Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf
Serie B

Serie Bwin: Sassuolo implacabile, il Livorno insegue

di Leonardo FRANCESCHINI

Il nono turno di Bwin è stato foriero di sorprese come di attese conferme: il Sassuolo non perde mai, è un dato di fatto, lo dicono i numeri; il Livorno reagisce e torna alla vittoria nel posticipo di Reggio Calabria. La sorpresa di giornata arriva da La Spezia dove la Ternana mette sotto scacco i padroni di casa per 90 minuti ma si fa rimontare nel recupero da un rigore di Di Gennaro.

Sassuolo implacabile, il Livorno insegue

Tra le altre Modena ed Ascoli si impongono per 3-0 fuori casa, l’Hellas di Cacia liquida agevolmente il Grosseto per 2-0; il Padova si prende il derby con il Vicenza. Altro sorprendente risultato è quello dell’anticipo di Castellammare dove la Juve Stabia esce vittoriosa dallo scontro con il Bari.

SASSUOLO 4 VARESE 0: CHI FERMERA’ I NEROVERDI ? IL LIVORNO ESPUGNA IL “GRANILLO”. HELLAS OK, SPEZIA FORTUNATO. Ieri pomeriggio, alle 15.00, nella Domenica di Bwin (approfittando della sosta della Serie A), il Sassuolo ho fatto 8. L’ottava vittoria in campionato è stata raggiunta contro il Varese, per 4-0. Gazzola al 14’, Terranova al 74’, su rigore, Chibsa all’82’ e Catellani all‘85’ a chiudere, hanno partecipato più che attivamente all’ennesimo successo targato Di Francesco. Il Varese è rimasto inerme dinnanzi ad un Sassuolo travolgente come sempre e, forse, anche più del solito. Ad ogni modo gli emiliani rimangono primi, con 26 punti su 28 a disposizione finora, sempre più lanciati verso una promozione che già sembra probabile dopo nemmeno metà del girone d’andata. Nel posticipo domenicale il Livorno affrontava la Reggina. I toscani sono riusciti ad uscire con tre punti dalla tana dei calabresi completando una straordinaria rimonta nel finale. Trascinatore del Livorno è stato Dionisi, autore di una doppietta, capace di rispondere prontamente al 40’ alla rete del reggino Adejo arrivata cinque minuti prima. Nella seconda frazione, al 75’, Paulinho ha portato avanti i suoi: 2-1. La ciliegina sulla torta l’ha messa, come detto, Federico Dionisi gonfiando la rete ancora all’89’. I toscani dunque dimostrano carattere andando a vincere a Reggio dopo la cinquina rimediata dallo Spezia e cercano di star dietro a quegli extraterrestri del Sassuolo lontani 6 lunghezze. L’Hellas Verona sempre più del bomber Cacia si è sbarazzata senza difficoltà alcuna del Grosseto fanalino di coda della Bwin. Il successo per 2-0 porta, non a caso, la firma di Cacia in goal prima al 33’, poi nuovamente al 55’. Terzo posto solitario per i veronesi a -7 dalla vetta. Tra Spezie e Ternana è andata in scena una bellissima gara: due squadre neopromosse ma, per diversi motivi, già competitive e ben organizzate, in grado di giocarsi alla grande la serie cadetta. In realtà, tra le due, sarebbe spettato allo Spezia fare la parte del leone: l’organico dei liguri è considerato tra i primi 3/4 della Bwin, i bianconeri venivano da un clamoroso ed inatteso successo esterno per 5-1 sul Livorno. La Ternana invece, d’altro canto, si sta comportando più che bene nel secondo campionato italiano disputando gare che, probabilmente, vengono giocate anche al di sopra delle possibilità degli umbri stessi. In ogni caso anche ieri la Ternana ha continuato su questa falsa riga costringendo lo Spezia ad un recupero in extremis dagli undici metri, al 90+1’ di gioco, di cui l’autore è stato lo specialista scuola Milan Di Gennaro. A dieci minuti dall’inizio del secondo tempo Litteri aveva segnato il goal del momentaneo e meritato 1-0 per i rossoverdi di Terni. Le due squadre attualmente, dopo lo scontro di ieri, sono appaiate a 14 punti in quarta posizione a pari merito.

