche giornate fa il campionato sembrava già deciso, oggi cambia la situazione al vertice. Il super classico di Portogallo sancisce il sorpasso del Porto sul Benfica, dopo una rincorsa durata ben otto giornate. In un Estadio do Dragaogremito i padroni di casa sono quelli che interpretano meglio la gara, quelli che dimostrano di avere più voglia di vincere per andare a conquistare il loro terzo titolo consecutivo. Anche dopo il gol del Benfica di Lima i biancoblu non si scompongono e trovano subito il gol del pari con la deviazione decisiva di Maxi Pereira sul cross di Varela. La partita si scalda, il Porto ci crede sempre di più ed inizia un forcing serrato alla ricerca del vantaggio, che non arriva solo grazie alle belle risposte di Artur sulle conclusioni di Joao Moutinho e Varela. Negli ultimi minuti il forcing si trasforma in assedio con l’occasione più ghiotta sprecata da James Rodriguez che a tu per tu con il portiere calcia sul palo. La Primeira Liga sembra volgere ai titoli di coda per il Porto, incapaci di concretizzare il dominio territoriale messo in campo nei novanta minuti. Ma il cuore dei dragoni non smette di battere e permette a Kelvin di siglare il gol vittoria al 91’ con un gran diagonale dal limite dell’area. Un tiro improvviso, imparabile per Artur, che mette in ginocchio il Benfica e dà il via alla festa biancoblu.Ma il titolo non è ancora stato assegnato, manca ancora una giornata al termine del campionato, giornata in cui il Benficadeve sperare in un aiuto da parte del Pacos (già sicuro del terzo posto e quindi senza grandi stimoli) per non buttare all’aria un campionato che due giornate fa sembrava già vinto.

PACOS, CHAMPIONS STORICA. IL BRAGA GETTA AL VENTO LA RIMONTA – Come detto il Pacos de Ferreira conquista con una giornata d’anticipo il terzo posto e la conseguente qualificazione ai preliminari della prossima Champions League.Ai castori basta un pari sul campo dell’Academica per portarsi a una distanza di sicurezza di cinque punti dal Braga e rendere reale la sua favola.Dopo un primo tempo in cui i padroni di casa dominano e si rendono pericolosi più volte, scheggiando anche una traversa con Bruno China, nella ripresa il Pacos parte forte e trova subito il gol del vantaggio con Manuel José.A rovinare la giornatadei Pacensi ci prova Edinho, ma il suo rigore è ininfluente ai fini della classifica vista la contemporanea sconfitta del Braga. Al triplice fischio finale può finalmente iniziare la festa europea, che corona al meglio una stagione fantastica, la migliore nella storia del Pacos. Il Braga dunque non riesce ad approfittare del passo falso dei castori, facendosi rimontare dal Nacional. Dopo il gol di Hugo Viana nel primo tempo, a determinare il risultato sono tre minuti di totale black-out degli Arsenalistas che tra il 76’ e il 79’ subiscono i gol di Keita e Mateus e l’autogol di Santos. Il suicidio del Braga gli impedisce di centrare la terza qualificazione in Champions consecutiva, relegandoli a disputare l’Europa League.

ESTORIL, E’ SEMPRE PIU’ EUROPA. IN CODA LOTTA APERTA PER NON RETROCEDERE – Continua lo straordinario periodo di forma dell’Estoril che, dopo aver fermato il Benfica, batte anche il Beira-Mar e riconquista il quinto posto in classifica grazie alla sconfitta del Vitoria Guimaraes. I Canarinhos riescono a ribaltare il gol iniziale di Dani Abalo grazie alla rete di Lica e al maldestro autogol a cinque minuti dalla fine di Rui Rego. Il Guimaraesviene invece sconfitto dal Maritimo per 1 a 0 con il gol di Danilo Diaz. I bianconeri ottengono però la qualificazione alla prossima Europa League grazie al raggiungimento della finale di Taca de Portugal da giocare contro un Benficagià in Champions.In zona retrocessione importante vittoria del Moreirense contro il Vitoria Setubal che gli permette di abbandonare l’ultimo posto in classifica. Rischiano ancora GilVicente e Olhanense, battute rispettivamente da Rio Ave e Sporting. Ora racchiuse in appena tre punti vi sono ben cinque squadre, che si contenderanno la permanenza in Pimeira Liga nell’ultima gara

Potrebbe interessarti