Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf

Premier League: Derby all’ultimo respiro, il Chelsea torna a sorridere

di Marco SIMONELLI

Il Manchester United vince nei minuti di recupero il derby contro il City portandosi a sei punti di distacco dalla squadra di Mancini. Subito dietro arriva la prima vittoria per il Chelsea di Benitez e riconquistano i tre punti anche Everton e Arsenal. Vittorie importanti per Liverpool e Norwich, che sembrano poter ambire a posti europei.

Manchester+City+v+Manchester+United

DERBY ALLO UNITED, E’ FUGA – Lo United fa suo il derby di Manchester e scappa a +6 sui cugini campioni d’Inghilterra, ancora imbattuti in questa stagione. L’inizio di gara è tutto di marca City, ma il match si caratterizza più per il grande agonismo che per le occasioni da gol. Occasione che non spreca Rooney al quarto d’ora, quando è bravissimo a capitalizzare con un bel diagonale la prima sortita offensiva dei RedDevils. L’inerzia del match cambia in favore degli ospiti, che sfruttano alla grande le fasce e trovano il raddoppio ancora con Rooney, bravo ad anticipare KoloTouré e a girare in rete il cross basso di Valencia. Nella ripresa il City parte con un altro piglio e l’ingresso di Tevez, per un evanescente Balotelli, rivitalizza la squadra di Mancini. La prima occasione però è ancora dello United, con il gran tiro a giro di Van Persie che prende il palo. Sul ribaltamento di fronte ecco che arriva il gol dei Citizens: dopo un doppio intervento di De Gea su Tevez e Silva arriva il tiro vincente di YayaTourè che accorcia le distanze. A dieci dal termine Silva ha la possibilità di pareggiare dopo una bella azione personale, ma De Gea è bravissimo a deviare d’istinto il tiro ravvicinato dello spagnolo. È all’86’ che arriva il meritato pareggio del City, grazie al tiro di Zabaleta sugli sviluppi di un calcio d’angolo.I “vicini rumorosi” tornano a farsi sentiresempre più forte, ma a farli risprofondare nel silenzio ci pensa Robin Van Persie nel secondo minuto di recupero. La sua punizione dal limite, deviata leggermente dalla barriera, va a colpire il palo lontano prima di entrare in rete, facendo esplodere di gioia il settore ospite. La monetina lanciata su Ferdinand e il nervosismo finale di Tevezfanno solo da contorno ad un finale di gara che regala emozioni ad una sola sponda di Manchester, quella rossa.

Il Chelsea torna finalmente alla vittoria in Premer, la prima dell’era Benitez, grazie all’1 a 3 rifilato al Sunderland. I Blues dimostrano già dai primi minuti di voler cancellare il periodo negativo che stanno vivendo andando vicino al gol con Torrese e trovandolo pochi minuti dopo proprio con il Niño. La reazione del Sunderland è tutta nelle due occasioni che capitano sui piedi di Sessegnon, sulle quali si fa però trovare pronto Cech. A raddoppiare prima della fine del tempo è ancora l’ex Liverpool, che trasforma un rigore assegnato per un fallo su Ramires. Lo spagnolo sembra il maggior beneficiario della cura Benitez e a inizio ripresa mette lo zampino anche sul terzo gol, colpendo la traversa dalla quale arriva il tap-in vincente di Mata. Al 66’ il gol di Johnson sembra poter riaprire la partita ma gli sforzi finali dei Black Cats producono solo due occasioni su punizione, con Cech che mette in angolo quella di Johnson e con la traversa a fermare Gardner. Chelsea che ritrova il sorriso in vista del Mondiale per Club della prossima settimana, mentre per il Sunderland si complica la lotta per non retrocedere.

LOTTA AL QUARTO POSTO – Tre punti all’ultimo respiro per l’Everton che batte il Tottenham grazie a due gol allo scadere e torna alla vittoria dopo tre pareggi consecutivi. Dopo un primo tempo senza troppe emozioni a quindici dalla fine ci pensa Dempsey a sbloccare il match con un tiro deviato che beffa Howard. Quando la partita sembra ormai chiusa ecco che arriva la reazione dei Toffees che porta al gol di Pienaar al 90’ e al raddopio di Jelavic due minuti più tardi. Vittoria importantissima per l’Everton che ritrovano il quarto posto agganciando proprio gli Spurs.

Vittoria di rigore invece per l’Arsenal, che esce finalmentedal periodo nero in cui si era anche vociferato di un possibile esonero di Wenger. Contro il West BromwichiGunnerspartono alla grande imponendo il proprio gioco e sfiorando il gol conGervinho e Cazorla. La rete però arriva grazie ad un calcio di rigore molto dubbio assegnato per un lieve tocco di Reid su Cazorla. Sul dischetto Arteta non sbaglia. L’inerzia del match non cambia e l’Arsenal continua ad attaccare andando vicino al raddoppio con Wilshere, Gervinho e Chamberlain ma il gol su azione non arriva. Ci vuole allora un altro rigore per permettere ad Arteta di segnare la sua doppietta e di chiudere la gara.

GRUPPONE A CACCIA D’EUROPA – A rincorrere le posizioni importanti in chiave Europa troviamo un grappolo di cinque squadre racchiuse in appena due punti.Gruppo nel quale s’inserisce a pieno merito ilNorwich, che continua a vivere un periodo fantastico legittimato dal bel successo sullo Swansea. Nel primo tempo il grande dominio dei Canaries produce i gol di Whittaker, Bassong e Holt che sembrano chiudere la partita con 45 minuti di anticipo. Nella ripresa, dopo la traversa di Johnson, i gallesi prendono in mano le redini della gara riaprendola grazie a Michu e De Guzman. Ma nel miglior momento dello Swnaseaecco che arriva il gol di Snodgrassa chiudere il match. Nel finale ilsecondo gol di Michu, per il 3 a 4 definitivo, serve solo a incrementare il bottino dell’attaccante spagnolo nella classifica marcatori.

Continua la lenta risalita del Liverpool che batte il West Ham e lo aggancia in classifica. In una partita dalle mille emozioni sono proprio i Reds a portarsi in vantaggio grazie al gran destro da fuori di Johnson. Gli Hammers riescono però a ribaltare il risultato prima dell’intervallo grazie al rigore di Noble e allo sfortunato autogol di Gerrard. Nella ripresa il bel diagonale di Joe Cole riporta il punteggio in parità e l’autorete Collins, a dieci dal termine, gira nuovamente il match in favore del Liverpool.

Il pareggio senza reti tra Aston Villa e Stoke City serve ai secondi per rimanere nel gruppone che insegue posti europei. Dall’altro lato i Villansnon riescono ancora a tirarsi fuori dalla lotta per non retrocedere.

VITTORIA SAINTS, QPR ANCORA UN PARI – Vittoria importante per il Southampton contro il Reading, diretta pretendente alla salvezza. Dopo il palo preso nel primo tempo dai Royals ecco che al 60’ arriva il gol di Puncheon che regala i tre punti ai Saints.

Ancora un pari per il QPR che non riesce a trovare la prima vittoria stagionale. Contro ilWigan finisce 2 a 2, in una partita aperta dal gol di McCarthy che porta in vantaggio i Latics. Le reti di Nelsen e Cissé ribaltano il risultatoma ancora McCarthy riporta in parità la gara.

Potrebbe interessarti