Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf
Serie A

Speciale TIM CUP: Derby della Capitale, Roma vs Lazio

Aurelio Andreazzoli
Aurelio Andreazzoli

ANDREAZZOLI:”VINCERE PER LA STORIA” – “Domani è una partita da tutto o niente. C’è in palio un trofeo molto importante e la possibilità di entrare in Europa, è un doppio traguardo. Voglio vincere ma non mi sento schiavo del risultato: la sconfitta non sarebbe un fallimento”. Così il tecnico della Roma Andreazzoli alla vigilia della finale di Coppa Italia contro la Lazio. “Posso passare alla storia di questa società, essere quello che ha vinto la decima coppa. Ci tengo moltissimo”. Andreazzoli vuole scrivere una pagina importante nella storia della Roma: in caso di successo nella finale di Coppa Italia contro la Lazio, la squadra giallorossa centrerebbe infatti la decima coccarda tricolore guadagnandosi anche l’accesso all’Europa League del prossimo anno. “Mi sento fortunato a partecipare in prima persona a un evento di tale importanza, me lo voglio godere – ha proseguito il tecnico – Non voglio pensare agli eventuali aspetti negativi, voglio concentrarmi solo su quelli positivi a prescindere dal risultato. E’ chiaro che il risultato sarà importantissimo ma non credo possa penalizzare in qualsiasi maniera la nostra vita. Le aspettative di tutto l’ambiente erano di un certo tipo all’inizio dell’anno, poi la situazione si è un po’ complicata. Ora parliamo comunque di una competizione che ha risonanza a livello mondiale e noi siamo protagonisti. La gara di domani può trasformare questa annata in una stagione esaltante”.

Vladimir Petkovic
Vladimir Petkovic

PETKOVIC:”SE PERDIAMO STAGIONE DELUDENTE” – Vladimir Petkovic vuole la Coppa Italia per dare un senso alla stagione della Lazio: “Questa vittoria vale tanto, se perdiamo il giudizio sull’annata sarebbe deludente”. L’allenatore dei biancocelesti dice ancora: “La Roma non la temo. Se giochiamo da squadra sono sicuro che vinceremo la partita e raggiungeremo tre obiettivi: conquistare la Coppa, vincere un derby e qualificarci in Europa”. I giocatori, intanto, minacciati per perdere. L’allenatore serbo comunque non lega la vittoria in Coppa Italia al suo futuro alla Lazio: “Le valutazioni si fanno sempre alla fine, di sicuro un trofeo aiuterebbe a concludere la stagione nel migliore dei modi”. Tornando alla partita, Petkovic è contento “dell’atteggiamento che hanno tenuto i giocatori nel ritiro di Norcia: ho visto un gruppo molto compatto e concentrato per raggiungere l’obiettivo. Se giochiamo come sappiamo vinceremo e sarebbe anche il giusto premio per i giocatori, se lo meritano”.

PRECEDENTI – Prima volta nella storia della coppa Italia, competizione nata nel 1922. I precedenti in coppa Italia sono finora 17, con vantaggio giallorosso per 9 vittorie a 5 e 3 pareggi a completare il bilancio. Il più curioso resta quello del 7 settembre 1969, quando la Roma ebbe partita vinta 2-0 a tavolino per un black-out all’Olimpico, con squadra ospitante ritenuta responsabile dell’accaduto, la Lazio.

De Rossi
De Rossi

DE ROSSI.”DERBY SARA’ FESTA E COLTELLI A CASA” –  ”Sappiamo che la tensione e’ alta, noi sul campo dobbiamo essere i primi a non esagerare perche’ potrebbe innescare qualcosa di spiacevole e non deve essere assolutamente cosi’. Per tutti ma soprattutto per me che sono romano, vorrei che la mia citta’ desse sempre una grande prova di maturita”’. Lo ha detto Daniele De Rossi a margine dell’incontro avvenuto stamane al Quirinale con il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. ”Da romano non sono preoccupato – ha aggiunto il centrocampista giallorosso e della Nazionale Italiana – e’ successo qualche volta qualcosa di spiacevole nei derby ma anche in altre partite e non solo qui a Roma. La preoccupazione c’e’ sempre quando una partita importante viene giocata. Per domenica sera sono fiducioso, c’e’ tanta gente che vuole venire, sperare di vincere e festeggiare, che lascera’ tutte le armi e i coltelli a casa. Non c’e’ bisogno di ricordare sempre cosa e’ successo in passato, sono sicuro che sara’ una grande festa, piu’ grande per chi vincera’ ma sono sicuro che ci sara’ grande maturita”’.

SAHA:”SIA FESTA GRANDE” – ‘Spero sia una grande festa per le squadre e per la gente sugli spalti. E’ un grande momento per la citta’ e per il calcio. Una grande prova per tutti”. E’ l’auspicio del calciatore della Lazio, Louis Saha, rivolto al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, durante l’incontro al Quirinale tra le delegazioni di Roma e Lazio in vista della finale di Coppa Italia di domenica. Al momento del suo intervento, l’attaccante francese si e’ scusato per il suo italiano non perfetto.

Daniele Orsato
Daniele Orsato

ARBITRA ORSATO – Sarà Daniele Orsato di Schio l’arbitro della finale di Coppa Italia tra Roma e Lazio, in programma domenica all’Olimpico di Roma, con inizio alle 18. Gli assistenti di linea saranno Di Liberatore e Tonolini, il quarto uomo Mazzoleni. Arbitri di porta Damato e Banti.

