Notizie in tempo reale, Calcio, Serie A, Serie B, Premier League, Liga, Bundesliga, Ligue 1, Champions League, Calciomercato, F1, MotoGp, Tennis e Golf

Premier League: Lo United ipoteca la Premier, torna a sorridere il Chelsea

di Marco SIMONELLI

Lo United vince la “Red War” contro il Liverpool e continua nella sua corsa solitaria verso il titolo. L’unica squadra a tenere il passo è il City di Mancini che batte l’Arsenal e rimane a sette punti di distanza. Torna alla vittoria il Chelsea che si riprende il terzo posto ai danni del Tottenham, fermato sul pari dal Qpr.

Manchester-United-v-Liverpool

UNITED IMPLACABILE, CITY IN SCIA – Il Manchester United si conferma squadra solida e straordinaria riuscendo a vincere anche il Derby d’Inghilterra contro il Liverpool. Con Rooney ancora fuori è il solito Robin Van Persie a portare in vantaggio lo United sfruttando al meglio il cross basso di Evrà dopo una splendida azione manovrata. La partita si accende ma il Liverpool non riesce a reagire e i Red Devils sfiorano più volte il gol del meritato raddoppio con Van Persie, Welbeck e Cleverly. Allo scadere l’occasione più clamorosa, con il tacco dell’olandese salvato sulla linea da Agger e con Kagawa che non trova la palla del più facile dei tap in. A inizio ripresa arriva il secondo gol dello United, con la leggera deviazione di Vidic sul colpo di testa di Evrà che beffa Reina. La reazione dei Reds è immediata e si concretizza con il gol del neo entrato Sturridge che sfrutta la respinta di De Gea sul tiro di Gerrard. La “Red War” si accende definitivamente, il Liverpool ci crede e inizia l’assedio che produce il tiro di poco a lato di Borini e quello alto, da ottima posizione, dell’autore del gol. La squadra di Ferguson tiene però botta fino al 90’, congelando il risultato e conquistando i tre punti che gli consentono di continuare la sua marcia verso il titolo.

Il City tiene il passo dei Red Devils sbancando l’Emirates con i gol di Milner e Dzeko. Contro l’Arsenalla gara inizia subito in discesa per gli uomini di Mancini grazie al fallo da ultimo uomodi Koscielny, con conseguente rigore ed espulsione. Sul dischetto Dzeko si fa ipnotizzare da Szczesny, che di piede devia sul palo prima di bloccare la palla sulla linea. Ma con l’uomo in più non c’è partita e il gol arriva poco dopo grazie al bel diagonale di Milner. I Gunners non riescono a reagire e allora arriva il raddoppio del bosniaco che si fa perdonare l’errore dal dischetto. I Citizens non hanno difficoltà a controllare il risultato,ma al 70’ si ristabilisce la parità numerica con l’espulsione di Kompany per un’entrata a piedi uniti su Wilshere. L’Arsenal nel finale riprende un po’ di fiducia e si fa vivo dalle parti di Hart con Walcott, ma il suo tiro è salvato sulla linea da Lescott. Svaniscono così le ultime speranze dei londinesi, mentre per il Manchester arriva un’importantissima vittoria attesa da anni.

WALTERS AIUTA IL CHELSEA, SPURS FERMATI DA JULIO CESAR – Il Chelsea espugna il fortino del Britannia Stadium e si riprende il terzo posto ai danni del Tottenham. Contro lo Stoke, mai sconfitto tra le mura amiche in questa stagione, i Blues passano grazie alla giornata sfortunata di Walters che segna due gol nella porta sbagliata e fallisce un rigore. Il muro eretto dai Potters sembra inattaccabile e quando accenna qualche cedimento è Begovic a salvare la propria porta, come sul tiro ravvicinato di Lampard e sul diagonale di Ba.Ci pensa allora l’esterno bianco rosso a portare sul doppio vantaggio il Chelsea, deviando in rete prima il cross di Azpilicueta e poi l’angolo di Mata. Il muro crolla definitivamente con il rigore segnato da Lampard che sorpassa Kerri Dikson al 2° posto nella classifica dei marcatori della storia del Chelsea a quota 194 gol. Al 72’ arriva anche la rete su azione con il gran tiro da fuori di Hazard su cui Begovic non può nulla. Nel finale di partitaWalters si procura il rigore del possibile gol della bandiera ma dal dischetto l’irlandese calcia alto completando così la sua giornata da incubo.

