Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf
CHAMP

Il Real Madrid sfiora la remuntada, Borussia in finale dopo 16 anni

di Davide PITEO

Niente impresa per il Real Madrid, che vince per 2-0 contro il Dortmund nella semifinale di ritorno di Champions ma non riesce a ribaltare il 4-1 incassato all’andata. I tedeschi di Klopp si qualificano pertanto alla finale di Wembley, mentre Mourinho viene eliminato per la terza volta consecutiva in semifinale.

Real-Madrid-Borussia

Real-Madrid-Borussia

Per un’intera settimana a Madrid e dintorni senza dubbio la parola più citata da parte dei sostenitori del Real è stata: Remontada, che per chi non conosce lo spagnolo significa: rimonta. Infatti l’obiettivo dei Blancos di Mourinho era quello di conquistare il pass per la finale di Champions League 2012/23, e volare a Wembley  il 25 maggio, ma per far questo era necessario vincere contro il Borussia Dortmund, che dal canto suo di lasciar passare il team spagnolo non ha voluto proprio saperne. Cosi in casa Real per il secondo anno consecutivo, hanno dovuto fare i conti con la sfortuna ma soprattutto con l’amara sensazione dell’eliminazione,ma soprattutto  con la corazzata Borussia. I padroni di casa partono bene, tanto che nel primo quarto d’ora costruiscono ben tre occasioni da rete con: Higuain, Ronaldo ed il tedesco Ozil, la formazione tedesca soffre come un buon pugile deve saper fare, ma al tempo stesso non molla. Infatti non appena il Real cala il proprio ritmo, il Borussia viene fuori incastrando il team padrone di casa, nel suo gioco veloce, fisico e fatto di tanta resistenza, che si dimostrano armi ottime contro la qualità degli spagnoli, i quali chiudono il primo tempo sullo 0-0. Nella ripresa il copione non cambia, anzi il Borussia gioca con più aggressività, tanto da sfiorare il colpaccio con la traversa colpita da Lewandowski  prima, ed il gol letteralmente mangiato da Gundogan, con il portiere madrileno a terra. Quando in tanti pensano che il match possa chiudersi sul definitivo 0-0, ecco che i blancos oltre che alla qualità mettono in campo anche  il cuore, ed i risultati arrivano nel giro di pochi minuti, infatti all’83’ il neo entrato Kaka serve Ozil il quale a sua volta mette al centro per Benzema che fissa il momentaneo 1-0. La rete di vantaggio scuote il Real ed il popolo del  Santiago,  che comincia a crede nella remontada, tanto che il Borussia torna nuovamente a vestire i panni del pugile, incassando la furia madrilena, che conduce Ramos a 7’ dal termine alla rete del 2-0. La formazione tedesca soffre ed i blancos con tutto il popolo madrileno cercano la rete del 3-0, che possa aprire i cancelli dello stadio di Wembley, ma al triplice fischio, la finale ed il viaggio in Inghilterra, restano solo un miraggio. Dunque se la remontada spagnola è stata compiuta solo per metà, senza dubbio l’opera del Borussia è stata completa e totale, dimostrando che costruire un progetto spesso porta risultati importanti, infatti il team tedesco per ben due anni di fila, ha vinto il titolo e Coppa di Germania, ed il raggiungimento della finale di Champions League, rappresenta  la classifica ciliegina sulla torta.  Cosi dopo 16 anni di attesa la tifoseria del Borussia può tornare a respirare l’aria delle grandi occasioni,e magari prendersi una bella rivincita sui cugini del Bayern (vincitori del titolo tedesco) nel caso dovessero raggiungere dal canto loro la finale di  Wembley, essendo già a metà strada visto il largo 4-0 inferto al Barcellona nel match di andata. Discorso diverso per il Real, dove è chiaro che il tempo di Mourinho è ormai finito,  fondamentale sarà un cambio non solo in panchina ma anche nel roster, per evitare di assaporare nuovamente l’amaro gusto che porta con se la delusione della eliminazione.

REAL MADRID-BORUSSIA DORTMUND 2-0

Real Madrid (4-2-3-1): Diego Lopez 7; Essien 6.5, Varane 6, Sergio Ramos 7, Coentrao 6 (12′ st Kakà 6.5); Modric 6, Xabi Alonso 5.5 (21′ st Khedira 6); Di Maria 5.5, Ozil 6.5, Cristiano Ronaldo 6; Higuain 5 (12′ st Benzema 7).
In panchina: Casillas, Pepe, Albiol, Morata.
All. Mourinho.

Borussia Dortmund (4-2-3-1) Weidenfeller 7; Piszczek 7.5, Subotic 6.5, Hummels 7, Schmelzer 6.5; Bender 6.5, Gundogan 6.5; Blaszczykowski 6.5 (45′ st Santana sv), Gotze sv (16′ Grosskreutz 6), Reus 7; Lewandowski 6.5 (41′ st Kehl sv).
In panchina: Langerak, Leitner, Sahin, Schieber.
All. Klopp.

Arbitro: Howard Webb (Ing) 7
Reti: 37′ st Benzema, 43′ st Ramos.
Ammoniti: Coentrao, Gundogan, Higuain, Bender, Ramos, Khedira, Weidenfeller.
Recupero 2′ pt; 5′ st

Potrebbe interessarti