Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf

Atalanta-Lazio, che inizi lo spettacolo! Diretta ore 21:45

Atalanta e Lazio sono pronte a darsi battaglia.

Atalanta-Lazio, che inizi lo spettacolo

In un contesto totalmente diverso, quello che mi avrebbe previsto una pandemia capace di stravolgere le nostre vite, oggi al Gewiss Stadium ci sarebbe stato il tutto esaurito. L’occasione infatti sarebbe stata delle migliori, una di quelle serate da richiedere lo smoking. Atalanta e Lazio, Gasperini e Simone Inzaghi. Due allenatori completamente diversi, eppure così simili nel risultato: segnare e far divertire i tifosi. Questa sera sono pronte a mettere in discussione il proprio futuro; non tanto per quanto riguarda la classifica (anche se per la Lazio un -4 potrebbe complicare di molto le cose), ma per le ideologie dei due allenatori. Per Gian Piero Gasperini battere la Lazio – anche se ufficialmente siederà in tribuna per via della squalifica – significherebbe vendicare la giornata di quel famoso 15 maggio 2019, quando tra le mille polemiche, la Lazio negò all’Atalanta il primo trofeo della sua storia. È proprio da lì che nasce questo estenuante conflitto tra le due squadre. Ma tra le motivazioni che il “Gasp” trasmetterà ai suoi prima di questa sera, non c’è solo il rancore di un trofeo che lo avrebbe fatto passare alla storia (altrettanta gloria è poi arrivata grazie alla Champions League); battere la Lazio, ovvero la squadra più in forma del campionato (nel periodo precedente all’epidemia) autorizzerebbe i bergamaschi a puntare il dito verso il terzo posto, che attualmente dista sei punti. Dall’altra parte invece, per Simone Inzaghi quella di Bergamo si potrebbe definire la “nottata della stagione”. In primis perché ci dirà come la sua squadra, che prima dello stop forzato aveva meravigliato e stupito mezza Europa, risponderà ai novanta giorni senza calcio giocato; sarà una Lazio sulle gambe o Correa, Immobile, Luis Alberto e Milinkovic-Savic sono già in splendida forma? E poi perché battere una macchina da goal come l’Atalanta, con Lucas Leiva, Marusic, Luiz Felipe e Lulic indisponibili, lancerebbe l’entusiasmo dei biancocelesti e la consapevolezza di potercela fare davvero oltre ogni consapevolezza.

La chiave tattica

Moduli diversi, quelli che Gasperini e Simone Inzaghi metteranno in campo, eppure mai cosi nell’ideologia finale, che è quella di segnare (e tanto). Una pedina tattica molto importante a cui entrambi avranno rivolto più di qualche attenzione è quella rappresentata da Josip Ilicic. Lo sloveno è in dubbio per una maglia da titolare, ma entrambi gli allenatori sanno che Ilicic è uno che fa la differenza, che “smuove gli equilibri”. Senza di lui infatti, in campo scenderà un’altra Atalanta. Non è quindi da escludere (soprattutto per Simone Inzaghi) l’effetto sorpresa, con Gasperini che in settimana ha portato gli addetti al settore verso un probabile schieramento dal primo minuto di Malinovsky, per poi preventivare un cambio d’idea all’ultimo minuto, lasciando la Lazio impreparata. Dall’altra parte invece, Simone Inzaghi dovrà fare i conti con un’assenza molto pesante, ovvero quella di Lucas Leiva. Se infatti quella di Lulic non è una notizia dell’ultim’ora, senza il mediano brasiliano la Lazio perde molta fisicità a centrocampo, fattore che i padroni di casa proveranno a sfruttare. La posta in gioco è davvero alta, e la preparazione a questa partita forse va avanti, per entrambe le compagini, da almeno due mesi. Che lo spettacolo cominci.

Potrebbe interessarti