Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf

Ligue 1: Festa PSG, 19 anni dopo torna campione di Francia.

di Tommaso DE SIMONE

A due giornate dal termine del campionato cominciano ad arrivare le prime sentenze in Ligue 1. Il Paris Saint Germaine si è laureato campione di Francia per la terza volta nella sua storia. Ufficiale anche la qualificazione diretta alla fase a gironi della prossima Champions League dell’Olimpique Marsiglia; così come la retrocessione del Brest.

PSG-Campione-di-Francia
PSG-Campione-di-Francia

Nel posticipo serale la capolista viaggia a Lione per affrontare l’Olimpique ancora bisognoso di punti per assicurarsi un posto in Champions. Nonostante le assenze di Verratti, Thiago Silva e Sirigu i parigini sono determinati a sfruttare il secondo match point a loro disposizione ed escono con i tre punti dallo Stade Gerland. Un goal dell’ex giocatore della Roma Jeremy Menez decide una partita molto equilibrata e consente al PSG di laurearsi campione di Francia con due giornate d’anticipo. Obiettivo minimo raggiunto quindi, considerando i soldi investiti dalla proprietà qatariota. Per la squadra della capitale si tratta però solamente del terzo trionfo della sua storia, il primo dopo ben 19 anni. Ancelotti riesce così a conquistare il campionato anche in Francia, dopo esserci già riuscito in Italia e Inghilterra, così come Ibrahimovic, giunto al suo nono titolo in carriera, dopo quelli conquistati con le maglie di Ajax, Juventus, Inter, Barcellona e Milan.

Il Marsiglia deve così accontentarsi della seconda piazza, blindata dopo la vittoria interna ottenuta sabato ai danni del Lorient. Al Velodrome una doppietta di Andre Ayew consente ai marsigliesi di essere certi di entrare in Champions dalla porta principale; inutile per gli ospiti il goal del neoentrato Ben Basat a pochi minuti dalla fine.

Come detto non fa punti il Lione, sempre fermo a 63 punti, ma ancora al terzo posto in classifica. Non approfittano della situazione infatti le prime due inseguitrici dell’OL, entrambe sconfitte. Il Nizza viene sconfitto addirittura 4-0 dall’Evian, che grazie alle reti di Beriguard, Rabiu e alla doppietta di Khlifa conquista tre punti fondamentali in grado di portarli fuori dagli ultimi tre posti. Cade di domenica anche il Saint-Etienne, sconfitto 3-1 allo Stade du Moustoir. Monnet-Paquet, Robert e Jouffre consegnano i tre punti al Lorient, mentre il goal di Zouma all’80° rende solo la sconfitta dei verdi meno amara. E’ salito dunque al quarto posto il Lille, che ha sfruttato gli scivoloni delle tre rivali per portarsi a -3 dalla zona Champions, vincendo 3-0 (doppietta dell’ivoriano Kalou e rete di Payet) nell’anticipo del venerdì contro il neopromosso Reims.

In coda è ormai ufficiale la retrocessione del Brest ultimo in classifica con 29 punti e sconfitto sabato per 2-0 in casa dal Socheaux, che grazie alla doppietta di Privat si porta al sedicesimo posto con 40 punti. Poco sotto, appaiate a 39, Reims e Ajaccio. I corsi sono stati battuti in casa dal Troyes, al quale è bastata la rete al 17° di Jarjat per alimentare le speranze di salvezza, portandosi a 34, ma restando a -3 dall’Evian, ultima squadra a restare nella massima serie. Rimane tra le due, a 35, l Nancy, che non riesce a far punti a Bordeaux, dove capitola per 3-2 beffato nel finale da una rete di Tidiane Diabate.

Concludono la giornata di Ligue 1 le vittorie interne di Valenciennes (4-1 al Rennes) e Bastia (3-1 ai campioni uscenti del Montpellier, con doppietta di Modeste), utili solo per completare il tabellino, ma ininfluenti ai fini della classifica.

Potrebbe interessarti