Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf

Pedrosa domina Aragon, Dovizioso sul podio

di Morena IAPAOLO

Daniel Pedrosa vola via al sesto giro tirandosi dietro Lorenzo e guadagna il primo posto , Dovizioso strappa un terzo posto importante, brutta giornata per la Ducati : Rossi 8°, Hayden out.

Dani Pedrosa

Una giornata da re quella dello spagnolo Dani Pedrosa ad Aragon che non perdona nessun errore o distrazione da parte dei compagni. Dopo una partenza a bomba di Jorge Lorenzo partito in pole in sella alla sua Yamaha , Dani mette i denti dietro Por Fuera e non molla la presa almeno fino al sesto giro. Ed è proprio al sesto che lo spagnolo opera un super sorpasso ai danni del primo del campionato e si mette in riga per svignarsela una volta per tutte.
Lorenzo dopo l’ottima partenza e dopo sei giri al comando abbandona la folle idea di infilare un’altra vittoria e arriva secondo (+6.472) .Pedrosa è in uno stato di grazia e non ce n’è per nessuno; Jorge porta a casa però un secondo posto utilissimo al campionato e soprattutto al punteggio da primato ( + 33 punti da Daniel).

DOVI TERZO, AI DANNI DEL COMPAGNO CRUTCHLOW – La bandiera italiana ad Argon la porta senza dubbio Andrea Dovizioso che dopo due quarti posti , rifila una terza posizione proprio al suo compagno di squadra Crutchlow . Dopo una bella lotta con l’americano e con Spies , il forlivese stacca tutti e due aggiustando gli attacchi da una parte e sfruttando la debolezza di gomme degli altri due: arriva in podio giusto sulla bandiera a scacchi . Sesto podio per l’italiano in questa stagione , dove mancava da Indianapolis.

SUPER RIMONTA DEL DOTTORE: DA 21° AD 8° MA NON BASTA. PAURA PER HAYDEN – Brutta battuta d’arresto, almeno dopo il secondo posto di Misano, per Valentino Rossi che dopo una buona partenza lancia la sua Ducati in una bagarre con Rea e nelle foga di staccare gli avversari sul circuito , va dritto per evitare il contatto quasi al termine del primo giro. Questo gli costa una ripartenza dal fondo ( 21a posizione) e una rimonta , una delle sue che però purtoppo brucia una gara importante e la possibilità di guadagnare punti e credibilità.  Brutti momenti anche per l’altra Ducati di Hayden che dopo una variante, incontra le barriere di protezione ai lati della pista, per fortuna senza riportare nessun danno .

Se si potesse tornare a qualche circuito fa ed evitare il tamponamento di Barbera e il successivo conseguente ritiro per Dani Pedrosa a Misano , lo spagnolo ringrazierebbe e soprattutto potrebbe giocarsi il titolo mondiale con Jorge . Ad oggi un Lorenzo così in forma che quando va male guadagna comunque il podio, è difficile da battere ; ma mai dire mai specialmente in questa stagione della Moto Gp.

Potrebbe interessarti