Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf
Serie B

Serie Bwin: Turno di transizione, vincono tutte le big

Di Leonardo FRANCESCHINI

Nella quattordicesima giornata di Bwin succede poco, o meglio, succede ciò che era lecito attendersi: vincono per 2-0 Sassuolo ed Hellas, vince anche il Livorno che ne rifila quattro all’Ascoli. Tutto nella norma. Alle spalle delle prime tre invece si consolida un “gruppone” a 21 punti, il quartetto formato da Modena, Brescia, Juve Stabia e Cittadella. 

Terranova (Sassuolo) esulta dopo aver inferto l’1-0 dal dischetto ai danni del Novara

IL SASSUOLO SI RIALZA, L’HELLAS RULLO COMPRESSORE. POKER DEL LIVORNO AD ASCOLI. La capolista Sassuolo torna alla vittoria con il Novara dopo la batosta del “Bentegodi”. Ai neroverdi è bastato l’exploit avvenuto tra il 63’ ed il 66’ con le reti in successione di Terranova, dal dischetto, e Berardi, su azione, per sbarazzarsi di un Novara al quale sembra il cambio di allenatore non abbia giovato poi così tanto. La risposta dei diretti concorrenti al titolo non si è fatta attendere ed è arrivata da Terni con una puntualità assoluta: un minuto dopo il raddoppio di Berardi, l’Hellas passava in vantaggio sulla Ternana grazie ad una trasformazione dagli undici metri di Cacia, il capocannoniere del campionato. Passano altri due minuti e lo stesso Cacia, finisce nuovamente al centro dell’attenzione, stavolta in negativo però: rosso diretto ed Hellas in dieci. La Ternana a questo punto s’è gettata in avanti alla ricerca del pari che non arriverà. Arriverà invece, al quarto minuto di recupero, la rete del definitivo 0-2 di Martinho, abile nel portare a termine un’azione di contropiede. Un super-Livorno strapazza l’Ascoli al “De Luca” dove in molti avevano già fatto flop. La pioggia di goal cade sul capoluogo marchigiano soltanto nella ripresa e viene aperta dalla marcatura di Schiattarella, al 58’, seguito dai compagni Paulinho, Siligardi e Dell’Agnello. Feczesin segna il goal della bandiera per l’Ascoli.

SUCCESSI ESTERNI PER MODENA E BRESCIA, BENE ANCHE LA JUVE STABIA; IL CITTADELLA SI FA RIMONTARE. Un grande Modena trascinato da Lazarevic passa a Vercelli sconfiggendo la Pro senza alcuna difficoltà. I canarini emiliani hanno raggiunto il vantaggio al 33’ con il suddetto Lazarevic. Lo stesso attaccante sloveno (di proprietà del Genoa) ha raddoppiato all’84’ firmando la prima doppietta personale nella serie cadetta. A tempo scaduto, Iemmello ha accorciato le distanze per la Pro Vercelli. Altrettanto convincente è stata la vittoria del Brescia a Cesena. Le rondinelle, alla seconda vittoria consecutiva, iniziano a somigliare sempre più ad una squadra da promozione. I sigilli sul match del “Manuzzi” sono di Budel, Corvia e Vitor. Il merito dell’unico goal segnato dai padroni di casa va a Defrel. La Juve Stabia, tornata tra le mura amiche dopo la rocambolesca e sfortunata sconfitta di Lunedì a Modena, si complica le cose più del dovuto contro la Virtus Lanciano, passata in vantaggio al 32’ con Turchi, riesce comunque a vincere in rimonta grazie a Danilevicius (78’) ma soprattutto a Improta, match-winner al 90’. Occasione sprecata per il Cittadella che invece, al contrario della Juve Stabia, subisce una rimonta, quella del Vicenza. I granata del veneto erano andati sotto al 44’, in seguito alla rete di Malonga, riuscendo a pareggiare i conti appena due minuti dopo con Giannetti. Al 63’, ancora Cittadella, in goal con Gasparetto. Una rimonta fatta. Invece no: chi di rimonta ferisce di rimonta perisce, ed il vicentino Gentili all’87’ ha fissato il punteggio sul 2-2, risultato con cui si concluderà la gara del “Tombolato”.

CROTONE E VARESE TORNANO A VINCERE; OKAKA RISPONDE A SFORZINI NELL’ANTICIPO DEL VENERDI. Il Crotone, ieri pomeriggio, ha superato per 3-2 l’Empoli ottenendo tre punti fondamentali in chiave salvezza. Gli squali calabresi tornano così a vincere tra le mura dello “Scida”, fortino inespugnabile nella scorsa stagione, non più punto di forza per i rossoblu. Gabionetta è stato l’indubbio mattatore della partita firmando una doppietta in risposta al vantaggio dell’Empoli maturato al 21’ con la marcatura di “Big-Mac” Maccarone. Nel secondo tempo ancora emozioni ed ancora goal con il momentaneo pari di Tavano, al 71’, su calcio di rigore, e Caetano che cinque minuti più tardi ha legittimato il successo del Crotone siglando il 3-2. Il Varese di Neto ha sconfitto nettamente e con merito un Padova irriconoscibile, freddato dal tremendo uno-due in apertura dell’attaccante brasiliano in maglia biancorossa. Neto Pereira, infatti, ha bucato la difesa padovana per ben due volte tra il 17’ ed il 20’. Martinetti, sul finire della prima frazione, ha chiuso i conti mettendo a segno il 3-0. Chiudiamo tornando a Venerdì, all’anticipo dello “Zecchini” tra Grosseto e Spezia. Quando scendono in campo i toscani, la rete di Sforzini è ormai una sentenza; ed eccola puntuale al 29’: Grosseto 1, Spezia 0. La reazione del liguri c’è, ma è fumosa, difetta di concretezza, tant’è vero che arriverà solo un goal primo del triplice fischio, quello di Okaka all’85’.

Potrebbe interessarti