Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf

Serie A: Milan e Juve in Champions, Napoli 5°, Roma in Conference

In Champions assieme ai campioni d'Italia dell'Inter vanno Milan, Atalanta e Juventus. Beffato il Napoli, in Europa League assieme alla Lazio. La Roma giocherà nella nuova Conference League

Milan e Juventus in Champions League, Napoli in Europa League: questi i verdetti dell’ultima giornata di Serie A. Rossoneri e bianconeri vincono le rispettive gare in trasferta: il Diavolo soffre ma passa a Bergamo con due rigori, la Vecchia Signora è travolgente a Bologna.

Psicodramma invece a Napoli: al Maradona la squadra di Gattuso, che sembrava avesse il compito più semplice, non va oltre l’1-1 con il Verona e scivola al quinto posto: addio Champions. Il Milan chiude al secondo posto in classifica, davanti ad Atalanta e Juventus. Con il Napoli, va in Europa League anche la Lazio. La Roma è settimana: giocherà in Conference League.

NAPOLI-VERONA
60′ Rrahmani (N), 69′ Faraoni (V)

Il Napoli si fa male da solo pareggiando 1-1 con il Verona. Rahmani sblocca il risultato al 60′ in mischia, regalando 1-0 ai partenopei. Il vantaggio dura meno di 10 minuti. Al 69 Faraoni pareggia con un perfetto diagonale: 1-1. I partenopei si riversano in avanti ma non sfondano, il pareggio condanna il Napoli al quinto posto

ATALANTA-MILAN
43′ rig., 93′ rig. Kessié

Il Milan blinda la qualificazione al 43′ con il rigore assegnato per un fallo su Theo Hernandez. Kessie dal dischetto non sbaglia e con il ventesimo penalty del campionato rossonero mette la gara in discesa: 0-1. L’Atalanta, svuotata dopo la finale di Coppa Italia persa contro la Juve, fatica a reagire. Il Milan non rischia granché nella ripresa, sfiora il raddoppio con Leao che colpisce il palo e nel finale chiude i conti con il ventunesimo rigore dell’anno. Kessie concede il bis, 0-2 e game over.

BOLOGNA-JUVENTUS
6′ Chiesa (J), 29′, 48′ Morata (J), 45′ Rabiot (J), 85′ Orsolini (B)

La Juve archivia rapidamente la pratica. Al 6′ i bianconeri sbloccano il risultato con Chiesa, puntuale al tap-in dopo la conclusione di Rabiot finita sulla traversa. Il raddoppio arriva al 29′ con Morata, che deve solo appoggiare di testa il delizioso assist di Dybala: 0-2. Il tris si concretizza al 45′ con una bella manovra corale che libera Rabiot davanti a Skorupski: 0-3. Morata al 47′ completa il poker. Splendido controllo, sinistro non irresistibile ma Skorupski combina un disastro: 0-4. Nel finale, il Bologna salva l’onore con Orsolini, che all’85’ gira bene un cross da destra e fa centro: 1-4.

SPEZIA-ROMA
6′ Verde (S), 38′ Pobega (S), 52′ El Shaarawy (R), 85′ Mkhitaryan (R)

La Roma si salva grazie ad un pareggio per 2-2 contro lo Spezia in rimonta nel finale e conquista un posto nella nuova Conference League ai danni del Sassuolo. Dopo il primo tempo chiuso con lo Spezia avanti 2-0, la Roma si riprende nella ripresa e grazie ai gol di El Shaarawy e Mkhitaryan conquista il punto che le consente di salire a 62 punti

SASSUOLO-LAZIO 2-0
10′ Kyriakopoulos (S), 78′ rig. Berardi (S)

Il Sassuolo vince 2-0 contro la Lazio: Kyriakopoulos e Berardi regalano l’ultimo successo stagionale: niente Conference League causa differenza reti.

TORINO-BENEVENTO 1-1
29′ Bremer (T), 72′ Tello (B)

Torino e Benevento chiudono la Serie A con un punto a testa, che non cambia le sorti ed il futuro: un goal di Bremer nel primo tempo, chiude nella ripresa Tello.

Potrebbe interessarti