Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf
Serie A

Serie A: Alla Roma basta un tempo, Spal sconfitta in rimonta. All’Olimpico finisce 3-1

Petagna illude la SPAL, Pellegrini, Perotti e Mkhitaryan ribaltano la gara nella ripresa

In attesa della Lazio impegnata nel monday night a Cagliari, la Roma è chiamata a reagire dopo il brutto pareggio europeo contro il “non irrestitibile” Wolfsberger, che è costato il primo posto nel girone a vantaggio dell’Istanbul Basaksehir (peraltro strapazzato sia all’andata che al ritorno, per 4-0 e 3-0). Eppure, il primo tempo lo chiude avanti, a sorpresa, la Spal di Leonardo Semplici, fanalino di coda del campionato. Minuto 44’: “delicatezza” di Kolarov, che prima si fa sorprendere da un pallone innocuo, non agganciandolo, poi stende Cionek in area di rigore. Penalty: ancora Petagna dal dischetto, dopo l’errore contro Musso, dopo l’errore contro Joronen. Questa volta però, il numero 37 non perdona. Fendente a filo d’erba, Pau Lopez battuto. 0-1 Spal all’intervallo.

Nella ripresa la squadra di Fonseca è brava, fortunata e capace. Brava, perché gestisce lo svantaggio con maturità, continuando a tenere il pallino del gioco senza imperversare in un arrembaggio “di nervi”. Fortunata, sì, perché rientra in gara grazie a due “infortuni” spallini. Il primo al 53’, quando un innocuo tiro-cross di Pellegrini trova la coscia di Tomovic, che sciaguratamente devia il pallone alle spalle dell’incolpevole Berisha, per l’1-1. Il secondo, quando scoccato il 65° Vicari stende Dzeko in piena area di rigore. Dal dischetto si presenta “el monito” Perotti, che come suo solito pietrifica il portiere e fa 2-1, segnando il suo 22° rigore sui 24 calciati in Serie A.

Ed infine, i giallorossi sono capaci di gestire ottimamente anche il vantaggio, senza mai permettere alla Spal di poter davvero tornare in partita, riuscendo anche a portare a tre le marcature nel finale: poco più di 5’ alla fine, Florenzi per Zaniolo, Zaniolo per Pellegrini, Pellegrini imbuca per Florenzi, Florenzi regala a Mkhitaryan il pallone del 3-1, che l’armeno deposita nella porta sguarnita. Fischia tre volte Antonio Giua, è finita all’Olimpico.

Potrebbe interessarti