Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf

Liga Portugal: Il Porto tenta la prima fuga stagionale

di Marco SIMONELLI

Il Porto continua a vincere e si porta da solo in vetta alla classifica, grazie all’imprevisto stop per il Benfica che pareggia contro l’Academica. Risale invece il Braga, vittorioso nella sfida con il Rio Ave.

MINI FUGA PORTO – Il Porto si presenta per la prima volta davanti ai propri tifosi dopo aver ceduto allo Zenit San Pietroburgo ilgioiello Hulk. L’allenatore Vitor Pereira però non ha dubbi e lancia un messaggio importante per squadra e tifosi: “continueremo a segnare anche senza di lui”. Ancora più importante è però dimostrare sul campo ciò che si dice e i Dragoes lo fanno nel migliore dei modi, rifilando quattro gol al Beira-Mar. Il Porto inizia con il piglio giusto e in due minuti si rende pericoloso con due colpi di testa di Maicon (traversa) e Jackson. In campo c’è solo una squadra e il gol è nell’aria, così, dopo la seconda traversa della serata, ci pensa Jackson Martinez a sbloccare la partita con una splendida mezza rovesciata. Passano pochi minuti ed è Varela a raddoppiare, con un preciso diagonale che passa sotto le gambe di Rui Rego. A inizio secondo tempo James Rodriguez, lasciato solo all’interno dell’area, ha il tempo di mirare il palo lontano e insaccare senza problemi.Superiorità imbarazzante quella del Porto, che chiude definitivamente la partita, se mai ce ne fosse stato bisogno, con ilpreciso colpo di testaMaicon.

BENFICA E BRAGA INSEGUONO – Il Benficaè costretto a vincere contro l’Academica per tenere il passo del Porto. Il clima non è dei più incoraggianti, dopo la partenza di Witsel e l’estensione alle gare europee della squalifica a Luisao, a seguito dell’aggressioneall’arbitro in un’amichevole estiva contro il Fortuna Dusseldorf.Ma le Aquile sembrano non risentire di questi problemi e partono bene, andando due volte vicino al gol nei primi quattro minuti, ma prima Cardozo e poi Rodrigo colpiscono il legno a porta completamente vuota. La regola del “gol sbagliato, gol subito” si rende valida al 25’, quando, alla prima sortita offensiva dell’Academica, Maxi Pereira atterra in area Makelele. Sam va sul dischetto e non sbaglia.Nel secondo tempo che la gara potrebbe prendere una piega diversa, quando il tiro di Nolitoviene intercettato involontariamente con la mano da Galo: rigore ed espulsione, troppo severa, per il difensore. Cardozo dagli undici metri ristabilisce la parità. Forte dell’uomo in più il Benficacontinua ad attaccare, ma è un altro rigore a indirizzare la partita in favore dei padroni di casa. A tirarlo questa volta è Wilson, ma l’esito è lo stesso: Academica clamorosamente in vantaggio.La squadra di Pedro Emanuelnon ci sta e gli ultimi minuti sono un vero e proprio assedio, che si conclude con il gran gol da fuori di Lima che stabilisce il definitivo pareggio.

Dopo l’inaspettata sconfitta in Champions League il Braga è chiamato al pronto riscatto. Contro il Rio Ave la squadra di Peseiro ci mette un tempo per trovare il vantaggio, che arriva grazie al gol di Eder dopo un batti e ribatti in area. A inizio ripresa ci pensa Beto a riequilibrare il match, non trattenendo una punizione di Edimar. Da qui in poi però il Braga cresce e trova il doppio vantaggio grazie al colpo di testa di Amorim e alla zampata ravvicinata di Eder.Custodio su rigore fissa il punteggio sul 4 a 1 e permette al Braga di non perdere terreno dalla vetta della classifica.

LE ALTRE PARTITE –Partita ricca di gol quella tra Nacional e Pacos de Ferreira, che si apre subito con il vantaggio dei padroni di casa grazie al gol diClaudemir. Il pareggio arriva a fine primo tempo con Manuel José, ma nella ripresa il Nacional dilaga con i gol di Mateus e Manuel da Costa. Quando la partita sembrava ormai chiusa viene fuori l’orgoglio dei Castori che allo scadere accorciano le distanze con il gran tiro da fuori di Vitor Silva e pareggiano grazie al colpo di testa di Cicero.

Centra la prima vittoria ilGuimaraes contro un Moreirense in dieci uomini per tutta la partita a seguito dell’espulsione di Augusto Loureiro dopo appena due minuti. A portare in vantaggio gli ospiti ci pensa Addy dopo un’ora di gioco.

Primi tre punti anche per il Setubal che vince in casa contro l’Olhanense grazie al gol su rigore di Meyongad inizio ripresa.

Potrebbe interessarti