Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf
Serie A

Zeman al capolinea. Sabatini:”Possibile un cambio in panchina”

Dopo essere ritornato come un “eroe”, dopo appena sei mesi l’avventura di Zeman con la Roma sembra essere arrivata al capolinea. Sabatini:”Possibile un cambio in panchina.

Zeman in bilico dopo il pareggio di Bologna

L’ennesima opaca prova dei giallorossi contro il Bologna per 3-3 sembra essere stata accolta con molta preoccupazione e incertezza dalla società capitolina. Nella conferenza stampa di presentazione di oggi, del nuovo acquisto Torosidi, il DS Sabatini ha parlato del futuro dell’allenatore, e dalle sue parole sembra essere arrivata al capolinea l’avventura di Zeman con la Roma.

AVVENTURA FINITA – “Il lavoro di Zeman è soddisfacente per alcuni aspetti, ma è chiaro che ci sono cose meno positive. E’ venuto il momento di interrogarci, e tra le valutazioni che stiamo facendo c’è anche un cambio della guida tecnica, benché marginalmente”.

LA SCELTA – “Zeman è l’allenatore che ha scelto la Roma in maniera quasi euforica, lo abbiamo scelto pensando che avrebbe fatto prevalere la voglia di fare il calcio nella testa dei ragazzi, un calcio non garibaldino ma arrogante, prepotente che volesse schiacciare l’avversazio con azione dinamica rivolta prevalentemente alla parte offensiva. Zeman lo abbiamo lasciato lavorare – ha puntualizzato il ds – e lui con molto coraggio ha capito le potenzialità di tanti calciatori, penso a Lamela ma non solo a lui, o scoperti e lanciati quindi un bel tratto del suo lavoro è stato apprezzato dalla società dagli sportivi e da tutti noi. Credo anche dai calciatori”.

L’INCERTEZZA – “Si arriva però ad una situazione, quella odierna, di poca soddisfazione rispetto a quello che la squadra riesce a produrre. Adesso ci fermeremo un po’ interrogandoci sui motivi che non ci hanno portato a fare cose congrue alle richieste, parlo di lavoro, di proposte, oppure vedere se abbiamo sbagliato qualcosina nel comporre l’organico. Siamo in una fase di studio che contempla anche l’idea di potere cambiare l’allenatore, molto marginalmente perché l’allenatore ha fatto bene con noi nonostante tutto e di cui siamo contenti”.

IL POSSIBILE SOSTITUTO – “La Roma ha bisogno di un allenatore normale ma che abbia carisma e la capacità di convincere tutti quelli che lavorano con lui per costruire qualcosa di grande. Questa è una cosa che se la valuteremo, la valuteremo più avanti”

Potrebbe interessarti