Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf

Nazionale: Verso l’Armenia, Prandelli riparte dal 4-3-1-2

In partenza per l’Armenia, gli azzurri tra polemiche e nuovi scandali, come di consueto accade ormai quando tocca alla Nazionale, partiranno alle 16.00 alla volta dell’Armenia. Chiellini non si fida:”Non sarà facile”

La Nazionale durante l’allenamento di Coverciano

PRANDELLI PROVA IL MODULO – Ultimo allenamento per gli azzurri a Coverciano prima della partenza oggi alle 16, da Pisa, per l’Armenia. Cesare Prandelli dopo una prima parte di allenamento in cui ha diviso la squadra in due gruppi di lavoro, ha testato quella che potrebbe essere l’Italia titolare venerdì prossimo: modulo 4-3-1-2 con la linea difensiva, davanti a Buffon, composta da Maggio, Barzagli, Bonucci e Criscito (che gioca ancora con la maschera), a centrocampo Pirlo vertice basso, De Rossi e Marchisio a destra e a sinistra, Montolivo vertice alto. Per quanto riguarda l’attacco, il ct, dopo aver inizialmente schierato la coppia Destro-Giovinco, ha impiegato il duo Osvaldo-Balotelli, favorito per la sfida con l’Armenia. Nella partitella, disputata su campo ridotto, la difesa dell’altra squadra è stata guidata da Giorgio Chiellini che a questo punto sembra davvero destinato, venerdì, a partire dalla panchina.

CHIELLINI – Sono chiare le ambizioni di Giorgio Chiellini sia con la sua squadra di club che in azzurro. “In queste due prime sfide abbiamo avuto la conferma che ogni avversario è difficile, lo sarà anche l’Armenia, dovremo sempre mettere in mostra grandi prestazioni per vincere. Il gruppo è di alto livello, ben coperto in ogni reparto, non esiste un modulo perfetto ma solo giocatori diversi che interpretano quel ruolo. Se sarò tra gli undici? Siamo tanti e bravi, io sto bene sarà il ct a decidere”.
“Vogliamo portare a casa sei punti nelle prossime due partite perché è un obiettivo troppo fondamentale la qualificazione al prossimo mondiale – ha proseguito il giocatore del Napoli -. Non devo dimostrare niente in azzurro ma solo far vedere al mister qui in Nazionale che cerco di allenarmi sempre bene. La voglia di fare una grande partita, sulla falsariga di quelle che faccio con il Napoli c’è; anzi quando si veste questa maglia, c’è sempre il desiderio di dare quel qualcosa in più. Venerdì per me sarà una gara importante, anche se prima degli obiettivi personali, c’è sempre il bene della Nazionale”.

Potrebbe interessarti