Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf
Serie B

Serie Bwin: il Sassuolo torna alla vittoria, l’Hellas tiene il passo

Di Leonardo FRANCESCHINI

Sassuolo e Livorno: anticipi vincenti. L’Hellas affossa la Virtus Lanciano e si porta a -4 dalle vetta. Pari tra Padova e Bari; la Ternana viene fermata sull’1-1 a Grosseto. Cittadella ancora “ammazzagrandi”: 0-3 allo Spezia. Importanti successi casalinghi per Reggina ed Empoli. Tra Vicenza e Crotone finisce a reti involate. Ancora pareggi, entrambi per 1-1, in Novara-Varese e Brescia-Pro Vercelli.

Il Cittadella sorprende ancora e vince 3-0 contro lo Spezia !

SASSUOLO: CHE BRIVIDI ! BERARDI AL 90’ RISOLVE IL MATCH. IL LIVORNO VINCE DI MISURA, L’HELLAS DI RIGORE. PADOVA RAGGIUNTO DAL BARI. L’undicesima di Bwin era iniziata Venerdì, con il botto, partendo dagli anticipi di Sassuolo e Livorno. I neroverdi in cima alla classifica ospitavano una Juve Stabia rinvigorita dai recenti successi, esattamente quattro, consecutivi, ottenuti contro Padova, Pro Vercelli, Bari ed Ascoli. Insomma, per Di Francesco & Co, si prospettava una partita tutt’altro che facile. Il campo ha confermato i sospetti della vigilia e la gara ha continuato a correre sui binari della parità fino al 90’, minuto in cui Domenico Berardi, attaccante classe ’94 nelle mire dello United, ha segnato il secondo goal stagionale, decisivo ai fini del match. Qualche minuto prima, da segnalare le espulsioni lampo di Dicuonzo e Baldanzeddu, giocatori della Juve Stabia, allontanati dal campo nel giro di due minuti tra l’82’ e l’84’. Contemporaneamente, al “Picchi” di Livorno, veniva disputata Livorno-Cesena. Gli amaranto sono riusciti a spuntarla di misura grazie alla marcatura di Ceccherini al 59’. Un Cesena innocuo non è riuscito ad approfittare della prestazione rivedibile dei padroni di casa, spaventati, quasi in bambola, protagonisti di una gara a corrente alternata. Livorno da rivedere. Ha vinto invece nel canonico pomeriggio di Sabato della Bwin l’Hellas Verona di Mandorlini. Gli “Scaligeri” hanno conquistato i tre punti servendosi di due tiri dal dischetto. Perfetti nell’esecuzione dagli undici metri in entrambi i casi prima Cacia, al 78’, e sei minuti più tardi, Juanito Gomez. Il Lanciano, dopo la quinta sconfitta stagionale, sprofonda sempre più in classifica ed è penultimo; l’Hellas invece sorride e si porta a -4 dal Sassuolo. Il match che vedeva protagoniste Padova e Bari, uno dei più interessanti del Sabato pomeriggio, è finito in parità. L’1-1 finale è maturato nel giro di tre minuti: Granoche, al 53’, ha portato il Padova in vantaggio insaccando la rete dell’1-0; a rispondere al “diablo” c’ha pensato Sciaudone in goal al 56’. Un pareggio che non serva a nessuno ma forse accontenta più i “galletti” pugliesi spesso titubanti lontano dal “San Nicola”: tornare con un punto dalla trasferta in terra veneta, se si vuole vedere il bicchiere mezzo pieno, non è poi un risultato così deludente.

LA TERNANA IMPATTA A GROSSETO; CITTADELLA SHOW A LA SPEZIA ! IL NOVARA IN 10 TIENE TESTA AL VARESE: FINISCE 1-1. La Ternana dei miracoli spreca a Grosseto, in casa dell’ultima della classe, ma riesce comunque a tener in piedi la striscia positiva che va ormai avanti da otto partite nelle quali hanno concluso con quattro pareggi ed altrettante vittorie. Il terzo pari consecutivo, dopo la rete di Nole al 42’, si concretizza nella ripresa, al 71’, in seguito al goal di Jadid. Ma la squadra rivelazione di questi ultimi turni, quella che sta riuscendo a strappare le luci della ribalta alla piazza di Terni, il gruppo capace di strappare l’i,battibilità al Sassuolo nello scorso turno è il Cittadella. Stavolta la vittima di lusso si chiama Spezia ed è stata giustiziata con un secco 3-0 a domicilio. Giannetti verso lo scadere del primo tempo aveva aperto le marcature; nella seconda frazione, al 58’, l’espulsione dello spezzino Rui ha dato il via alla goleada del Cittadella andato poi in goal con Di Roberto, al 59’, ed ancora con Giannetti, autore della doppietta personale al 64’ di gioco. Raggiungendo il quinto successo in campionato, il secondo consecutivo, il Cittadella sale a 16 punti e raggiunge al quinto posto proprio la Ternana. Per lo Spezia cala il buio più totale: la panchina di Serena, dopo l’ennesimo capitombolo, il quarto per l’esattezza, comincia ad essere in bilico. Occasione sprecata per il Varese, o meglio, tanto merito al Novara per esser riuscito a portare a casa almeno un pareggio dopo aver giocato in dieci dalla mezz’ora del primo tempo. Gli azzurri erano anche passati in vantaggio dopo poco più di venti minuti dal fischio d’inizio grazie al quinto centro stagionale di Mehmeti. Ma la squadra di Tesser ha dovuto pagare cara l’ingenuità di Pesce, espulso al 28’ per somma di gialli: una leggerezza vista raramente a certi livelli. Il Varese, a questo punto, per inerzia, si è riversato in massa nella metà campo dei padroni di casa riuscendo però a segnare unicamente una rete; a mettere la firma sull‘1-1 conclusivo, Troest, al 62’.

ACUTO EMPOLI CON IL MODENA; 2-0 CONCRETO DELLA REGGINA ALL’ASCOLI. MALE IL BRESCIA; RETI INVIOLATE A VICENZA. L’Empoli ne fa quattro al Modena e piazza il secondo acuto stagionale portandosi a nove punti in classifica. Apre Andelkovic al 33’, replica Tavano due minuti più tardi, chiude i conti Maccarone ad inizio ripresa. Ma il Modena non ci sta ed infila l’uno-due targato Stanco-Moretti tra il 63’ ed il 73’. Sul finire di gara, a tre dallo scadere, Mori cala il poker per l’Empoli. Bene la Reggina che in casa archivia senza problemi la pratica Ascoli imponendosi sui bianconeri con un secco 2-0. Per i calabresi timbrano il cartellino Sarno e Ceravolo. Le “rondinelle” di Brescia continuano a stentare in questa stagione e perdono contro la Pro Vercelli un’altra occasione per fare il salto di qualità a livello di classifica. I lombardi erano anche andati sotto subendo la rete di Stovini dopo un quarto d’ora di gara. Il solito De Maio poi, nella ripresa, è riuscito quantomeno ad evitare una sconfitta che avrebbe avuto dell’incredibile. Infine, niente reti al “Menti” tra Vicenza e Crotone che danno luogo ad una brutta partita, assolutamente priva di emozioni degne di nota.

 

Potrebbe interessarti