Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf
Serie B

Vince solo il Verona, pari Livorno, cade il Sassuolo

di Marco SIMONELLI

Il ritorno in campo dopo la pausa di gennaio ha riservato molte sorprese e risultati impronosticabili. Il Sassuolo viene sconfitto dal Crotone nell’anticipo di venerdì sera e viene avvicinato da Livorno e Verona. Hellas che allontana i play-off mettendo dieci punti di distanza tra se e il Varese.

Cacia – Hellas-Verona

IN TESTA VINCE SOLO IL VERONA – Tornare in campo dopo quasi un mese di stop non è mai facile, bisogna ritrovare gli automatismi e la confidenza con i 90 minuti. I risultati maturati durante questa giornata sono il frutto del lavoro svolto in questo periodo di pausa e ci riservano molte sorprese. La prima è la caduta dellacapolista Sassuolo, che affonda nel diluvio di Crotone. In un campo impraticabile sono i padroni di casa a portarsi sul doppio vantaggio prima della mezz’ora grazie alle reti di De Giorgio ed Eramo, bravi a sfruttare due dormite della difesa emiliana. Missiroli riapre la gara cinque minuti dopo con un bel piattone che ridona linfa a tutta la squadra. Nella ripresa il Sassuolo spinge sull’acceleratore ma le condizioni del campo gli impediscono di sviluppare il proprio gioco. È negli ultimi minuti che succede però un fatto che ha dell’incredibile: al 95’ un lancio di Chisbahmanda a rete Masucci ma l’arbitro Nasca fischia la fine della gara ignorando il prosieguo dell’azione e non convalidando quindi il gol. Finisce dunque tra le proteste dei neroverdi e con il Crotone che guadagna tre punti importantissimi per uscire dalle zone basse di classifica.

Subito dietro arriva lo stop anche del Livorno che pareggia a Padova in una partita senza reti. Cutolo e Farias provano in tutti i modi a impensierire la difesa toscana ma le occasioni da rete si contano sulle dita di una mano. Il Livorno non riesce a reagire e limita i danni portando a casa un punto comunque importante.

L’unica squadra del terzetto di testa a vincere è ilVerona che passa sul difficile campo dello Spezia. Dopo un inizio di gara equilibrato, in cui i liguri colpiscono anche una traversa con Mario Rui, è il Verona ad uscire alla distanza. Agli uomini di Mandorlini manca solo il gol che viene sfiorato da Cacia e dal nuovo acquisto Sgrigna che colpisce il palo a porta vuota. La partita sembra stregata e allora ci pensa un gran colpo di testa sotto l’incrocio del solito Cacia a sbloccare il risultato.

I PLAY OFF SI ALLONTANANO – Brusche frenate anche nella corsa ai play-off che ora si allontanano per tutte le inseguitrici, complici i dieci punti di distanza tra il Verona, terzo, e la quarta in classifica. Quarta piazza occupata dal Varese che viene fermato però in casa da un ottimo Lanciano. I biancorossi provano a fare la partita ma sono surclassati sul piano atletico dagli uomini di Gautieri che sfiorano due volte il gol con Piccolo e lo trovano prima dell’intervallo con Turchi. Nella ripresa la reazione del Varese porta al pari di Ebagua ma a cinque dal termine il rigore di Volpe regala la vittoria ai frentani.

Perdono anche Empoli e Modena, fermate da Novara e Ternana che piano piano si stanno allontanando dalla zona play-out. Al Castellani, dopo un primo tempo in cui solo i grandi interventi dei due portieri hanno mantenuto il risultato immutato, è Lepiller a sbloccare la partita nella ripresa. L’Empoli cerca il pari fino alla fine ma si deve arrendere nei minuti di recupero quando Lazzari sigla il secondo gol per i piemontesi.

Tra Modena e Ternana succede tutto negli ultimi venti minuti, con l’ingresso in campo di Litteri che vivacizza la partita e segna una doppietta. Prima Alfageme colpisce la traversa con un gran tiro da fuori e poi è proprio Litteri a depositare in rete il cross basso di Ragusa portando in vantaggio la Ternana. Il Modena trova il pari con il rigore di Ardemagni, ma i rossoverdi realizzano il gol partita nei minuti di recupero grazie ad un altro rigore trasformato ancora da Litteri.

Vince invece l’Ascoli e si avvicina al gruppo che insegue il sogno play-off. Contro il Bari protagonista assoluto è il portiere Maurantonio che para l’imparabile mantenendo il vantaggio realizzato da Zaza al quarto d’ora.

IN CODA – Cerca di allontanarsi dalla zona play-out il Cesena che supera in rimonta il Vicenza. Dopo il vantaggio di Pinardi su punizione, sono Granoche e Tonucci a ribaltare il risultato in favore dei bianconeri. Nel finale il gol di Succi chiude definitivamente il match.

Pareggio senza reti che non serve a nessuno tra Pro Vercelli e Reggina che continuano a navigare in acque pericolose.

Vittoria che ridà morale quella del Grosseto,fanalino di coda, ai danni del Cittadella. Dopo il vantaggio ospite con Di Roberto i “grifoni” ribaltano la partita grazie a Padella, Piovaccari e Lupoli.

Potrebbe interessarti