Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf
Serie A

Serie A: La Juve si ferma ancora, Napoli e Lazio ci credono

di Marco MARTELLONI

A Parma si ferma ancora la squadra di Conte, che ora vede avvicinarsi perisolosamente Lazio e Napoli. Nelle altre gare una Roma sprecona viene battuta a Catania, a Udine invece cade la Fiorentina tra le proteste dei dirigenti viola contro l’arbitraggio.

Parma-Juventus-1-1

CAMPIONATO APERTO – Il secondo stop nel giro di sette giorni costa caro alla Juventus, che vede correre alle sue spalle Lazio e Napoli. L’1-1 del Tardini, reti di Pirlo e Sansone, fa sorridere le due antagoniste che tra le mura amiche battono Atalanta e Palermo. All’Olimpico una Lazio sorniona regola 2-0 i bergamaschi che recriminano per il vantaggio biancoceleste viziato da un fallo di mano di Floccari. La partita la chiude Brivio con un autogoal che fa volare i romani a meno tre dalla Juventus, lanciando l’undici di Petkovic verso la corsa tricolore. Il Napoli, terzo in classifica, si sbarazza facilmente del Palermo 3-0 tornando in corsa per la vittoria finale. Maggio, Inler e Insigne abbattono i rosanero che rimangono pericolosamente inchiodati in penultima posizione.

FIORENTINA E ROMA KO – Allo stadio Friuli di Udine seconda sconfitta consecutiva per la Fiorentina, che nonostante il vantaggio, viene rimontata da una doppietta di Di Natale e dal sigillo di Muriel. Grandi proteste viola per un rigore dubbio e per una rete viziata da un fuorigioco. Stesso copione a Catania, dove la Roma spreca l’impossibile e viene punita nella ripresa dal Papu Gomez, che allontana i giallorossi dal treno Champions. Pari a reti bianche per il Milan sul campo della Sampdoria, per un punto che a poco serve ai fini della classifica.

VITTORIE SALVEZZA PER TORO E CAGLIARI – Un Torino largamente rimaneggiato batte 3-2 un Siena ormai disperato e porta a sei le lunghezze dalla zona critica. All’Olimipco di Torino vanno a segno Brighi, Bianchi e Cerci per i padroni di casa mentre ai toscani non sono bastate le marcature di Reginaldo e Paolucci anche per un rigore sbagliato da Rosina al minuto 89. Dopo sei stop consecutivi torna a sorridere il Cagliari che fa suo il delicato match salvezza con il Genoa. Al vantaggio ligure di Pisano, rispondono per i sardi Sau e Conti.

Potrebbe interessarti