BARI A PICCO: FUORI CASA NON SI VINCE DALLA SECONDA GIORNATA. MODENA SOLIDO; PADOVA BRAVO E FORTUNATO. Perde nuovamente il Bari lontano dal “San Nicola” e rimane sconfitto per la seconda volta nelle ultime tre gare. Il fortino delle “vespe” campane quest’anno, a differenza dello scorso, è stato tutt’altro che inespugnabile: vi hanno vinto Varese e Livorno, pareggiato il Vicenza. Ma i galletti pugliesi ultimamente stanno attraversando un periodo buio dopo un avvio sprint necessario e decisivo per cancellare la penalizzazione il prima possibile. A stendere il Bari sul campo c’ha pensato con una doppietta Jerry Mbakogu, possente punta italo-nigeriana classe ’92. Si è invece rivelata inutile la rete del temporaneo pari di Caputo, al 54’. Il Modena è insieme alla Ternana la lieta sorpresa di questo inizio campionato: una squadra solida, con un organico “normale”, ben organizzata e compatta nei vari reparti con l’arma in più Ardemagni, vero attaccante di razza già a 7 reti in stagione (capocannoniere insieme con Cacia). Anche ieri in terra piemontese, a Cittadella, Ardemagni non ha mancato l’appuntamento con il goal contribuendo al 3-0 dei suoi con una doppietta. La terza rete del Modena è stata invece provocata da un’autorete di Pellizer, al 41’. Modena quinto in classifica con 13 punti a pari merito con il Padova. Padova che ha vinto sempre nel pomeriggio di ieri, aggiudicandosi il sentitissimo derby contro il Vicenza. Un match molto teso, prima del quale, addirittura, sarebbero avvenuti degli scontri tra le tifoserie che, fortunatamente, sono stati spenti sul nascere dal tempestivo intervento dei poliziotti. Sul campo il Vicenza ha giocato un’ottima partita cogliendo due legni e vedendosi annullare ingiustamente un goal regolare. Il Padova invece ha finalmente dato prova di essere una grande squadra, cinica ed attenta a sfruttare ogni occasione: doppietta dell’uomo derby Cutolo e tre punti messi in cascina.

ACUTO NOVARA: QUATTRO RETI AL BRESCIA. VIRTUS E PRO LIMITANO I DANNI: 1-1. A CESENA ZERO RETI E 10 GIALLI; ASCOLI CORSARO AD EMPOLI. Buona prova del Novara che infila quattro goal contro il Brescia che si dimostra poca cosa oltre Caracciolo. Per gli azzurri segnano Mehmeti, Gonzalez, Stovini e Baclet; per le rondinelle invece va a segno due volte Caracciolo, al 64’ ed al 82’. Espulso Mitrovic del Brescia per somma d’ammonizioni. Bene anche l’Ascoli che, in quel di Empoli, ne fa addirittura tre. I bianconeri di Ascoli Piceno sembrano essersi finalmente rimessi sulla giusta strada dopo un’avvio choc. L’Empoli  sembra davvero una squadra destinata a retrocedere quest’anno viste le prestazioni offerte nel corso della stagione. I toscani si sono dunque arresi alle reti di Zaza, Feczesin e Russo. L’Ascoli sorride e torna nella parte di sinistra della classifica con i suoi 12 punti. Brutto pareggio senza goal tra Cesena e Crotone. Al “Manuzzi” di Cesena a farla da padrone è il nervosismo: 10 gialli estratti dall’arbitro, cinque ad indirizzo dei padroni di casa ed altrettanti mostrati ai calabresi. I ventidue in campo forse hanno presso troppo alla lettere il fatto che stessero giocando a “calcio” dando una loro personalissima e disastrosa interpretazione del gioco. Stesso risultato, ma con goal, si è verificato a Lanciano. Virtus e Pro Vercelli hanno finito per annullarsi chiudendo il match sull’1-1 grazie alle marcature di Masi, per la Pro, e di Vastola per gli ospiti.

Potrebbe interessarti