Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf

Premier League: Chelsea beffato, il QPR passa a Stamford Bridge

di Marco SIMONELLI

Poker servito per il Manchester United che si sbarazza con facilità del Wigan grazie ai gol dei suoi attaccanti. Il City cerca di non far scappare ulteriormente i cugini e ci riesce superando lo Stoke. Subito dietro il Tottenham vince contro il Reading e approfitta della sconfitta del Chelsea per scavalcarlo al terzo posto.

Chelsea v QPR 0-1

LO UNITED CALA IL POKER, IL CITY INSEGUE – Il Manchester Unitedinizia l’anno nel migliore dei modi, centrando la sua terza vittoria consecutiva e tenendo ancora a distanza le inseguitrici. Contro ilWigan non c’è partita e gli uomini di Ferguson portano a casa un rotondo 4 a 0 grazie alle doppiette di Hernandez e Van Persie. Dopo una prima mezz’ora tutta di marca United è il Chicharito a sbloccare la gara con un facile tap in, mentre l’olandese raddoppia prima dell’intervallo piazzandola sul palo lontano dopo aver messo a sedere un difensore. La timida risposta dei Latics arriva a inizio ripresa ma il gol di Konè è annullato per fuorigioco e allora, passato lo spavento, sono ancora i RedDevils a rendersi pericolosi e a chiudere il match ancora con Hernandez. Nel finale un pasticcio della difesa permette a Van Persie di segnare la doppietta che porta a quota16 le sue marcature in Premier.

Vince anche il Manchester City, rifilando tre gol alla (ex) difesa meno battuta di questo campionato, quella dello Stoke. Nel primo tempo Aguero ci prova in tutti i modi ma la traversa prima, Begovichpoi e infine il palo gli negano la gioia del gol. Il portiere dei Potters sembra in grande forma ma prima dell’intervallo non può nulla sul tap in vincente di Zabaleta dopo essersi opposto di piede alla conclusione di Milner. A inizio ripresa Dzeko augura buon anno a tutti i tifosi segnando il gol del raddoppio e al 70’il KunAguero mette il sigillo realizzando il rigore (assegnato per un fallo avvenuto fuori area) che chiude la partita.City che con questa vittoria cerca di rimanere in scia ai cugini per approfittare di un eventuale passo falso.

TOTTENHAM SEMPRE PIU’ CHAMPIONS, STOP CHELSEA– Un Tottenham in forma strepitosa continua nel suo periodo positivo battendo il Reading, scavalcando momentaneamente il Chelsea al terzo posto e allungando sulle altre pretendenti alla zona Champions. Gli ospiti si portano subito in vantaggio grazie al solito Pogrebnyak ma la reazione degli Spurs è immediata e arriva dopo appena cinque minuti con il pareggio di Dawson. A inizio ripresa il colpo di testa di Adebayor porta in vantaggio il Tottenham, che chiude il match a dieci dal termine con il tiro deviato di Dempsey che scavalca Federici.

Stop inaspettato per il Chelsea che viene sconfitto dal Qpr e perde dunque la terza posizione in classifica aspettando il recupero contro il Southampton. Dopo un primo tempo in cui avincere è la noia, con il solo tiro di Oscar deviato da Lampard a impegnare J.Cesar, nella ripresa la partita si movimenta. Ivanovic, sfiora la traversa di testa, Torres si fa murare dal portiere brasiliano e Lampard si vede annullare un gol molto dubbio. La squadra di Redknapp sembra potersi accontentare del pari ma al 78’ trova, quasi casualmente, il gol vittoria di Wright-Phillips che con un diagonale potente batte Turnbull. Nel finale il forcing del Chelsea porta ancora Ivanovic a sfiorare il gol di testa ma niente più. Per il Qpr tre punti d’oro e boccata d’ossigeno in vista dei prossimi impegni sulla carta proibitivi.

L’EVERTON NON MOLLA – L’Everton prova a rimanere attaccato all’Europa che conta battendo unNewcastle tutta grinta. Sono proprio i Magpies a passare in vantaggio dopo appena un minuto con Cissèma la reazione dei Blues di Liverpool è immediata e costringe Krul agli straordinari su Baines e Pienaar.Il meritato pareggio dei Toffees arriva poco prima dell’intervallo con la punizione di Baines leggermente deviata da Obertan. Nella ripresa il gol del vantaggio del neo entrato Anichebe da vita a un finale di gara intensissimo, con il Newcastle all’arrembaggio che non riesce però a capitalizzare le varie occasioni. Per la squadra di Pardew la situazione di classifica diventa preoccupante e con Bà in partenza, destinazione Chelsea, il futuro è sempre più difficile.

Perdono terreno invece Arsenal e West Bromwich, con i Gunners fermati sul pari da un ottimo Southampton e i Baggies sconfitti dal Fulham. Al St Mary’sStadium è Gaston Ramirez a portare in vantaggio i Saints ma lo sfortunato autogol di Do Prado ristabilisce la parità prima dell’intervallo.I padroni di casa giocano alla grande e provano a vincere la gara, ma prima Szczesny si oppone al gol del riscatto di Do Prado e poi il guardalinee annulla una rete regolare a Ramirez.

Il West Bromwichviene invece sconfitto dalFulham,che si risolleva dopo un periodo negativo. Berbatov spreca il gol del vantaggio al 30’ ma si rifà pochi minuti dopo concludendo in rete una bella azione diDejagah. A inizio ripresa il Wba pareggia con Lukaku e sfiora il raddoppio con i pali colpiti dall’attaccante belga e da Gera. Il gol dei Baggies non arriva e allora ci pensa Kacaniklic a riportare la gara in favore dei Cottagers con la rete che chiude la partita.

IL LIVERPOOL FIUTA L’EUROPA – A questo gruppetto a caccia di posti europei si avvicina il Liverpool che supera senza difficoltà il Sunderland. Il bel gol al 20’ di Sterling e la doppietta di Suarez, che gli permette di rimanere in scia a Van Persie, piegano le fragili resistenze dei Black Cats che non riescono a reagire.

Pareggiano per 2 a 2 Swansea e Aston Villa con i gallesi a portarsi in avanti grazie a Routledge ma che vengono ripresi prima dell’intervallo da Weimann. Nella ripresa il rigore di Benteke regala l’illusione della vittoria ai Villan ma il gol di Graham riporta tutti con i piedi per terra.

Torna alla vittoria anche il West Ham che batte un Norwich in fase calante. Gli Hammers mettono al sicuro il risultato già dopo venticinque minuti grazie al rigore di Noble e al gol di O’Brian. La rete al 90’ di Martins arriva troppo tardi per sperare in una rimonta dei Canaries.

Potrebbe interessarti