Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf
Serie B

Sassuolo e Verona in Serie A, Livorno ai playoff

di Marco SIMONELLI
Twitter: @marsimonelli

Sassuolo e Verona conquistano la Serie A al termine di un campionato che le ha viste protagoniste dall’inizio alla fine. Aineroverdi, contro il Livorno, serve un gol al 97’ per avere la tranquillità della promozione, mentre l’Hellas si accontenta di un pari a reti bianche contro l’Empoli. Empoli e Livorno che dovranno dunque giocare i play offa cui parteciperanno anche Novara e Brescia, che batte il Varese e centra il sesto posto. In coda non riesce il miracolo a Vicenza e Ascoli che retrocedono senza passare dai play out.

Sassuolo in A
Sassuolo in A

SASSUOLO E VERONA IN A, CHE LA FESTA COMINCI! – Alla fine è arrivata! Dopo tre match point falliti e il rischio concreto di dover affrontare i play off, il Sassuolo raggiunge quella Serie A tanto sognata. Dopo un campionato dominato dall’inizio alla fine è solo un gol di Missiroli al 97’ a far finalmente esultare i tifosi dopo una gara, quella contro il Livorno, vissuta in apnea. È sì, perché nella battaglia del Braglia la sconfitta contro gli Amaranto voleva dire play off, una beffa incredibile per i neroverdi dopo aver condotto magistralmente la Serie B per tutto l’anno.E invece la gioia di Mister Di Francesco e di tutta una città esplode nei minuti di recupero, quando Missiroli corona con un gol una promozione storica. Promozione meritatissima ma che si stavacomplicando nelle ultime giornate, quando la paura di vincere aveva minato un cammino fantastico.Contro il Livorno è questa stessa paura a condizionare l’andamento della gara. Un gol, in un senso o nell’altro, poteva compromettere il campionato di entrambe le squadre. I toscani con una vittoria avrebbero scavalcato proprio il Sassuolo e avrebbero centrato la promozione diretta.Dopo un inizio sprint degli emiliani, con la traversa presa da Missiroli, il Livorno prende campo con il passare dei minuti e sfiora il gol con il colpo di testa di Dionisi. In apertura di ripresa Boakye spreca il contropiede che poteva chiudere i giochi mentre l’espulsione di Antei rischia di intaccare la gara dei neroverdi. Da qui in aventi è un assedio alla porta di Pomini, la partita diventa nervosa e vengono espulsi anche Fiorillo e Berardi. Nel finale, quando i giochi sembrano comunque fatti, arriva la ciliegina sulla torta, con il gol di Missiroli che manda in paradiso una città interae relega il Livorno ai play off. Nel frattempo nella gara tra Verona ed Empoli non succede assolutamente nulla, con le due squadre che non si fanno male accontentandosi di un risultato che va bene ad entrambe e che gli consente di centrare i propri obiettivi. È uno 0 a 0 senza emozioni che manda direttamente in A l’Hellas e permette agli azzurri di andarsi a giocare i play off.Il Verona torna nella massima categoria dopo ben 11 anni grazie ad un campionato attento giocato sempre su ritmi alti. Per l’Empoli la gioia di disputare i play off contro il Novara.

AI PLAY OFF NOVARA E BRESCIA. RETROCEDONO VICENZA E ASCOLI – Zona play off in cui entra anche il Brescia che, nello sprint finale, batte e scavalca il Varese al sesto posto. Dopo un primo tempo in cui Oduamadi semina il panico nella difesa delle rondinelle è nella ripresa che il Brescia riesce a conquistare i tre punti. Sono i suoi uomini più rappresentativi a trascinare la squadra alla vittoria, con capitan Zambelli che di testa sigla il vantaggio e con l’airone Caracciolo che chiude i giochi con un tap in vincente diventando il miglior marcatore nella storia delle rondinelle.Ma il tempo per festeggiare non c’è, perché ora ci si deve preparare alla sfida più importante, quella semifinale contro il Livorno che vale una stagione. Era ormai certo del quinto posto il Novara che entra dunque nei play off dopo una rimonta pazzesca effettuata nella seconda parte di campionato.Controil Lanciano finisce con una pareggio dovuto al bellissimo colpo di tacco di Falcinelli e dalla risposta di Rubino. Per i frentani arriva la tanto sognatae meritata salvezza dopo la promozione dalla Lega Pro dell’anno scorso. Salvezza che invece non riescono a raggiungere Ascoli e Vicenza, fermate da Cittadella e Reggina negli scontri diretti che potevano determinare la permanenza nella serie cadetta. Ai bianconeri non basta il gioiello Zaza per battere il Citta ma anzi subiscono al 90’ il gol di Baselli che regala la salvezza ai granata.Il Vicenza pareggi a reti bianche contro la Reggina escludendo così la possibilità di disputare i play out. Gentili ci prova nel finale ma un super Baiocco mantiene inviolata la sua porta condannando i biancorossi.

ALLE 14.30 LE GARE CHE NON DECIDONO NULLA – Alle 14.30 vengono relegate le gare tra le squadre che non hanno più nulla da chiedere al campionato. Arrivano gol e spettacolo nella sfida tra Grosseto e Bari con i Galletti che si portano sul 3 a 1 ma che vengono rimontati e superati nel finale dai gol di Coulibaly, Piovaccari e del sedicenne Fanciulli. La Ternana passa contro il Padova grazie al rigore di Vitale e al gol di Bencivenga che annulla il pari momentaneo di Cutolo. Finiscono 1 a 1 le sfide tra Spezia e Modena e tra Cesena e Pro Vercelli. Nella gara del Picco al gol di Ardemagni (ventitreesimo gol per lui) risponde nel finale Sansovini, mentre a Cesena Tonucci e Ragatzu fissano il punteggio.

Potrebbe interessarti