Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf

Sassuolo e Livorno non sbagliano, la Serie A si avvicina

di Marco SIMONELLI
Twitter: @marsimonelli

Vittoria importantissima per il Sassuolo che batte il Bari e vede la promozione sempre più vicina. Il Livorno non sbaglia nel derby con il Grosseto e cerca di allontanarsi dal Verona che giocherà lunedì. Si ferma invece il gruppo che insegue i play off, con le sconfitte di Empoli e Novara che arrivano dopo una lunga serie di strisce positive. In coda il Vicenza si avvicina ai play out grazie alla vittoria sulla Pro Vercelli.

Sassuolo implacabile

Sassuolo implacabile

SASSUOLO E LIVORNO, DUE VITTORIE CHE SANNO DI A – Il Sassuolo ricomincia la sua cavalcata vincente verso la Serie A. Dopo aver tirato un po’ il fiato, con cinque giornate di stop, gli uomini di Di Francesco centrano il secondo successo consecutivo e tornano a vedere da vicino la promozione. Contro un ottimo Bari, che sta lottando per non retrocedere solo a causa dei cinque punti di penalizzazione, è un errore del portiere Lamanna a regalare la vittoria ai neroverdi. Le due squadre scendono in campo per vincere proponendo un gioco offensivo che porta subito alle occasioni di Ghezzal da una parte e alla traversa di Berardi dall’altra. Ma la concretezza degli emiliani ha la meglio sugli avversari quando Pavoletti è bravo a incunearsi in area e a trovare lo spazio per l’1 a 0. Il Bari sembra calare e il Sassuolo cerca il gol che chiuderebbe la partita, ma dopo il palo di Troiano i biancorossi trovano un pari prezioso con il tiro da fuori di Defendi. Pareggio che sembrerebbe forse il risultato più giusto ma cinque minuti più tardi il Sassuolo si conferma grande squadra sfruttando con cinismo una delle rare occasioni concesse dagli avversari:sulla punizione di Berardi Lamanna non trattiene e Terranova è lesto ad approfittarne siglando il gol del definitivo vantaggio.Il Sassuolo sale così a quota 80 punti lasciando il Verona, impegnato nel posticipo di lunedì, a -11. Per il Bari invece lo spettro dei play out non è ancora stato scacciato e l’incerta situazione societaria non giova sicuramente all’ambiente.Dopo lo stop con il Novara torna alla vittoria anche il Livorno che batte il Grosseto nel derby toscano. I maremmani, già retrocessi, giocano ormai solo per l’orgoglio e mettono subito in difficoltà gli amaranto attaccando a testa bassa fin dai primi minuti. Gli uomini di Moriero mostrano però tutti i loro difetti esponendosi al contropiede di Pualinho, che firma il vantaggio del Livorno con un bel pallonetto. La gara si accende, Delvecchio e Piovaccari sbagliano i due rigori che valevano il pareggio e Fiorillo si esalta sulla conclusione ravvicinata dello stesso Piovaccari deviando in angolo con un miracolo. L’espulsione di Biraschi a inizio ripresa è il prologo al crollo dei grifoni che subiscono altri due gol dal bomber brasiliano, prima su rigore e poi con un bel destro a giro.

STOP INASPETTATI PER EMPOLI E NOVARA, SI RIAVVICINA IL VARESE – Nella corsa ai play off cadono un po’ a sorpresa Empoli e Novara rimettendo in corsa il Varese. Per gli azzurri di Sarri arriva una sonora sconfitta contro lo Spezia che interrompe la striscia di quattro risultati utili.Se il trio delle meraviglie toscano non brilla quello spezzino va a gonfie vele, con Antenucci, Okaka e Di Gennaro a confezionare i tre gol che stendono un Empoli irriconoscibile e mai in  partita. Per loSpezia è una vittoria importantissima in chiave salvezza che la allontana definitivamente dalle zone basse di classifica.Dopo ben 13 partite cade anche il Novara che si inchina al cospetto di un Modena rivitalizzato dalla cura Novellino. Dopo lo spavento iniziale, con la punizione di Buzzegoli che prende il palo, i canarini fanno propria la gara a inizio ripresa con il gol di Gozzi. I piemontesi le provano tutte per pareggiare la partita ma neanche le quattro punte riescono a scalfire la difesa modenese. In attesa della gara del Brescia il Varese ritorna momentaneamente in zona play off battendo a domicilio la Ternana. Agli uomini del nuovo tecnico Agostinelli, che prende il posto dell’esonerato Castori, basta un gol di Neto Pereira per vincere la gara. Nel finale episodio dubbio per gli umbri, con la punizione di Vitale che viene respinta forse oltre la linea da Bressan.

IL CITTA SI PORTA IN UNA ZONA TRANQUILLA, IL VICENZA SENTE ODORE DI RIMONTA– In chiave salvezza, oltre al già citato Spezia, arrivano tre punti importantissimi per il Cittaddellache batte la Juve Stabia in una gara decisa da due lampi. Il primo è in favore delle vespe, ma Verdi a tu per tu con il portiere calcia a lato, mentre il secondo porta in vantaggio il citta con la spaccata di Di Carmine che vale la vittoria.Finisce con un pareggio il derby calabrese tra Crotone e Reggina. Sono tre rigori a condizionare la gara:il primo di Gerardi porta in vantaggio gli Amaranto, i due di Gabionetta ribaltano il risultato.Quando la gara sembrava ormai vinta dai pitagorici ecco che in mischia arriva l’autogol di Del Prete che riporta la parità definitiva. Per il Crotone dunque la salvezza è vicina ma non ancora raggiunta, mentre la Reggina non riesce ad uscire dalla zona play out. Cesena e Lanciano non si fanno male rimandando il discorso salvezza alle prossime partite. Il pareggio, con le reti di Piccolo e Succi,serve forse più ai bianconeri mentre lascia i frentani in una situazione di classifica ancora pericolosa. Il Vicenza non sbaglia la sfida chiave per la permanenza in B vincendo contro la Pro Vercelli e portandosi a -2 dai play out. Bojinov, Malonga e Bellazzini regalano tre punti fondamentali per continuare a sperare, anche se piano piano il sogno si sta trasformando in realtà.

Potrebbe interessarti