Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf
Roma

Roma: Si pensa al futuro, cosa cambia con la nuova proprietà?

La debacle di ieri sera contro il Siviglia ha segnato un finale di stagione che ha lasciato un po’ di amaro in bocca ai tifosi capitolini. La Roma è stata ceduta, proprio ieri al gruppo Friedkin ed in molti si sono chiesti se possa avvenire quel famoso salto di qualità. Col il tycoon americano non viene modificato assolutamente il principale obiettivo dell’AS Roma SPA, ovvero, aumentare esponenzialmente la parte commerciale visto che il benchmark delle compagini tedesche dello stesso livello superano i giallo-rossi ampiamente.

Implementando i ricavi commerciali, infatti, si potrà intervenire meno sul mercato ed è per questo motivo che James Pallotta è stato costretto ad assumere un DS in modo da poter ottemperare a tale defaiance facendo le famose plusvalenza (dei rIcavi straordinari derivanti dalla compravendita di calciatori). La nuova proprietà non è intenzionata a proseguire sulla strada del trading e vuole operare il meno possibile sul mercato, sia in entrata che in uscita.

Pellegrini e Zaniolo dovrebbero essere posti al centro del progetto tecnico e non solo, diventando le colonne portanti di questa squadra. Il capitolo stadio ha un nodo non facile da sciogliere e, per questo motivo, verrà nominato un consulente che si occuperà del tutto ed il primo nome nella lista sembra essere Baldissoni. Insomma, di lavoro da fare ce n’è tanto ed i buoni propositi si intravedono dal fatto che il figlio di Friedkin si trasferirà a Roma per avere un collant diretto tra squadra e dirigenza.

Potrebbe interessarti