Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf
Serie B

Sassuolo e Verona non si fanno male. L’Empoli sogna i play-off

di Marco SIMONELLI
Twitter: @marsimonelli

Nel turno infrasettimanale prepasqualespicca il pareggio nel big match tra Sassuolo e Verona, con le due squadre che si annullano a vicenda e non riescono a trovare la sterzata decisiva verso la Serie A. Dall’uovo esce poi la sorpresa che non ti aspetti, con l’Empoli che si avvicina al Livorno e riapre il discorso play off.Zona play off in cui entra di diritto un bellissimo Novara e da cui invece esce il Brescia. In coda vittorie importanti per Lanciano e Ascoli, mentre sembra ormai deciso il destino del Grosseto.

Sassuolo-Verona-1-1

PAREGGI IN ALTA QUOTA – Il big match tra Sassuolo e Verona era l’occasione per le due squadre di dare una direzione precisa al proprio campionato. Il Sassuolo avrebbe potuto allungare ulteriormente sul terzo posto, mentre l’Hellas poteva avvicinarsi alla promozione diretta. E invece finisce con un pari che accontenta a metà entrambi, con gli emiliani che vedono invariato il distacco dalle inseguitrici con una partita in meno e con gli scaligeri che non vengono scavalcati dal Livorno.Dopo pochi minutiCacia prova a mettere paura a Pomini ma il suo tiro strozzato viene parato dal portiere. È solo un lampo però, perché nella prima frazione il dominio neroverde è netto e porta al gol del vantaggio di Pavoletti. Nella ripresa viene fuori il potere fisico del Verona che cambia marcia alla ricerca del pari. Prima Gomez si fa parare il rigore del possibile 1 a 1, poi si riscatta servendo l’assist decisivo per il pareggio di Hallfredsson. Nel finale l’Hellas prova addirittura a vincerla ma il risultato non cambia fino al 90’. Nelle zone alte rimane dunque tutto invariato anche per il pareggio del Livorno a Bari. Gli amaranto si portano subito in vantaggio grazie ad una splendida azione sull’asse Dionigi-Belingheri: bel lancio in profondità del capitano per Belingheri che scavalca Lamanna con un leggero tocco sotto. I labronici potrebbero raddoppiare con Paulinho, ma l’orgoglio dei galletti porta al gol del pari di Fedato. Il Livorno, dopo aver gustato il sapore della vittoria, esce comunque con un buon punto contro una delle squadre più in forma del momento.

L’EMPOLI RIAPRE I GIOCHI PER I PLAY OFF – Di tutti questi pareggi ne approfitta l’Empoli che vince di rigore a Vercelli e riapre il discorso play off. Contro la Pro basta infatti un penalty di Tavano, e un aiutino dell’arbitro, per regalare i tre punti ai toscani. Il signor La Penna dà una mano agli azzurri, assegnando un rigore dubbio (sul fallo di mano di Scavone il centrocampista subisce una spinta) e non convalidando il regolarissimo gol del pari di Ragatzu. Torna alla vittoria e continua a inseguire il Varese che vince contro la Reggina grazie a tre colpi di testa. Nel primo tempo Neto Pereira apre le marcature mentre nella ripresa Troest e Kone chiudono il match. I varesini interrompono così lamini striscia positiva della Reggina di Pillon, si rilanciano in classifica salvando la panchina di Castori. Chi invece continua a stupire, a vincere, a convincere e a segnare è il Novara, che con la vittoria sul Cittadella arriva a ben dieci risultati utili consecutivi e entra in zona play off. Anche in questa partita però l’arbitro dà una mano evidente ai piemontesi che, dopo essere passati in svantaggio, beneficiano di un’espulsione totalmente inesistente del portiere Cordaz con conseguente rigore del pareggio firmato daBuzzegoli. Da qui inizia il monologo dei ragazzi di Aglietti che passano in vantaggio con Leppiller e dilagano nella ripresa ancora con Buzzegoli, Fernandez, Rubino e Gonzalez. Nel mezzo inutile il gol di Di Carmine che porta il risultato sul punteggio tennistico di 2-6. Per il citta la situazione di classifica rimane critica.

IL BRESCIA PERDE POSIZIONI, JUVE STABIA E CESENA CI CREDONO – Per una squadra che entra in zona play off ce n’è un’altra che esce. È ilBrescia di Calori, cheperde sul campo della Ternanae vede allontanarsi le zone che contano. Dopo un’ora ben giocata dalle rondinelle, con un palo di Scaglia, è l’espulsione di Caldirola a indirizzare la gara in favore dei rossoverdi. Dieci minuti dopo poi Antonio Caracciolo rincara la dose regalando un rigore agli umbri con un intervento scomposto su Vitale. Lo stesso centrocampista va sul dischetto, si fa parare il penalty ma segna il gol vittoria sulla ribattuta.Continua invece la risalita del Cesena e il periodo nerissimo del Padova, alla quinta sconfitta consecutiva. I bianconeri, nell’anticipo di mercoledì si impongono per 2 a 0 grazie alle reti di Rodriguez, per gentile concessione del portiere Silvestri, e Ceccarelli. Torna a sognare i play off anche la Juve Stabia che batte il Modena con un gol di Caserta. Sulla ribattuta del rigore parato a Dicuonzo il capitano stabiese arriva prima di tutti ribadendo in rete.

LANCIANO E ASCOLI, VITTORIE PER LA SALVEZZA – In coda importantissima vittoria del Lanciano che si allontana momentaneamente dalla zona play out e complica non poco i progetti di risalita del Vicenza. La rete di Plasmati e l’autogol di Castiglia regalano i tre punti ai frentani. Risale anche l’Ascoli che torna alla vittoria contro il Grosseto grazie ai gol di Feczesin, di Russo e il rigore di Loviso. Per il Grosseto, che aveva provato a riaprire la gara con Delvecchio, questa sconfitta ha il sapore di una sentenza definitiva. Balzo in avanti anche dello Spezia che batte il Crotone per 2 a 0 e lo aggancia in classifica.

Potrebbe interessarti