Pareggio senza reti nel derby di Londra tra Qpr e Tottenham, con i Rangers che vengono salvati da uno strepitoso Julio Cesar. Le emozioni sono tutte nei primi minuti, con il tiro di Defoe deviato sul palo dal portiere brasiliano e con la ribattuta di Adebayor murata ancora dall’ex Inter che gli chiude la strada con un intervento straordinario. Passano appena cinque minuti e Wright-Phillips potrebbe portare il Qpr in vantaggio ma il suo tiro è deviato in angolo da Dawson.Da qui in poi le occasioni sono pochissime grazie anche a una grande prova difensiva dei Rangers, salvato ad inizio ripresa ancora da J. Cesar che ferma di piede il tiro deviato di Defoe.

OCCASIONI MANCATE – Tra Everton e Swansea c’erano tutte le migliori premesse per una partita spettacolare e invece a Goodison Park finisce senza reti. Sono i Toffees a fare la partita e ad andare vicino al gol con Jelavic e Benteke, mentrei gallesi si fanno vedere in avanti solo grazie al solito Michu, oggi osservato speciale dal CT della Spagna Del Bosque. Nei minuti finali ancora Jelavic ha la palla giusta per sbloccare il match ma il suo tiro finisce alto e così si spengono le ultime speranze di vittoria dell’Everton.

Non approfitta dei tanti passi falsi il West Bromwich che cade a Reading nei minuti finali quando aveva ormai la vittoria in pugno. I due gol di Lukaku, intramezzati da un palo e da una traversa sempre del belga, sembravano mettere al sicuro il risultato, ma i Royals si svegliano a dieci minuti dal termine e ribaltano il risultato con Kobe, Le Fondre su rigore e Pogrebnyak. Il gol del russo al 90’ regala al Reading tre punti importantissimi per la corsa salvezza.

IN CODA – Si ricompatta la seconda metà della classifica soprattutto grazie alle vittorie di Sunderland e Southampton. I Black Cats battono il West Ham in una gara dominata già dai primi minuti e si portano a un punto dai londinesi. Al 12’ è Larsson a portare in vantaggio i suoi grazie ad un gran tiro dalla distanza prima del gol di Johnson che chiude il match già a inizio ripresa. Dopo il palo di Colback ci pensa McClean a mettere il punto esclamativo sulla gara segnando il gol del definitivo 3 a 0.

Finisce senza reti la sfida tra Norwich e Newcastle, con le due squadre quasi timorose di farsi del male. Nel primo tempo Bunn e bravo a chiudere la porta ai Magpies, mentre nella ripresa sono i Canaries ad andare vicino al gol con il palo di Martin.

Pareggio con un gol per parte invece tra Fulham e Wigan, con i Cottagers a portarsi in vantaggio grazie al bel tiro di Karagounis che colpisce il palo ed entra in rete. Il Wigan non ci sta e va vicino al gol con Maloney, sul cui tiro è bravo Schwarzer a deviare sulla traversa, e Di Santo. È proprio il numero 9 dei Latics a siglare la rete del meritato pareggio che gli permette di uscire dalla zona retrocessione ai danni dell’Aston Villa.

Villans che vengono battuti nella sfida salvezza con il Southampton e continuano nel loro periodo di crisi. Al Villa Park è un rigore inesistente realizzato da Lambert a regalare i 3 punti ai Saints che si portano così in una zona più agiata di classifica.

Potrebbe interessarti