Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf
CHAMP

Champions League: Il Milan gela lo Zenit, Ronaldo show

di Leonardo FRANCESCHINI

In un super-Mercoledì di Champions il Milan la spunta in Russia grazie ad un’autorete di Hubocan che regala il 3-2 finale ai rossoneri. Nel girone D il Real strapazza l’Ajax a domicilio ed il City con Balotelli acciuffa un immeritato pari al 90′. Cade il Psg all’Estadio do Dragao. Bene Arsenal e Malaga.

 

Il Milan gela lo Zenit

GIRONE C: MILAN, LA FORTUNA AIUTA GLI AUDACI ! IRRESISTIBILE MALAGA. La banda Allegri andava in visita al “Petrovski” di San Pietroburgo, a casa dello “zar” Spalletti, per disputare un match già da dentro o fuori. I rossoneri si sono resi protagonisti di una grande partenza che ha spiazzato gli avversari: dopo un quarto d’ora di gioco il Milan era sul 2-0 per le reti di Emanuelson ed El Shaarawy. La reazione di uno Zenit in bambola è arrivata in corrispondenza con la conclusione della prima metà di gara quando Hulk ha accorciato le distanze, al 45+2′. Il tecnico di Certaldo, nell’intervallo, avrà avuto qualcosa da ridire ai suoi che presumibilmente si saranno sorbiti una sfuriata all’italiana rigorosamente in lingua russa. Ma lo Zenit è rientrato con un diverso piglio nella ripresa rimettendosi in carreggiata al 49′ quando Shirkov ha messo a segno il momentaneo pareggio. Momentaneo perché più tardi, al 75′, un giocatore in maglia azzurra, Hubocan, ha sbagliato porta rendendosi protagonista di una sfortunata autorete. Il Milan torna dalla Russia con tre punti d’oro, adesso la classifica sorride ad Allegri&Co che salgono al secondo alle spalle del Malaga. Spalletti fallisce ancora in Europa nonostante le spese folli della proprietà dell’est europeo. L’uscita di scena è ormai ad un passo, come l’anno scorso. L’altra gara del girone C si giocava in Belgio, ad Anderlecht. A far visita ai bianco-viola il Malaga di Manuel Pellegrini, capolista del girone dopo il 3-0 rifilato allo Zenit. La squadra del sud della Spagna ha stupito anche in questa secondo uscita infilando un altro 3-0, il secondo consecutivo. Una doppietta di pregevolissima fattura dell’ex laziale Eliseu, delizioso pallonetto dal vertice destro dell’area e botta al volo sotto al sette da fuori, più un trasformazione dagli undici metri di Joaquin sono serviti a legittimare il primo posto del Malaga. I bianco-celesti raggiungono quota sei in classifica e mantengono la vetta. L’Anderlecht rimane terzo con un punto.

Il vantaggio del real Madrid con Benzema

GRUPPO D: IL DORTMUND DOMINA MA BALOTELLI SALVA I CITIZENS. RONALDOX3 + BENZEMA: POKER ALL’AJAX. Nel “girone della morte” di questa edizione della Champions il Real stende per 4-1 l’Ajax all’Amsterdam Arena dove Ronaldo mette in piedi il solito show segnando una tripletta. Al resto ci pensa Karim Benzema che non è da meno vista la straordinaria rovesciata con cui sigla il goal del momentaneo 2-0. Per i campioni d’Olanda va a segno il difensore centrale Moisander, al 56′. Nel big-match della serata del “City of Manchester Stadium” succede di tutto. Ad affrontarsi in campo ci sono i campioni di Germania contro quelli d’Inghilterra, la creme della creme del calcio internazionale. Nel corso dei 90′ succede di tutto, soprattutto nell’area del City dove Hart diventa l’eroe di giornata, sicuramente il migliore in campo dei suoi. Il Dortmund ci prova a più riprese colpendo legni e trovando puntualmente sulla strada del goal un Hart in serata che respinge ogni tentativo al mittente tranne nell’occasione della rete di Reus, al 62′, quando in realtà il portierone inglese non si rivela perfetto come in altre circostanze. Il City non reagisce come avrebbe potuto e dovuto dopo lo svantaggio ma al 90′, quando sul milionario club guidato dal Mancini iniziava ad aleggiare lo spettro di una prematura uscita dall’Europa che conta, Kravolec, l’arbitro del match, ha pensato bene di concedere un’inesistente penalty ai padroni di casa per un tocco di mano platealmente involontario perché troppo ravvicinato. Balotelli, entrato all’80’, si incarica della battuta e se c’è un qualità che appartiene all’attaccante azzurro è quella di essere freddo: palla da una parte, portiere dall’altra. La classifica adesso vede il Real Madrid in testa con 6 punti, il Borussia secondo, a 4, il Manchester City in terza posizione con un punto e l’Ajax fermo a zero punti fanalino di coda.

GRUPPO A: JAMES CASTIGA UN PSG SPRECONE; PRIMI PUNTI PER LA DYNAMO KYEV. Un’evanescente Psg esce sconfitto dallo “Estadio do Dragao” di Porto dove James Rodriguez decide la gara segnando all’83’. I parigini di Ancelotti hanno condotto una partita troppo attendista per poter sperare di uscire indenni dal confronto contro una squadra così “europea”, con tanta esperienza internazionale quanta ne ha il Porto. I portoghesi, dopo il successo contro la corazzata dello sceicco Al-Mansur, conquistano la vetta della classifica e rimangono a punteggio pieno. Il Paris Saint Germain si fa invece raggiungere dalla Dynamo Kyev vittoriosa in casa per 2-0 contro la Dinamo Zagabria. Di Gusev e Pivaric (autorete) le marcature degli ucraini.

GRUPPO B: I GUNNERS RIMANGONO A PUNTEGGIO PIENO; LO SCHALKE SUBISCE IL PARI DEL MONTPELLIER AL 90‘. In una delle tante serate di pioggia londinesi i tifosi accorso all’Emirates Stadium (sempre esaurito) hanno almeno potuto assistere al successo per 3-1 della propria squadra contro i greci dell’Olympiacos. Gervinho, “prince Poldi” Lukas Podolski ed Aaron Ramsey hanno timbrato il cartellino per l’Arsenal, mentre Mitroglu ha messo a segno l’unico goal per i biancorossi del Pireo. Nell’altra partita del girone lo Schalke 04 paga la colpa di non aver chiuso il match quando avrebbe potuto subendo il pareggio da un Montpellier in inferiorità numerica quando il cronometro segnava il 90’. i tedeschi, in realtà, erano anche andati sotto in apertura. Infatti, al 13′, Ait-Fana aveva sorpreso Fahrmann con un chirurgico destro a giro. Esattamente tredici minuti più tardi Draxler dribblando il portiere ospite in uscita, ha messo in porta la palla dell’1-1. Nella ripresa, lo scatenato Draxler (migliore in campo) ha seminato il panico nell’area del Montpellier guadagnandosi il rigore dopo essere stato steso mentre stava concludendo a rete. Rigore ed espulsione. Huntelaar realizza: 2-1. Durante l’ultima giro di orologio Camara ha regalato al Montpellier il primo punto di questa Champions. La partita si è dunque conclusa sul 2-2.

Potrebbe interessarti