Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf
Serie B

L’Empoli ferma il Sassuolo. Livorno a -1

di Marco SIMONELLI

Il Sassuolo incappa nel secondo stop consecutivo e si fa avvicinare in classifica dal Livorno che esce vittorioso dalla sfida con la Pro Vercelli. Si riapre l’emozionante corsa ai play-off, grazie al pari del Verona e alle vittorie di Varese e Juve Stabia. Brescia e Padova perdono una buona occasione per guadagnare punti importanti per rimanere nelle zone alte di classifica.

Sassuolo frena contro l’Empoli

IL SASSUOLO NON VINCE PIU’, SI AVVICINA IL LIVORNO – L’aggancio in vetta non è avvenuto ma il Livorno si porta ad un solo punto dalla capolista Sassuolo, complice il pareggio dei neroverdi contro l’Empoli e la vittoria dei toscani contro la Pro Vercelli. Tra le due squadre va in scena un emozionante botta e risposta a distanza. Al Braglia di Modena il Sassuolo andava incontro all’ennesima partita, dopo quella della scorsa settimana a Crotone, da giocare in un campo impraticabile a causa del forte acquazzone abbattutosi sulla città. Le condizioni del campo limitano certamente le due squadre, che fanno del fraseggio e della velocità palla a terra il loro credo. L’Empoli tra le due sembra quella che ne risente di meno, trovando un gol annullato per fuorigioco inesistente con Tavano e sfiorando il vantaggio con Maccarone. Gli uomini di Di Francesco riescono a reagire solo su calcio piazzato ma la girata di Masucci sfiora la traversa. Intanto all’Armando Picchi di Livorno la squadra di casa faceva la partita, andando vicino al gol con Dionisi ma rischiando molto in contropiede con le occasioni di Grossi ed Eusepi. A inizio ripresa il copione dei due match rimane lo stesso, con le due squadre in vetta alla classifica che cercano il vantaggio ma rischiando molto sulle ripartenze degli avversarsi. Le gare cambiano però intorno al 20’ quando il Sassuolo passa grazie ad un rigore generoso trasformato da Terranova e il Livorno risponde con il colpo di testa di Paulinho. Passano dieci minuti e cambiano di nuovo i risultati. A Modena arriva il pareggio dell’Empoli con Regini, mentre a Livorno Siligardi raddoppia. È il minuto che cambia le partite e che permette al Livorno di avvicinare in vetta il Sassuolo.

PARI VERONA, RIAPERTI I GIOCHI PER I PLAY-OFF – Non approfitta del passo falso del Sassuolo il Verona che nell’anticipo del venerdì pareggia in casa della Regina. Cacia dimostra ancora una volta di essere pronto per il ritorno in serie A, sfoderando l’ennesima buona prova condita con il solito gol di testa. È il 25’ quando Agostini pennella il cross che il bomber calabrese è bravo a mettere alle spalle di Baiocco. La Regina, fino ad ora troppo timorosa, cresce piano piano trascinata dal neo acquisto Di Michele, ma prima un super Rafael e poi la traversa gli negano la gioia del gol. Rete che arriva a venti minuti dalla fine con Comi, lesto a scavalcare di testa il portiere scaligero. Finisce dunque con un pareggio che serve poco a entrambe e che permette al gruppo delle inseguitrici di avvicinare l’Hellas.

Gruppo delle inseguitrici guidato dal Varese che riapre il discorso play-off grazie alla vittoria sul Modena. Dopo un primo tempo tutto di marca varesina è nella ripresa che Franco e Filipe fissano il risultato sul 2 a 0 finale. Il primo è bravo a risolvere una mischia in area, mentre il secondo trafigge Colombi con un gran tiro a giro dalla distanza. Subito dietro rientra in corsa la Juve Stabia che batte a domicilio un Vicenza sempre più in difficoltà. L’affiatamento delle vespe ha avuto la meglio su di una squadra con molti innesti eccellenti che però deve ancora imparare a conoscersi. Il gol di Cellini viene pareggiato dal rigore di Bojinov ma l’espulsione di Brighenti mina le speranze di vittoria dei biancorossi. È infatti ancora la Juve Stabia a passare grazie al gol di Improta che chiude la gara.

LE TANTE X NON SMUOVONO LA CLASSIFICA – Brescia, Padova e Cittadella non vanno oltre il pareggio e perdono una buona occasione per rimanere nei piani alti della classifica. Al Rigamonti contro lo Spezia le rondinelle non riescono ad andare oltre uno scialbo 0 a 0, con le incredibili occasioni sprecate da Corvia e da Bouy, che a porta spalancata calcia sulla traversa. Per il Padova invece il punto è d’oro per come si era messa la partita contro il Grosseto. I grifoni si portano in vantaggio con l’autorete di Piccinni e mantengono il risultato fino al 90’ grazie alle strepitose parate di Lanni che ingaggia la sua personale sfida con Cutolo. Ma nel quarto e ultimo minuto di recupero arriva il rigore del trequartista napoletano che permette al Padova di agguantare un pareggio ormai insperato. Pareggio in rimonta e all’ultimo respiro anche per il Cittadella che contro il Crotone recupera una situazione di doppio svantaggio. Sono infatti i gol di Eramo, per gentile concessione della difesa granata, e Crisetig a portare in vantaggio gli ospiti che si fanno però rimontare nella ripresa. Prima la punizione di Schiavon riapre la partita, poi l’assedio veneto produce le occasioni di Vitofrancesco e Sosa sulle quali si supera Caglioni. Al 96’ arriva però il gol di Coly a far esplodere il Tombolato per il meritato pareggio del Cittadella.

Ternana e Bari non si fanno male e si spartiscono la posta in palio guadagnando un punto che serve sicuramente più agli umbri. Nonostante un Bari a trazione anteriore i galletti non riescono a produrre occasione da gol ma anzi si devono affidare alle parate di Lamanna per non capitolare. Il Cesena è invece l’unica squadra di questo gruppo a vincere e a guadagnare punti pesanti per la salvezza. Nello scontro diretto contro il Novara è ancora un gol di Tonucci, deliziosa spizzata di tacco, a regalare la vittoria ai bianconeri.

Potrebbe interessarti