Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf
Premier League

Premier League: Liverpool senza storia, cade il Leicester, vincono Chelsea e United

I reds sono a +16 sulla seconda in classifica e si avviano a vincere una Premier nella quale non hanno avuto rivali.

Nella partita che apre questa 22^ giornata di Premier League, all’Arsenal non riesce il sorpasso in classifica ai danni del Crystal Palace, non andando oltre l’1-1 al Selhurst Park di Londra proprio contro il Palace. Nonostante il vantaggio di Aubameyang dopo appena 12′ minuti, l’attaccante gabonese con un passato nella Primavera del Milan è stato protagonista anche in negativo visto che è stato espulso al 67′ minuto per un bruttissimo fallo nei confronti di Meyer. L’arbitro non si è accorto subito dell’accaduto e per questo è stato necessario l’intervento del Var, 13 minuti dopo il pareggio di Jordan Ayew.
Pareggio con una rete per parte anche nella sfida tra Wolverhampton e Newcastle con le reti tutte e due in apertura. Almiron apre le marcature dopo soli 7 minuti per il Newcastle, Dendoncker pareggia i conti al 14′ minuto. Per i Magpies guidati dal tecnico Bruce, il gol di Almiron in apertura è stato il numero 500 nella loro storia. Record.

Carlo Ancelotti torna a sorridere dopo i due k.o. con Manchester City e Liverpool che avevano suscitato diverse polemiche e gettato ombre sul rapporto tra il tecnico di Reggiolo e lo spogliatoio. L’Everton supera 1-0 il Brighton e raggiunge l’Arsenal al 10° posto in classifica, grazie ad uno splendido gol del brasiliano Richarlison al 38’minuto: tiro a giro sull’assist di Digne. I Toffees nel primo tempo dominano, ma nella ripresa viene fuori il Brighton: Trossard colpisce la traversa al 53’ minuto. A pochi minuti dal termine una grandissima parata di Pickford, su un perfetto colpo di testa di Murray, evita l’1-1, all’82’ minuto. Al 77’ minuto Calvert-Lewin realizza il 2-0, ma il Var annulla per un tocco con la mano e il centravanti dell’Everton viene anche ammonito.

Pomeriggio estremamente tranquillo per i Blues di Lampard. Il Burnley cade in maniera disastrosa a Stamford Bridge. Il Chelsea va in vantaggio al 27’ minuto, quando Jorginho trova l’1-0 su rigore. Abraham raddoppia al 38’ minuto e al 49’ minuto Hudson-Odoi centra il tris. Il resto della gara è stata ordinaria amministrazione. Vince e convince anche il Manchester United, dopo la sconfitta in coppa di Lega. La squadra di Solskjaer rialza la testa contro il Norwich, sempre più ultimo in classifica. Rashford apre le marcature al 27’ minuto. Al 52’minuto l’attaccante dei Red Devils piazza la doppietta personale sfruttando la chance del calcio di rigore. Martial sigla il 3-0 al 54’ minuto e, per chiudere in bellezza, al 76’ minuto il diciottenne Greenwood, entrato al 71’, cala il poker.

Brutta caduta in casa delle Foxes, superate 2-1 dal Southampton, che si prende una piccola rivincita dopo lo 0-9 subito all’andata. L’ex sampdoriano Praet porta avanti la banda di Rodgers al 14’ minuto, ma al 19’ minuto è già 1-1, con la firma di Armstrong. Ings, l’uomo che sta trascinando verso la salvezza i Saints, segna il 2-1 all’81’ minuto. Proprio in chiusura, all’89’ minuto Evans realizza il 2-2, ma il Var annulla per la posizione irregolare del difensore nordirlandese. Adesso il Leicester rischia di scivolare via dal secondo posto in classifica: se il Manchester City dovesse vincere contro l’Aston Villa in trasferta, avverrà il sorpasso.

Nel posticipo arriva l’ennesima vittoria del Liverpool che, ormai, non fa più notizia. Nessuna squadra dei principali campionati europei era riuscita fino ad oggi a conquistare 20 vittorie nelle prime 21 gare: l’1-0 finale dei reds sul campo del Tottenham ha permesso ai ragazzi di Klopp di centrare un record prestigioso. Il successo ha la firma nobile di Firmino al 37’minuto: dribbling secco sul debuttante Tanganga e botta che non lascia scampo. Gli Spurs di Mourinho, dopo un primo tempo in apnea, rialzano la testa nella ripresa. All’83’ minuto Lo Celso ha la grande occasione per pareggiare sul cross di Aurier: tiro sballato e Mourinho si dispera tanto da inginocchiarsi nell’area tecnica. Tottenham che ha l’attenuante delle due assenze illustri di Kane e Sissoko fino ad aprile. In apertura di gara il salvataggio sulla linea di Tanganga e, sullo sviluppo dell’azione, il palo colpito da Oxlade-Chamberlain dopo soli 2 minuti, sembrano il preludio di un dominio assoluto dei Reds e di un pomeriggio di sofferenza per gli Spurs. Domina in campionato la formazione di Klopp, ora +16 dalla seconda in classifica. L’esito di questa Premier è scontato.

Potrebbe interessarti