 

 

 

 

CAPELLO:”A LIVELLO MENTALE LA ROMA E’ AVANTI” – “Sensazioni sul derby? La Roma forse ci arriva meglio a livello mentale, la vittoria con il Napoli puo’ averle dato una spinta positiva”. Il ct della Russia, ed ex tecnico giallorosso, Fabio Capello, non si sbilancia sul risultato della finale di Coppa Italia che si disputera’ domenica all’Olimpico, ma vede la squadra guidata da Aurelio Andreazzoli psicologicamente piu’ carica rispetto agli avversari. “Da osservatore -prosegue Capello in una intervista rilasciata al sito della societa’ giallorossa-, noto un problema di freschezza atletica per la Lazio. Ma la stracittadina e’ un appuntamento che esula da tutto il resto, che ti fa trovare energie e forze che nemmeno tu immagineresti. Sara’ un bel match”. Di derby della Capitale l’attuale ct della Russia ne ha vissuti diversi: 12 di cui 7 vinti, 4 pareggiati e uno perso. “Bisogna stemperare l’atmosfera nella settimana che ti porta all’evento -aggiunge Capello spiegando qual e’ il segreto per non sbagliare l’approccio alla gara-, la squadra non deve percepire che si tratta di un derby altrimenti e’ finita e si rischia di perdere. E’ una partita speciale, per la quale non serve dare motivazioni. Figuriamoci quante ne puo’ dare uno in finale di Coppa Italia”.

QUI ROMA – In una Trigoria blindata (vietate le visite di ospiti di qualsiasi genere) la Roma preparerà il derby di domenica con la rosa al completo. Escluso Stekelenburg, che ormai tre settimane fa ha chiuso l’avventura in giallorosso, Andreazzoli per la partita con la Lazio avrà tutti a disposizione. Rientreranno Totti, Marquinhos, che ieri ha visto i primi 15’ della partita in Curva Sud, Balzaretti e De Rossi.

QUI LAZIO – Prosegue il ritiro della Lazio sotto la pioggia di Norcia. I biancocelesti hanno iniziato con esercizi di riscaldamento, dopodiché Petkovic ha suddiviso il gruppo in due squadre per una partitella in famiglia, a campo ridotto. Gonzalez ha svolto il riscaldamento e il lavoro atletico assieme alla squadra, per poi recarsi in palestra rinunciando alla partitella, per motivi precauzionali. Hernanes è tornato già da ieri ad allenarsi assieme al resto dei compagni e, anche se non ancora al top, ci sarà in finale, come anche Pereirinha, Konko e Biava.

Roma-e-Lazio-da-Papa-Francesco
Roma-e-Lazio-da-Papa-Francesco

ROMA E LAZIO DA PAPA FRANCESCO – Le delegazioni di Roma e Lazio, che sabato disputeranno la finale di Coppa Italia, sono state in Vaticano per partecipare all’udienza di Papa Francesco. Per la squadra giallorossa sono presenti il capitano, Francesco Totti, e l’allenatore Aurelio Andreazzoli. Per la Lazio l’attaccante Luis Saha. Presenti i presidenti delle due società, James Pallotta e Claudio Lotito oltre al presidente della Lega di Serie A, Maurizio Beretta. Una maglia biancoceleste ed una giallorossa con il nome Papa Francesco sovrastante il numero 1 sulla schiena sono state donate al Pontefice. Il presidente James Pallotta ha anche consegnato al Papa una casacca da gioco dei Boston Celtics con il numero 1 e la scritta ‘The Pope’. A porgere materialmente le maglie al Santo Padre sono stati i giocatori, Totti e Saha.

MILLE UOMINI IN CAMPO PER LA SICUREZZA – Saranno oltre mille gli uomini impiegati domenica a Roma per il derby di Coppa Italia. Altri 500 saranno in campo per garantire il regolare svolgimento delle elezioni amministrative. L’alto numero di forze dell’ordine impiegato renderà necessario l’arrivo di rinforzi. Il numero di agenti che sarà impiegato domenica è superiore a quello messo in campo in passato per questo è stato necessario chiedere rinforzi. Le forze dell’ordine si concentreranno soprattutto sul pre e post partita nella zona dello Stadio Olimpico e nelle piazze dove potrebbero tenersi i festeggiamenti dei tifosi di Roma o Lazio, da piazza Venezia a piazza della Libertà. L’obiettivo è scongiurare tensioni o contatti tra le tifoserie e garantire lo svolgimento regolare delle votazioni ai seggi.

APPELLO DEL DIRETTORE DI FM ALLE TIFOSERIE DI ROMA E LAZIO – “Cari tifosi domenica 26 Maggio allo stadio Olimpico di Roma alle ore 18,00 scenderanno in campo Roma e Lazio per una storica finale di Coppa Italia. Sarà una partita unica nel suo genere, indimenticabile per ogni tifoso giallorosso e biancoceleste, che offrirà al pubblico un grande spettacolo con l’agonismo, la correttezza e il rispetto reciproco che costituiscono i valori fondamentali dello sport. Per una volta le due tifoserie potranno contribuire alla festa in un clima di grande serenità, animate da quella sana passione per la propria squadra che nessun risultato può scalfire. Che sia un Derby leale, in campo e fuori, che vinca la lealtà, che vinca il migliore, e dimostriamo una volta per tutte al mondo intero, che il Derby della Capitale è lo Spettacolo più bello del mondo!”.

Potrebbe interessarti