Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf
Premier League

Premier League: Ancelotti batte Mourinho, il Leicester parte forte

Un Everton profondamente rinnovato vince in casa del Tottenham con la vecchia guardia: Ancelotti vendica così la sconfitta della passata stagione con autogol di Kean. Nessun pareggio tra Mourinho e sir Carletto. Nell'altra gara della domenica, il Leicester vince a Birmingham contro il West Bromwich grazie all'ex Atalanta Castagne e ad un super Vardy già in forma smagliante

È destino che Carlo Ancelotti e José Mourinho non ci scappi mai il pareggio, 4 successi a 3 per il portoghese il bilancio degli scontri diretti: dopo la dolorosa sconfitta di due mesi fa, sull’autorete di Keane, il tecnico italiano si è vendicato andando a vincere nello stadio del Tottenham con il gol di Calvert-Lewin al 55’, un colpo di testa imperiale sulla punizione-cross di Digne. Mourinho e Ancelotti si abbracciano e sorridono all’ingresso in campo, si parte e l’Everton governa subito la situazione. Richarlison al 16’ minuto divora l’1-0: brucia tutti sullo scatto, dribbla Pickford, ma si allarga troppo e scaglia il pallone sull’esterno della rete. Un lancio di Son per Kane al 24’ minuto è il segnale che il Tottenham è vivo.

La replica d’istinto di Pickford sulla botta di Alli al 33’ minuto pareggia il numero delle grandi occasioni, mentre nel finale Pickford è ancora super su Doherty, liberato da Kane. L’Everton gioca decisamente meglio: pressing, ripartenze, tagli, sovrapposizioni, palleggio. Allan in cabina di comando non sbaglia un colpo. Si riparte e al 55’minuto, sulla punizione di Digne, il colpo di testa di Calvert-Lewin fulmina Lloris. Il Tottenham, nonostante gli inserimenti di Sissoko e Ndombélé, non riesce a imporre la sua forza fisica. L’Everton è pericoloso nelle ripartenze: Richarlison sfiora tre volte il 2-0. Nel finale c’è spazio anche per Kean. Finisce 1-0 ed è un evento storico: dal 2012 l’Everton non superava il Tottenham.

Il Leicester riparte da Vardy: la doppietta su rigore del centravanti delle Foxes, capocannoniere dell’ultima Premier con 23 gol, è il pezzo forte del 3-0 sul campo del West Bromwich Albion, tornato nel massimo campionato sotto la guida di Slaven Bilic. La banda di Brendan Rodgers domina in lungo e largo. I gol arrivano nella ripresa. L’1-0 ha la firma dell’ex atalantino Timothy Castagne, al debutto in Premier: il belga segna al 56’ minuto di testa sull’assist del connazionale Praet, ex Sampdoria. ardy sale sul palcoscenico nell’ultimo quarto d’ora.

Al 74’minuto si procura il primo rigore, abbattuto da Bartley: esecuzione perfetta. Il WBA si dissolve e nel finale, all’84’ minuto, secondo penalty per le Foxes, sul fallo di O’Shea su Justin. Sul dischetto si ripresenta Vardy e altra stoccata d’autore. Il centravanti sale a quota 105 gol in Premier. Castagne ha commentato a fine gara: “Un debutto da sogno. Mi piace questo stile di gioco e anche la pressione di un campionato come quello inglese. Per questa ragione sono qui”.

Potrebbe interessarti