Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf

Prandelli:”Sarà una gara difficile, voglio pensare solo all’Italia”

E’ un Cesare Prandelli diverso dal solito, quello che si presenta in conferenza stampa a San Siro alla vigilia della partita che l’Italia affronterà domani sera contro la Danimarca nella quarta giornata delle qualificazioni ai Mondiali del 2014

Cesare Prandelli

L’AVVERSARIO – Sarà una partita difficile, dovremo essere bravi a interpretare bene questa gara – sottolinea Prandelli -. La Danimarca ha una buona organizzazione, un buon ritmo di gara, ha la capacità di pressare alti gli avversari e abbiamo preparato la partita contro questa squadra. Domani voglio i tre punti, faremmo un passo importante importante in un girone molto equilibrato, nel quale anche Bulgaria e Armenia, oltre a Danimarca e Repubblica Ceca, hanno la possibilità di contenderci la qualificazione. Dopo questa gara riprenderemo a giocare a marzo, vogliamo passare un bel Natale”. Alla domanda su Buffon, il ct si mette sulla difensiva e spiega: “Per quanto riguarda Gigi valuteremo nella rifinitura, in questi giorni si è curato e vuole essere in campo. Non verrò sicuramente a dire come ci muoveremo a centrocampo, non voglio dare alcun vantaggio”.

Prandelli e Balotelli

BALOTELLI – “Ha superato la bronchite, è disponibile. In questi due giorni si è allenato bene. Balotelli e Osvaldo? Sanno attaccare la profondità, ma anche difendere la palla. Sono attaccanti moderni, Mario ogni tanto sa defilarsi sul centro-sinistra”.

CASO BUFFON – Gigi vuole giocare, adesso proverà, in allenamento (programmato a seguire, dopo la conferenza stampa), la sua intenzione è di giocare. Si è curato, in questi giorni

JUVE-NAPOLI – L’ultima volta che ho fatto una conferenza stampa in cui si è parlato di club, poi ho perso la partita. Era quella con gli Usa. Per cui adesso non ne voglio parlare. Non voglio anche perché so che non saprei trattenermi, e non è il caso di dire quello che penso”

Potrebbe interessarti