Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf

Ryder Cup: Day Two, Gli americani imbucano tutto

di Leonardo FRANCESCHINI

Francesco+Molinari+Ryder+Cup

Nel secondo giorno di Ryder Cup al Medinah Country la musica non cambia e gli americani continuano a macinare punti. A fine giornata il punteggio è di 10 a 6 in favore degli Usa. Oggi i singoli.

Il team a stelle e strisce vince tre match su quattro con la formula foursomes. Nel pomeriggio l’Europa riesce a pareggiare due a due negli scontri four-ball.

EUROPA IMPRECISA E SFORTUNATA SUI GREEN, L’AMERICA NON PERDONA. Nella prima parte del Sabato di Ryder prende corpo una tendenza: golfisti europei generalmente più bravi dal tee ma meno precisi e cinici nei pressi e sui green quando si decidono le gare tra professionisti. L’ormai collaudata coppia Bradley/Mickelson chiude la partita dopo soltanto tredici buche senza che Westwood e Donald oppongano una men che minima resistenza. Hanno invece vita più dura Furyk e Snedeker che però riescono a vincere il primo match in coppia della loro Ryder sconfiggendo alla 18 per 1up il temibile duo McIlroy/McDowell. Dufner e Zach Johnson portano l’America sul 9 a 4 portando a casa la partita contro l’inedita coppia spagnolo-belga Garcia/Colsaerts per 2up. L’unico acuto europeo nella mattinata lo regalano gli inglesi Rose e Poulter che hanno superato Watson e Simpson per 1up all’ultima buca.

LA FOUR-BALL POMERIDIANA CI TIENE ANCORA IN VITA. Nel pomeriggio Olazabal cambia poco mettendo dentro Molinari e Lawrie al posto di Westwood e McDowell ma le cose vanno leggermente meglio. Eccetto che per “Chicco” Molinari che, affiancato da Rose, nonostante un buon gioco, esce di scena alla 14 sconfitto da Watson e Simpson. Anche Colsaerts e Lawrie cadono sotto i colpi degli americani, nello specifico di Dustin Johnson e Kuchar ma solo alla 18. Peccato perché Colsaerts/Lawrie si erano resi protagonisti di un’ottima rimonta che sembrava poter aggiungere alla causa europea almeno un mezzo punto. Grande dimostrazione di carattere degli esperti Garcia e Donald che in vantaggio 3up fino alla 14 erano stati rimontati da Woods e Stricker fino ad avere un solo colpo di margine sul tee della 17. Il match si è risolto all’ultima buca con la vittoria dell’Europa per 1up. Complimenti a Sergio Garcia e Luke Donald per non essersi fatti intimorire dal furente tifo americano, riuscendo a mettere in cascina un punto fondamentale per evitare che gli odierni singoli si trasformassero in una passerella per il team USA. Ma tutto rimane ancora in gioco grazie anche e soprattutto a McIlroy e Poulter, loro si, capaci di una rimonta, che si sono aggiudicati il quarto match del pomeriggio mettendo K.O Dufner e Zach Johnson. A fine giornata lo score generale indica Usa 10 – Europa 6. I punti di svantaggio raddoppiano rispetto ai match di apertura; adesso, per vincere, l’Europa deve compiere un’impresa.

SI DECIDE TUTTO NEI SINGOLI. Agli americani mancano 4,5 punti per diventare campioni. Proprio per questo saranno fondamentali i primi match a partire visto che delle sconfitte premature potrebbero tagliare le gambe a chi partirà a metà mattinata per non parlare degli ultimi. In questo senso non risulta casuale la scelta di Olazabal di mettere gli esperti e talentuosi Donald, Poulter, McIlroy e Rose nei primi quattro singoli. Almeno stavolta le scelte del capitano europeo sembrano condivisibili, lucide, e non frutto del caso come alcune penalizzanti decisioni prese finora. Guardando al tabellone delle partenze risulta impossibile ad un italiano non notare il nostro orgoglio azzurro, Molinari, che inizierà il suo singolo, l’ultimo della giornata, all’una e quattro ora locale contro Tiger Woods, probabilmente il più grande golfista di tutti i tempi, sicuramente il più famoso.

 

Gli accoppiamenti dei singoli in ordine cronologico:

Donald  vs Watson

Poulter  vs Simpson

McIlroy vs Bradley

Rose vs Mickelson

Lawrie vs Snedeker

Colsaerts vs D.Johnson

McDowell vs Z.Johnson

Garcia vs Furyk

Hanson vs Dufner

Westwood vs Kuchar

Kaymer vs Stricker

Molinari vs Woods

Potrebbe interessarti