Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf

La Lazio rialza la testa, il Palermo sprofonda

Il posticipo domenicale della 32^giornata di Serie A regala a Simone Inzaghi un esordio col botto sulla panchina della Lazio: i biancocelesti dominano al “Barbera” contro il Palermo e portano a casa i tre punti con un rotondo 0-3; decidono la doppietta di Klose e la rete di Felipe Anderson.

Il penultimo match in programma della 32^ giornata sorride alla Lazio e a Simone Inzaghi, che festeggia come meglio non avrebbe potuto la sua prima panchina bianco-celeste, nonché la prima nel calcio professionistico; al “Renzo Barbera” di Palermo i capitolini dominano in lungo e in largo, conquistando i tre punti grazie a una prova, finalmente, convincente e al conseguente 0-3 firmato Klose e Felipe Anderson; la prima Lazio targata Inzaghi si presenta in campo con un inedito, quanto propositivo 4-3-3: in avanti Klose punta centrale supportato da Candreva e Keita, a centrocampo Biglia in cabina di regia, al suo fianco da una parte Parolo, dall’altra Onazi; per Novellino, invece, 4-4-1-1 con Gilardino unica punta e Quaison chiamato ad agire alle sue spalle.

Come dicevamo poc’anzi ospiti padroni del campo dal primo all’ultimo minuto e già in vantaggio al 10’, quando sugli sviluppi di un tiro dalla bandierina, Miro Klose, dimenticato inspiegabilmente dalla difesa siciliana, insacca alle spalle di Sorrentino con un perfetto esterno destro di prima intenzione; cinque minuti più tardi, quando il cronometro segna appena il 15’ minuto, i bianco-celesti trovano anche la via del raddoppio: Keita spadroneggia sulla destra, Sorrentino si oppone al suo velenoso diagonale, ma nulla può sul successivo tap-in ancora una volta di Klose, perfetto a farsi trovare al posto giusto al momento giusto. Prima dell’intervallo Lazio più volte vicina alla terza rete, in particolare con Keita, a cui, al 43’, Pezzella nega la gioia del gol con un clamoroso salvataggio sulla linea di porta; nella prima frazione da segnalare anche una rete annullata ai rosanero, a Gilardino, pescato dal segnalinee in posizione di offside al momento della battuta.

Nella ripresa il copione della sfida non cambia di molto, con gli ospiti vicini al tris in un paio di occasioni, entrambe sugli sviluppi di calci da fermo: al 54’ Candreva sfiora il palo con una gran sventola da posizione defilata, al 58’ su un cross al bacio di Biglia, zuccata di Klose neutralizzata con efficacia da Sorrentino; dopo la seconda interruzione causata da lancio di petardi in campo (la prima aveva interrotto la partita tra il 24’ e il 27’ del primo tempo), gli aquilotti chiudono definitivamente la pratica al 72’: Marchetti rilancia profondo, Klose spizza per Felipe Anderson, che dopo una solitaria fuga in campo aperto si presenta davanti a Sorrentino, infilandolo per la terza volta. Nel finale i siciliani provano quantomeno a rendere meno pesante il passivo, ma il punteggio non cambia più; per Inzaghi, dunque, il migliore dei debutti: con questi tre punti la sua Lazio si porta a quota 45 in classifica a -4 dal Milan sesto; per il Palermo, invece, il momento nero continua: i rosanero restano a 28 punti, a parimerito con il Carpi.

Pierluigi de Ascentiis

Potrebbe interessarti